UN POVERO CRISTO NEL POSTO SBAGLIATO - L'AUTISTA DELL'AMBASCIATORE LUCA ATTANASIO SI CHIAMAVA MUSTAPHA MILAMBO - DOPO L'UNIVERSITÀ A KINSHASA, AVEVA INIZIATO A LAVORARE PER IL "WORLD FOOD PROGRAMME" - LASCIA UNA MOGLIE E QUATTRO FIGLI - SUI SOCIAL AVEVA CONDANNATO CON DECISIONE LA VIOLENZA DI GRUPPI RIBELLI ED ESTREMISTI CHE POPOLANO IL NORD OVEST DEL CONGO…

-

Condividi questo articolo

Da "la Stampa"

 

MUSTAPHA MILAMBO - AUTISTA DI LUCA ATTANASIO MUSTAPHA MILAMBO - AUTISTA DI LUCA ATTANASIO

Si chiamava Mustapha Milambo l'autista di Luca Attanasio ucciso insieme all'ambasciatore italiano e al carabiniere Vittorio Iacovacci nell' attacco ieri mattina nel Nord Kivu. Mustapha era nato e risiedeva a Goma, proprio dove è avvenuto l'attentato. Dopo aver frequentato il Collège Alfajiri, a Bukavu, e l'università di Kinshasa, aveva iniziato a lavorare per il World Food Programme come autista.

 

Secondo ciò che vi è scritto sui suoi social, l' autista lascia una moglie e quattro figli. In diversi post sui social condannava con decisione la violenza di gruppi ribelli ed estremisti che popolano il Nord Ovest del Congo. Il presidente della Repubblica democratica del Congo, Félix Tshisekedi Tshilombo, citato dal sito Actualite.cd ha condannato fermamente «questi atti odiosi perpetrati a Kibumba, vicino a Goma (nel Kivu-Nord)» e ha dato l' incarico ai «servizi preposti» di fare luce sull' accaduto.

MUSTAPHA MILAMBO MUSTAPHA MILAMBO

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CINEMA DEI GIUSTI – GOLDEN GLOBES, UNA DIRETTA DI TRE ORE SU ZOOM CHE SEMBRAVA DI ESSERE NON IN AMERICA, MA NEL SALOTTO DI LILLIBOTOX GRUBER CON MASSIMO GIANNINI FONATO E ANDREA SCANZI LAMPADATO APPICCATI ALLA PARETE DI CASA - JODIE FOSTER SI È PRESENTATA ASSIEME ALLA MOGLIE E AL CANE IN PIGIAMA E A PIEDI SCALZI, COME SE STESSERO GUARDANDO “CHI L’HA VISTO?” - MIGLIOR CANZONE A LAURA PAUSINI COME FOSSIMO A SANREMO - SEAN PENN SEMBRAVA PIÙ UN FICO D’INDIA CHE IL VECCHIO CIPOLLA - PER FORTUNA CHE BILL MURRAY SI È PRESENTATO IN CAMICIA HAWAIIANA E MARTINI IN MANO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute