PERCHE' PER MESI NESSUNO HA AVVERTITO MASSIMO GILETTI SULLE FRASI CONTRO DI LUI DEL BOSS GRAVIANO? - IL CONDUTTORE: “CHE IO DEBBA SCOPRIRE DI ESSERE MINACCIATO LEGGENDO "REPUBBLICA" A METÀ LUGLIO MI SEMBRA GRAVE. LE AUTORITÀ COMPETENTI AVEVANO TUTTI GLI ELEMENTI DA FINE MAGGIO. NON SI SONO COMPORTATI IN MODO SERIO. SI VA AVANTI. POSSO DIRE CHE MI HA CHIAMATO IL MINISTRO BONAFEDE. NE PRENDO ATTO E RINGRAZIO. MA LA MIA RIFLESSIONE NON CAMBIA”

-

Condividi questo articolo

Michela Tamburrino per “la Stampa”

 

massimo giletti sirenetto per lo spot di non e' l'arena 2 massimo giletti sirenetto per lo spot di non e' l'arena 2

Non è tanto la minaccia che gli ha lanciato contro un boss mafioso a rattristare Massimo Giletti perché, come ripete oramai a mò di mantra, «chi fa il mio mestiere e lo fa in un certo modo, non può cadere dalle nuvole quando scopre di dare fastidio a chi attacca».

 

Quello che invece non va proprio giù a Massimo Giletti, giornalista e conduttore di Non è l'Arena su La7, dove se la prende con i corrotti e i malavitosi ma anche contro i furbetti del cartellino o chi non rinuncia a prebende, è invece il fragoroso silenzio delle istituzioni su un fatto tanto grave.

 

nino di matteo intervistato da massimo giletti a non e l arena nino di matteo intervistato da massimo giletti a non e l arena

Giletti riassumiamo l'accaduto. Il boss mafioso Filippo Graviano (lo stesso delle stragi del '92-'93), sapendosi intercettato, ha detto rivolto al boss della 'ndrangheta Maurizio Barillari: «Quell'uomo... di Giletti e quel... di Di Matteo stanno scassando la minchia...il ministro Bonafede, invece, fa il suo lavoro». E questo perché, nel suo caso, lei si era occupato in trasmissione della scarcerazione di 300 boss mafiosi suscitando un giusto putiferio.

FILIPPO GRAVIANO FILIPPO GRAVIANO

 

Minaccia bella e buona. Paura?

«Sono abituato alle minacce, faccio inchieste giornalistiche su temi delicati, sarebbe sciocco non metterle in conto. Certo, ora è più faticoso».

 

Dunque?

«Si va avanti. Posso dire che mi ha chiamato il ministro Bonafede. Ne prendo atto e ringrazio. Ma la mia riflessione non cambia».

 

Parla dell'assenza di comunicazione immediata all'indomani dell'intercettazione?

«Che io debba scoprire di essere minacciato leggendo Repubblica a metà luglio mi sembra un fatto grave. Le autorità competenti avevano sulla scrivania tutti gli elementi utili da fine maggio. Non mi sembra si siano comportati in modo serio».

ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY ALFONSO BONAFEDE NEGLI ANNI '90 QUANDO FACEVA IL DJ ALL'EXTASY

 

Il ministro nella sua telefonata le ha parlato dell'ipotesi scorta?

«Le minacce sono pesanti ma su questi aspetti logistici non entro e comunque non se ne è parlato. Sinceramente avrei voluto rivolgergli altre domande. Del resto se ti immergi in certe dinamiche e alzi l'asticella, ti deve anche aspettare che i rischi siano commisurati».

 

Dalle istituzioni però avrebbe voluto qualcosa di diverso.

«Mi aspettavo che quella parte dello Stato in cui credo si sarebbe comportata in modo diverso. Tutto qui».

 

Lei era in vacanza?

«Ero fuori ma sono tornato a casa».

 

ALFONSO BONAFEDE MARCO TRAVAGLIO ALFONSO BONAFEDE MARCO TRAVAGLIO

Proseguirà nel suo lavoro come prima o apporterà dei cambiamenti?

«Io non sono mai stato abituato a restarmene in mezzo al guado, ho sempre preso una posizione precisa e mai la più comoda.

 

Leggendo quella frase lanciata contro di me dal boss mafioso ho capito parecchie cose, anche il valore che bisogna dare alle cose, al fatto di non tentennare mai. Ma nulla cambierà».

 

Perciò si va avanti...

«La strada è sempre piena di buche e di asticelle. Bisogna cercare di non cadere nelle buche e di saltare le asticelle. E combattere sempre, l'unica risposta possibile»

URBANO CAIRO E MASSIMO GILETTI URBANO CAIRO E MASSIMO GILETTI nino di matteo alfonso bonafede nino di matteo alfonso bonafede filippo graviano filippo graviano MARCO TRAVAGLIO ALFONSO BONAFEDE MARCO TRAVAGLIO ALFONSO BONAFEDE imen boulahrajane con massimo giletti imen boulahrajane con massimo giletti MASSIMO GILETTI CON LA MAGLIETTA ADALET MASSIMO GILETTI CON LA MAGLIETTA ADALET

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

LA VERSIONE DI MUGHINI - "ELEGGERE SARRI A CAPRO ESPIATORIO È TROPPO FACILE. I PROBLEMI DELLA JUVE ODIERNA SONO NUMEROSI. LI HA AGGRAVATI UNA CAMPAGNA ACQUISTI NON FELICE. E LA ROSA DELLA JUVE E’ LA PIU’ VECCHIA DELLA SERIE A - E’ STATO PAZZESCO CREDERE (E CHE LO CREDESSERO DUE UOMINI ESPERTISSIMI DI CALCIO QUALI FABIO PARATICI E PAVEL NEDVED) CHE SARRI FACESSE ALLA JUVE QUEL CHE AVEVA FATTO A NAPOLI. INSEGNARE CALCIO A TIPINI COME RONALDO, BONUCCI, PJANIC, DYBALA? E DIFATTI…" - IL FUTURO? SIMONE INZAGHI O IL RITORNO DI ALLEGRI...

cafonal

viaggi

salute