OGNI BUCO È TRINCEA – UNA DONNA HA NASCOSTO DROGA E CELLULARE NELLA VAGINA PER PORTARLI AL FRATELLO DETENUTO NEL CARCERE DI AVELLINO – GLI AGENTI L’HANNO SCOPERTA GRAZIE ALLE UNITÀ CINOFILE E AL METAL DETECTOR: È STATA BECCATA ALL’INTERNO DEL REPARTO COLLOQUI – L’ALTRO GIORNO A VIBO VALENTIA UN CARCERATO AVEVA UN MICROCELLULARE NELL’ANO

-

Condividi questo articolo


CARCERE AVELLINO 1 CARCERE AVELLINO 1

 

 

Da www.ilmattino.it

 

Droga e cellulare nascosti nella vagina per portarli al fratello detenuto nel carcere di Avellino. Una donna di Salerno è stata arrestata dopo essere stata scoperta dagli agenti della Polizia penitenziaria grazie alle unità cinofile e al nuovo metal detector in dotazione alla casa circondariale del capoluogo irpino.

microcellulare microcellulare

 

E’ stata sorpresa all’interno del reparto colloqui. Soddisfazione da parte del Sappe con i dirigenti Capece e Fattorello. Oltre ad elogiare l’azione della Polizia penitenziaria, fanno sapere che anche un’altra donna ha tentato di introdurre nel carcere un microcellulare.

CARCERE AVELLINO CARCERE AVELLINO microcellulare 3 microcellulare 3 microcellulare 7 microcellulare 7 microcellulare 6 microcellulare 6 microcellulare 1 microcellulare 1 microcellulare 4 microcellulare 4 carcere carcere microcellulare 5 microcellulare 5

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VIA CRUCIS DI GIORGIA MELONI: SI COMINCIA IL 15 OTTOBRE, CON LE ELEZIONI POLACCHE E IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO DI BILANCIO DA PRESENTARE A BRUXELLES – POI C’È L’INFILATA DI GIUDIZI DELLE AGENZIE DI RATING: IL 20 OTTOBRE TOCCA A S&P, POI C’È FITCH (10 NOVEMBRE) E INFINE MOODY’S IL 17 NOVEMBRE. IN CASO DI DECLASSAMENTO, CI SAREBBERO EFFETTI DEVASTANTI SUI TITOLI DI STATO – LAST BUT NOT LEAST, IL 30 NOVEMBRE: È LA DATA ULTIMA PER RATIFICARE IL MES. AUGURI! - VIDEO

DAGOREPORT! - L'IRRITAZIONE (EUFEMISMO) DI MATTARELLA PER I DUE SCHIAFFONI RIFILATEGLI DALLA DUCETTA - IL PRIMO È NOTO: QUANDO HA MINACCIATO CHE L'UNICA ALTERNATIVA ALL'ATTUALE GOVERNO È IL VOTO, DIMENTICANDO CHE È IL CAPO DELLO STATO A SCIOGLIERE LE CAMERE, NON LEI - IL SECONDO, INVECE, È STATO POCO SOTTOLINEATO: È QUANDO CIANCIA DI "UN GOVERNO DEMOCRATICAMENTE ELETTO", COME SE FOSSERO I CITTADINI, E NON IL PARLAMENTO, A DARE LA FIDUCIA A UN ESECUTIVO (VOGLIA DI PREMIERATO CI COVA)

DAGOREPORT– MELONI AVVERTE TREMONTI: IL "NEMICO" NON E' DRAGHI MA CONTE – IL CALCIONE RIFILATO DALL'EX MINISTRO DELL'ECONOMIA A MARIOPIO, ACCUSATO DI NON AVER STOPPATO IL SUPERBONUS GRILLINO (“SE NON CI FOSSE STATO UN TIZIO CHE VOLEVA ANDARE AL QUIRINALE I CONTI ITALIANI STAREBBERO MEGLIO”), METTE IN DIFFICOLTÀ LA SORA GIORGIA – LA DUCETTA HA SCELTO COME NEMICO NUMERO UNO CONTE E IL POPULISMO GRILLINO. E GLI ATTACCHI A DRAGHI SPOSTANO L'ATTENZIONE DAL VERO BERSAGLIO DA COLPIRE, SOPRATTUTTO IN VISTA DELLE ELEZIONI EUROPEE…