LA PACE TRA I LETTINIC’È ANCORA UN POSTO DOVE RUSSI E UCRAINI POSSONO CONVIVERE IN PACE: FORTE DEI MARMI! – LA LOCALITÀ BALNEARE IN VERSILIA, DIVENTATA UNA DELLE METE PREFERITE DEI MAGNATI DELL’EST NEGLI ULTIMI VENT’ANNI, AVEVA VISTO CANCELLARE MOLTE PRENOTAZIONI A MARZO ALLO SCOPPIO DELLA GUERRA, MA ALLA FINE MOLTI SONO ARRIVATI LO STESSO – PER ARRIVARE, ALCUNI DEI RICCONI HANNO DOVUTO FARE DEI GIRI PAZZESCHI, MENTRE PER ALTRI È STATO PIÙ FACILE PERCHÉ…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Veronica Cursi per il messaggero

 

forte dei marmi, forte dei marmi,

Qualche mese fa, quando scoppiò la guerra in Ucraina, il timore era di non rivedere più quella folla di turisti russi che da anni ormai si gode le vacanze a Forte dei Marmi, perla vip della Versilia, dove negli ultimi 20 anni hanno comprato non solo ville da mille e un notte, ma anche hotel e stabilimenti. A marzo erano cominciate ad arrivare le prime disdette di tende in spiaggia e affitti di case da 70-80 mila euro al mese.

 

Invece alla fine sono sbarcati anche quest' anno. Nonostante tutto. Certo, per arrivare al Forte hanno fatto viaggi rocamboleschi: passando dalla Turchia, dagli Emirati o sfruttando passaporti maltesi e ciprioti. Niente aerei privati o mega yacht però. «Una mia cliente si è lamentata perché è arrivata solo l'1 agosto e per la prima volta nella sua vita è stata costretta a viaggiare in Economy», racconta il titolare di uno stabilimento vicino al pontile. [...]

SHOPPING FORTE DEI MARMI SHOPPING FORTE DEI MARMI

 

VICINI DI TENDA 

Non solo russi, ma anche ucraini. Perché nella località toscana, un tempo patria di famiglie storiche come Agnelli e Moratti, la situazione è diversa dal resto del mondo. Qui russi e ucraini convivono in una sorta di isola felice dove sono vicini di tenda, mangiano nello stesso ristorante, fanno shopping nelle stesse boutique del lusso: chi invade, chi è invaso, chi sanziona.

 

FORTE DEI MARMI FORTE DEI MARMI

Forte dei Marmi è diventato il loro buen retiro, tanto che a settembre a Camaiore dovrebbe aprire una scuola internazionale in lingua inglese. Molte famiglie (sia russe che ucraine) stanno pensando di iscrivere lì i loro figli. La guerra? «Non ne parlano mai - racconta Francesca Dell'Olio, titolare del centro estetico Il Paradiso di Francesca - Solo una volta mi è capitata una signora ucraina che si è rifiutata di leggere la nostra brochure perché era scritta in russo».[...] 

FORTE DEI MARMI 1 FORTE DEI MARMI 1

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

"LA CHIUSURA DI BURGHY IN SAN BABILA SEGNA LA FINE DELLA GENERAZIONE X. I PANINARI OGGI SONO BOOMER, CHE VUOL DIRE VECCHI RINCOGLIONITI" – CAPPELLANI: "FINISCE UN MONDO, QUELLO DELL’EDONISMO REAGANIANO CONIATO DA DAGO A 'QUELLI DELLA NOTTE', IN CUI IL PANINARO ERA ESPOSTO NEL MUSEO DEI NOSTRI AVATAR QUOTIDIANI INSIEME AI DARK, AI METALLARI, ALL’INTELLETTUALE E AL 'CUMENDA'; TANTI PERSONAGGI CHE ANDARONO A FINIRE NELLA GALLERIA DEL DRIVE-IN DI RICCI. ERANO ANNI IN CUI, ANCORA, CI SI POTEVA SCEGLIERE UNA IDENTITÀ SOCIALE A 360 GRADI, SECONDO..."

politica

DAGOREPORT! SE MATTARELLA E I SUOI CONSIGLIERI, A PARTIRE DAL POTENTE SEGRETARIO GENERALE UGO ZAMPETTI, APPREZZANO IL RAPPORTO “RAGIONEVOLE” CON GIORGIA MELONI, NON SI PUÒ DIRE ALTRETTANTO PER QUANTO RIGUARDA MATTEO SALVINI. IL QUIRINALE NON LO PUÒ VEDERE NEMMENO DIPINTO - MATTARELLA HA FIRMATO LA MANOVRA FINANZIARIA DEL GOVERNO MELONI PER IL SEMPLICE MOTIVO CHE NON AVEVA NULLA DI ANTI COSTITUZIONALE. MA SUPERSERGIO HA GIÀ FATTO CAPIRE A BRUXELLES CHE I LORO EVENTUALI “NIET” SUL NO-POS FINO A 60 EURO E SUL TETTO AL CONTANTE, IMPOSTE DAL POPULISMO SENZA LIMITISMO DEL VICE PREMIER SALVINI, SARANNO ACCOLTI CON PIACERE DAL COLLE (E DALLA MELONI)

business

COSE MAI VISTE: IL SOTTOSEGRETARIO CON DELEGA ALL’INNOVAZIONE TECNOLOGICA, ALESSIO BUTTI, A BORSE APERTE BOLLA COME “FANTASIA” L’IPOTESI DI UN’OPA TOTALITARIA SU TUTTA TIM (PREVISTA DAL SUO “PIANO MINERVA” E FA CROLLARE IL TITOLO DI TELECOM – L’UNICA COSA CERTA, AL MOMENTO, È CHE IL MEMORANDUM DI MAGGIO CDP-OPEN FIBER È CARTA STRACCIA – LE IPOTESI SONO DUE: UN’OPA PARZIALE (CHE PERÒ RICHIEDE IL VIA LIBERA DI VIVENDI) E LO SPIN-OFF DELLA RETE CON SCISSIONE PROPORZIONALE DEL TITOLO…

cronache

sport

JUVE, STORIA DI UN GRANDE ORRORE – ANCHE LA UEFA INDAGA SUI CONTI DELLA JUVENTUS: L’ORGANO DI CONTROLLO FINANZIARIO DELLA FEDERCALCIO EUROPEA HA APERTO UN’INDAGINE SULLE PRESUNTE VIOLAZIONI FINANZIARIE – A RISCHIO IL “SETTLEMENT AGREEMENT” DI AGOSTO: “SE I DATI SARANNO DIVERSI DA QUELLI VALUTATI AL MOMENTO DELLA CONCLUSIONE DELL’ACCORDO, CI RISERVIAMO IL DIRITTO DI RESCINDERE L'ACCORDO TRANSATTIVO, INTRAPRENDERE QUALSIASI AZIONE LEGALE RITENUTA OPPORTUNA E IMPORRE MISURE DISCIPLINARI”

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute