A PASQUA TUTTI IN MANICHE CORTE! – GLI ESPERTI SOSTENGONO CHE QUEST’ANNO L’ANTICICLONE AFRICANO POTREBBE ARRIVARE IN ANTICIPO: IL RISULTATO? GIÀ INTORNO ALLA METÀ DI APRILE LE TEMPERATURE POTREBBERO SFIORARE I 30 GRADI, GRAZIE A UN VORTICE DI ARIA CALDA SUBTROPICALE…

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.lastampa.it

 

caldo in arrivo 2 caldo in arrivo 2

[…] Per inquadrare meglio il periodo delle festività pasquali (domenica 9 Aprile e i giorni a venire e a cavallo) ci siamo affidati a Ilmeteo.it e le ultime proiezioni sul lungo periodo paiono «che paiono confermare sostanzialmente un'ipotesi da non sottovalutare».

 

Cioè? «Va subito premesso che ci troviamo a una distanza temporale molto elevata e che dunque, per forza di cose, dobbiamo affidarci alle mappe stagionali[…].

 

caldo in arrivo 3 caldo in arrivo 3

Detto questo, tra la fine di Marzo e l'inizio di Aprile tipicamente il nostro Paese si trova nel bel mezzo del campo di battaglia tra vortici ciclonici ricolmi di aria fresca e instabile, alternati a periodi più stabili e soleggiati.

 

In termine tecnico queste immense manovre atmosferiche vengono definite "scambi meridiani": l'aria fredda scende verso le medie latitudini dal Polo Nord, raffreddandole, mentre l'aria calda subtropicale africana sale verso l'Europa» scrive Mattia Gussoni, meteorologo de Ilmeteo.it.

 

caldo a milano 7 caldo a milano 7

Ma cosa significa tutto questo? «Per l'avvio di Aprile, l'Italia, e specialmente il Centro-Nord, rischia di trovarsi in una sorta di "zona di convergenza" in cui interagiscono queste importanti figure meteorologiche».

 

Pasqua in maniche corte

«La nostra attenzione si concentra in particolare su una di esse, che abbiamo imparato bene a conoscere durante l'Estate e che potrebbe essere già in grado di portare le prime fiammate di caldo fin sull'Italia: stiamo parlando dell'anticiclone africano.

 

A conferma di ciò, specialmente negli ultimi anni, già intorno alla metà di Aprile si sono raggiunte temperature praticamente estive, sfiorando anche i 30°C. Attenzione dunque, non va esclusa la possibilità di trascorrere una Pasqua in maniche corte!

 

CALDO ANZIANI CALDO ANZIANI

Le nostre non sono solo supposizioni, ci sono i dati scientifici del CNR a confermare un trend climatico volto al riscaldamento in tutte le stagioni. […]

 

Si tratta comunque di una tendenza meteo. Impossibile, ad una distanza temporale così elevata, avere una previsione stabile. «Come ricordiamo – spiega Gussoni – sempre, oltre i 15 giorni non abbiamo una previsione in senso stretto, né una vera e propria tendenza, bensì solo delle proiezioni: tuttavia, le probabilità di una Pasqua quasi estiva non sono certamente basse!».

caldo in arrivo 1 caldo in arrivo 1

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING... 

FLASH! - FACILE FARE I PATRIOTI CON LE CHIAPPE ALTRUI – INDOVINATE CHE AUTO GUIDA ADOLFO URSO, IL MINISTRO CHE PER DIFENDERE L'ITALIANITÀ HA “COSTRETTO” ALFA ROMEO A CAMBIARE NOME DA “MILANO” A “JUNIOR”? UN PRODOTTO DELL’INDUSTRIA MADE IN ITALY? MACCHÉ: NELLA SUA DICHIARAZIONE PATRIMONIALE, SPUNTANO UNA VOLKSWAGEN T-CROSS E UNA MENO RECENTE (MA SOSTENIBILE) TOYOTA DI INIZIO MILLENNIO. VEDIAMO IL LATO POSITIVO: ALMENO NON SONO DEL MARCHIO CINESE DONFGENG, A CUI VUOLE SPALANCARE LE PORTE...

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...