PARIGI PIOMBA DI NUOVO NEL TERRORE: UN 26ENNE FRANCESE DI ORIGINI IRANIANE HA UCCISO UNA PERSONA E NE HA FERITE ALTRE DUE COLPENDOLE CON UN COLTELLO. DURANTE L'ATTACCO URLAVA "ALLAH AKBAR" - L'UOMO, GIA' SCHEDATO DALL'ANTITERRORISMO FRANCESE COME "AD ALTO RISCHIO DI RADICALIZZAZIONE ISLAMICA", È STATO ARRESTATO - L'ATTACCO È AVVENUTO A DUE PASSI DALLA TORRE EIFFEL - MENTRE GLI AGENTI LO STAVANO FERMANDO IL 26ENNE URLAVA: "BASTA VEDER MORIRE I MUSULMANI!" - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell'articolo di Federico Garau per www.ilgiornale.it

 

attentato a parigi 3 attentato a parigi 3

Parigi piomba di nuovo nel terrore. Questa sera un uomo armato di coltello ha assalito una coppia nei pressi della Tour Eiffel, scatenando il panico. Sulla vicenda si conosce ancora poco, ma secondo quanto riferiscono le autorità francesi, il soggetto sarebbe già stato catturato dalla polizia attorno al Quai de Grenelle (15° arrondissement di Parigi).

 

Stando a quanto dichiarato dal ministro degli Interni Gérald Darmanin, accorso sul posto, la brutale aggressione si è verificata nel corso della serata di oggi, sabato 2 dicembre, intorno alle 21.45. Un uomo armato di coltello ha gridato "Allah Akbar" per poi scagliarsi contro una coppia che passeggiava nei pressi della Tour Eiffel. L'uomo, raggiunto da un fendente, è stato ucciso, mentre la donna, rimasta ferita, è stata trasportata in ospedale, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. [...]

 

attentato a parigi 2 attentato a parigi 2

A quanto pare il bilancio è di un morto e due feriti. Tutti turisti. Il primo, un uomo con doppia nazionalità tedesca e filippina, è morto dopo aver ricevuto una coltellata alla schiena e alla spalla. I soccorritori lo hanno trovato già in arresto cardiorespiratorio sul ponte Bir-Hakeim, tra il 15° e il 16° arrondissement di Parigi. Uno dei feriti, invece, un inglese, è stato colpito con un martello in Avenue du Président de l'Avenue Kennedy. A seguito dell'aggressione ha riportato una ferita alla testa. L'uomo stava passeggiando con la moglie e il figlio quando è stato aggredito.

 

attentato a parigi 7 attentato a parigi 7

Gli agenti della polizia francese hanno affrontato con coraggio l'aggressore, che ha opposto resistenza, minacciando gli uomini in divisa. Questi sono ricorsi all'uso del taser per fermarlo, riuscendo infine ad arrestarlo in Avenue du Parc de Passy. Le autorità locali non escludono che possano esserci altri feriti.

 

Sarebbe un 26enne nato in Francia e di nazionalità francese, ma di origini iraniane, il soggetto fermato a Quai de Grenelle. Il ragazzo, stando a quanto riferito da Le Parisien, si chiama Armand Rajabpour-Miyandoab, è nato a Neuilly-sur-Seine, periferia residenziale e chic di Parigi, ma risiederebbe nella vicina Puteaux. Nella sua fedina penale, oltre alla schedatura in categoria "S" come individuo a rischio radicalizzazione islamica, c'è anche un precedente arresto nel 2016 con conseguente condanna a 4 anni di carcere per il fatto che stesse preparando un attentato simile a quello di stasera alla Défense, il quartiere degli affari di Parigi. A parte il grave rischio di radicalizzazione, comunque, Armand Rajabpour-Miyandoab era stato già segnalato per "problemi psicologici". Nell'affrontare i poliziotti, riferiscono i quotidiani francesi, avrebbe urlato: "Basta veder morire i musulmani!". [...]

attentato a parigi 5 attentato a parigi 5 attentato a parigi 9 attentato a parigi 9 attentato a parigi 4 attentato a parigi 4 attentato a parigi 8 attentato a parigi 8 attentato a parigi 6 attentato a parigi 6 attentato a parigi 1 attentato a parigi 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP