NUOVI DETTAGLI SULLO “SCOREGGIA GATE” IN RAI - LA GIORNALISTA DEL TG1, DANIA MONDINI, CHE HA ACCUSATO I SUOI SUPERIORI DI DEMANSIONAMENTO E DI ESSERE STATA MESSA IN UNA STANZA CON UN COLLEGA PETOMANE, RACCONTA LA SUA SOFFERENZA OLFATTIVA: “ABBIAMO ABBANDONATO LA STANZA PER IL CATTIVO ODORE. I CAPI MI DISSERO: RESTA LÌ O NON LAVORI PIÙ” - SECONDO LA MONDINI, FILIPPO GAUDENZI AVREBBE AFFERMATO: “I REDATTORI CHE NON STANNO NELLA STANZA CON LUI, COME HA DECISO IL DIRETTORE, DEVONO ESSERE PRESI A CALCI IN CULO…”

-

Condividi questo articolo


dania mondini 4 dania mondini 4

Giuseppe Scarpa per “la Repubblica”

 

«Abbiamo abbandonato la stanza occupata dal collega per il cattivo odore e ci siamo sistemati in quella riservata ai dirigenti della redazione». Ecco la protesta dei colleghi contro il giornalista del Tg1 accusato di emettere flatulenze in redazione. La contestazione ha coinvolto non solo Dania Mondini, ma anche i cronisti Giuseppe Malara e Marco Valerio Lo Prete. Questo è ciò che racconta la stessa cronista in un passaggio della denuncia depositata in tribunale a Roma il 23 novembre 2018. Il mezzobusto del principale tiggì della Rai, si affida al criminologo Claudio Loidice per ripercorre la persecuzione che ritiene di aver subito dai suoi diretti superiori, Filippo Gaudenzi, Andrea Montanari, Piero Damosso, Costanza Crescimbeni e Marco Betello.

ANDREA MONTANARI TG1 ANDREA MONTANARI TG1

 

Mondini sostiene di essere stata demansionata e quindi costretta a condividere una stanza con un redattore che aveva problemi di igiene personale, molestava le donne e avrebbe avuto rapporti con un dranghetista, il boss Paolo Romeo. Dopo che la procura ordinaria aveva chiesto l'archiviazione, la procura generale ha avocato a sé il caso: ora si indaga per stalking.

 

Piero Damosso Piero Damosso

La novità, a leggere la denuncia, è che Mondini non è stata la sola a lamentarsi. Un altro giornalista ha bussato alla porta dei vertici Rai per il caso dei cattivi odori.

Questo è ciò che riferisce la mezzobusto: «Lo Prete ha manifestato il suo disappunto al vice direttore Francesco Primotzich che gli ha suggerito di dire al redattore di lavarsi».

 

È l'11 giugno del 2018, la questione è ormai un problema all'interno del Tg1, tant' è che viene indetta una riunione di redazione. Partecipano 15 giornalisti, tranne quello accusato di flatulenze. Questo, secondo Mondini, il risultato dell'incontro: «La direzione pretende che i redattori ordinari restino in stanza con quella persona che non si lava ed emette maleodoranti rumori corporei, dimenticando anche gli episodi di alcuni anni addietro quando lo stesso aveva costruito un dossier di cento pagine sulle abitudini dei colleghi».

 

dania mondini dania mondini

Ma non è tutto. Mondini riferisce che Betello avrebbe detto: «Chi non sta nella stanza con il collega non lavora più». Sempre secondo la mezzobusto, quattro giorni prima Gaudenzi avrebbe affermato che i «redattori che non stanno nella stanza con lui, come ha deciso il direttore, devono essere presi a calci in culo».

 

I giorni passano e la situazione non migliora, anzi. Mondini sostiene di subire pressioni indebite. Poi il fattaccio. È il 4 luglio, «un'assistente di programma si avvicina al giornalista e quest' ultimo si lascia andare a rumorose, ripetute e maleodoranti emissioni corporee». L'episodio, spiega Mondini, viene raccontato dagli stessi assistenti di programma ai vertici. Dirigenti che, secondo il resoconto, avevano tranquillizzato la redazione dicendo che il cronista avrebbe fatto più attenzione alle flatulenze e all'igiene personale.

 

FILIPPO GAUDENZI FILIPPO GAUDENZI

«Adesso dicono che si lava e non fa più nulla!», il commento amaro di una dipendente vittima del cronista. «Damosso, Crescimbeni e Betello che hanno ben sentito le proteste hanno fatto finta di nulla e non hanno risposto », spiega sempre la mezzobusto. Adesso anche la Commissione Parlamentare Antimafia, con il presidente Nicola Morra, ha chiesto di sospendere in via precauzionale il cronista.

Marco Betello Marco Betello Marco Valerio Lo Prete Marco Valerio Lo Prete costanza crescimbeni foto di bacco costanza crescimbeni foto di bacco

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

L'UNICO SCUDETTO CHE HA VINTO L'INTER È QUELLO DEI DIRITTI TV - I NERAZZURRI HANNO INTASCATO 84,2 MILIONI CONTRO I 77,9 DELLA JUVENTUS E I 77,8 DEI CAMPIONI D’ITALIA DEL MILAN - I MOTIVI? LE PRESENZE MAGGIORI A SAN SIRO E LE MIGLIORI PERFORMANCE NEGLI ULTIMI CINQUE ANNI - DOPO LE TRE STORICHE BIG C’È UNO STACCO DI QUASI 10 MILIONI. A QUOTA 68,5 MILIONI IL NAPOLI, SEGUITO DA ROMA (64,1) E LAZIO (58,9) - STABILE IL RAPPORTO TRA LA PRIMA E L’ULTIMA: 3,2 A 1, CON L’INTER A PERCEPIRE IL TRIPLO DEL VENEZIA. RIMANGONO LONTANI I MODELLI “DEMOCRATICI” DELLA PREMIER (1,6 A 1) E DELLA BUNDESLIGA (2,4 A 1)…

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO D'ARGENTO - LA LUNGA NOTTE DEI NASTRI D'ARGENTO CONSEGNATI AL MAXXI DI ROMA: GRANDE RESSA NEL GIARDINO DEL RISTORANTE MEDITERRANEO, PER INGOZZARSI CON L'APERITIVO PRIMA DEL VIA ALLA CONSEGNA DEI PREMI ASSEGNATI DAL SINDACATO NAZIONALE GIORNALISTI CINEMATOGRAFICI ITALIANI - OLTRE ALLA PADRONA DI CASA, GIOVANNA MELANDRI, HANNO SFILATO UNA DRUSILLA FOER IN GRANDE FORMA, PAOLO SORRENTINO, EDOARDO LEO, MIRIAM LEONE, TERESA SAPONANGELO, L'ASSESSORE ALLA CULTURA DI ROMA MIGUEL GOTOR E… - FOTO

viaggi

salute

CHI SONO I RICOVERATI IN TERAPIA INTENSIVA DELLA NUOVA ONDATA DI COVID? HANNO IN MEDIA PIÙ DI 75 ANNI, NOVE VOLTE SU DIECI SONO VACCINATI CON ALMENO DUE DOSI E OTTO SU DIECI SONO RICOVERATI IN INTENSIVA PER “ALTRO” – I PAZIENTI CON POLMONITE SONO MOLTO RARI E LA GRANDE MAGGIORANZA ARRIVA PER ALTRE PATOLOGIE CHE COMPROMETTONO LE FUNZIONI VITALI, COME ICTUS, IPERTENSIONE POLMONARE, INSUFFICIENZA CARDIACA O TRAUMI E INTERVENTI: IN CERTI CASI IL VIRUS FAVORISCE GLI SCOMPENSI E…