NON SOLO LE OPINIONI: ORA I SOCIAL NASCONDONO ANCHE LE RICERCHE SCIENTIFICHE CONTRARIE AL POLITICAMENTE CORRETTO - IL BIOLOGO COLIN WRIGHT E' STATO CENSURATO SU INSTAGRAM PER AVER CONDIVISO I RISULTATI DI UNA RICERCA SCIENTIFICA SUI TRANSGENDER - SECONDO LO STUDIO CHI NASCE UOMO, ANCHE SE SI SOTTOPONE A TERAPIE ORMONALI, MANTIENE COMUNQUE UN VANTAGGIO FISICO RISPETTO ALLE DONNE IN ALCUNI SPORT - LA RICERCA ERA STATA REALIZZATA IN VISTA DELLE OLIMPIADI DI TOKYO PER VERIFICARE I CRITERI STABILITI DAL CIO...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Il post di Colin Wright censurato da Instagram Il post di Colin Wright censurato da Instagram

Colin Wright, biologo evoluzionista americano, è stato censurato da Instagram per aver condiviso sul social i risultati di uno studio sui transgender di un’importante rivista medica. La ricerca affermava che in molti sport gli uomini sono biologicamente superiori alle donne.

 

Lo studio, confotto dall’Università di Manchester e del del Karolinska University Hospital di Stoccolma, intitolato Transgender Women in the Female Category of Sport: Perspectives on Testosterone Suppression and Performance Advantage, era stato pubblicato su Medicine& Sports, rivista scientifica fondata nel 1969.

 

Colin Wright, che ha collaborato con il Wall Street Journal ed è stato nel mondo accademico per 12 anni, aveva condiviso un grafico tratto dallo studio che mostrava come chi nasce biologicamente maschio ha un vantaggio in termini di prestazioni rispetto a chi nasce biologicamente femmina in molti degli sport in cui i transgendere sono stati ammessi alle Olimpiadi.

 

Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi Laurel Hubbard, la prima trans alle Olimpiadi

A conclusioni scientifiche simili sono arrivati anche i ricercatori dell’Università di Loughborough, che sul British Journal of Sports Medicine hanno pubblicato uno studio dal titolo: “In che modo la transizione ormonale nelle donne transgender modifica la composizione corporea, la forza muscolare e l’emoglobina?”.

 

Entrambi gli studi sono stati pubblicati prima delle Olimpiadi di Tokyo 2020, a cui per la prima volta hanno partecipato atleti transgender. Gli studi hanno concuso che anche dopo tre anni di terapia ormonale le donne transgender conservano ancora vantaggi in termini di forza rispetto alle donne biologiche.

 

Il grafico che mostra le differenze tra uomini e donne Il grafico che mostra le differenze tra uomini e donne

Gli studi sono stati realizzati per verificare se i criteri del Comitato Olimpico Internazionel (CIO) per l’idoneità degli atleti eliminassero effettivamente il vantaggio nelle prestazioni di possedere corpi maschili.

 

Il Cio ha stabilito che i livelli di testosterone totale di un atleta devono essere al di sotto di 10 nanomoli per litro per almeno 12 mesi prima e durante la competizione.

 

Entrambi gli studi hanno scoperto che le riduzioni di forza, massa magra, massa muscolare e densità ossea attraverso l'uso di regimi tipici di soppressione del testosterone mostrano una differenza minima rispetto alla differenza media tra uomini e donne biologici, lasciando i primi con un vantaggio in termini di prestazioni. 

 

Il grafico condiviso da Wright mostrava il vantaggio prestazionale maschile che i corpi degli uomini cisgender consentivano loro rispetto alle donne cisgender.

 

Il post di Colin Wright Il post di Colin Wright

L'illustrazione mostra che, anche se gli uomini hanno un vantaggio in termini di prestazioni, esso varia nei diversi eventi sportivi a seconda del livello e del tipo di abilità fisica o fisiologica o della misura del successo che ogni sport richiede.

 

Lo studio di Medicina dello Sport suggerisce che invece di una linea guida per tutti gli atleti transgender, le singole federazioni sportive dovrebbero determinare le proprie condizioni per i loro eventi. 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“DI MAIO DICE UNA BUGIA E MERITEREBBE UNA QUERELA” - VITTORIO SGARBI SI È INCAZZATO PER LA PAGINE DEL LIBRO DI LUIGINO A LUI DEDICATE: “IO NON HO MAI MALTRATTATO LE DONNE, COME DICHIARA LUI. LA MIA VIOLENZA VERBALE NON È DIRETTA ALLE DONNE IN PARTICOLARE. IO INSULTO TUTTI, SENZA DISTINGUERE UOMINI O DONNE. E POI NON ESISTE NEPPURE UNA FRASE IN CUI IO ABBIA DETTO A DI MAIO CHE È OMOSESSUALE O GAY. PER DI PIÙ IO NON HO MAI USATO LA PAROLA OMOSESSUALE IN SENSO NEGATIVO E TANTO MENO VERSO LUIGI DI MAIO"

business

RETROSCENA SUL NAUFRAGIO MPS-UNICREDIT – CON IL SUO “VAFFA” AL TESORO ANDREA ORCEL AVRA' SALVATO UNICREDIT MA SI È GIOCATO, DOPO MILANO, ANCHE LA BENEVOLENZA DEI PALAZZI ROMANI PER EVENTUALI ACQUISIZIONI, A PARTIRE DA BPM. NON È UN CASO CHE ORCEL ABBIA SPOSTATO ALL’ESTERO LE SUE BRAME: LA FRANCESE SOCIÉTÉ GENERALE E LA SPAGNOLA BBVA – L’IRA DI DRAGHI: IL DG DEL TESORO RIVERA DOVEVA ACCORGERSI PRIMA DEGLI OSTACOLI CHE HANNO FATTO SALTARE LA TRATTATIVA - PATETICO INCONTRO TRA RIVERA E CASTAGNA PER SPINGERE BPM A SCIROPPARSI GLI SCARTI DI MPS RIFIUTATI DA ORCEL - SI APRE LA VIA DEL TERZO POLO?

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute