IL PREMIO OSCAR PER LA VIOLENZA SESSUALE VA A PAUL HAGGIS – LA VITTIMA DEL REGISTA DI “CRASH”, ARRESTATO IERI A OSTUNI, È UNA 30ENNE INGLESE CHE LO CONOSCEVA DA QUALCHE TEMPO: GLI ABUSI SAREBBERO AVVENUTI IN UN BED & BREAKFAST DOVE I DUE HANNO TRASCORSO UN PAIO DI GIORNI LA SCORSA SETTIMANA. È STATO HAGGIS AD ACCOMPAGNARLA IN AEROPORTO, DOVE LA DONNA L’HA POI DENUNCIATO – I PRECEDENTI: DAL 2013 A OGGI CINQUE DONNE LO HANNO ACCUSATO DI VIOLENZA, E DA TEMPO ORMAI NESSUNO GLI OFFRIVA PIÙ LAVORO...

-

Condividi questo articolo


1 - DONNA ABUSATA PER DUE GIORNI, FERMATO IL REGISTA DA OSCAR

Salvatore Morelli per “il Messaggero”

 

Paul Haggis 5 Paul Haggis 5

Violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate: questi i reati che vengono contestati a Paul Haggis, 69enne regista canadese vincitore di un premio Oscar. L'uomo è stato fermato ieri dalla polizia di Brindisi: si trovava infatti a Ostuni, per un festival cinematografico.

 

La vittima sarebbe una donna inglese di 30 anni che l'uomo conosceva da qualche tempo. Sarebbe stata lei stessa a denunciare il regista in seguito all'ennesima presunta violenza sessuale.

 

Ieri sono stati gli agenti della Squadra mobile della questura di Brindisi, insieme al personale della polizia di frontiera, a consegnare al regista un decreto di fermo di indiziato, insieme a una contestuale richiesta di applicazione di misure cautelari, come disposto dai pm Antonio Negro e Livia Orlando della Procura di Brindisi.

Secondo gli elementi raccolti, il regista avrebbe costretto la giovane, da lui conosciuta tempo addietro, a subire rapporti sessuali.

 

IL BED&BREAKFAST

PAUL HAGGIS PAUL HAGGIS

I fatti sarebbero avvenuti in un bed&breakfast di Ostuni, dove i due avevano trascorso alcuni giorni della scorsa settimana. La vittima ha riferito agli investigatori di essere stata costretta a rivolgersi alle cure dei sanitari. Dopo un paio di giorni di permanenza con il regista e di rapporti non consenzienti, la donna era stata accompagnata dal 69enne nei pressi dell'aeroporto di Brindisi e lì lasciata alle prime luci dell'alba, nonostante le sue precarie condizioni fisiche e psicologiche.

 

Ma la giovane non ha mai fatto ritorno al suo Paese d'origine. Nello scalo aereo, la ragazza (in evidente stato confusionale) era stata poi notata dal personale di Aeroporti di Puglia e dagli agenti della polizia di frontiera che, dopo averle prestato le prime cure, l'hanno condotta presso gli uffici della Squadra mobile.

 

Qui, subito dopo le prime dichiarazioni della donna, gli operatori di polizia hanno provveduto ad accompagnarla presso l'ospedale Perrino per essere sottoposta a un protocollo rosa, destinato alle vittime di violenza.

PAUL HAGGIS PAUL HAGGIS

 

Successivamente, la giovane ha formalizzato una denuncia contro il regista, riferendo circostanze che sono state poi approfondite dagli investigatori. Fino al provvedimento di fermo scattato ieri.

 

Il regista ha affidato poche parole all'avvocato Michele Laforgia, auspicando indagini veloci e chiedendo «di fare accertamenti il prima possibile perché si dichiara innocente». Paul Haggis si trovava ad Ostuni per partecipare all'evento Allora Fest, rassegna cinematografica che vedeva proprio il regista canadese come personaggio principale. Ed ecco perché il fermo e le gravi accuse nei suoi confronti hanno generato stupore ed incredulità. La kermesse andrà avanti, ma l'episodio ha determinato la cancellazione della sua presenza. L'organizzazione del Festival Allora Fest, infatti, «ha appreso con costernazione e shock la notizia e comunica che il Festival rimane confermato». È quanto si legge in una nota degli organizzatori della kermesse in programma a Ostuni.

PAUL HAGGIS PAUL HAGGIS

 

«Le direttrici dell'Allora Fest hanno eliminato ogni partecipazione del regista alla manifestazione - si legge in una nota -. Esprimono al contempo piena solidarietà verso la donna coinvolta nella vicenda. I temi scelti per il Festival sono, tra gli altri, quelli della eguaglianza, parità di genere, solidarietà».

 

Il 69enne canadese, padre di quattro figli e con due divorzi alle spalle, in America è stato già accusato cinque volte di violenza da parte di altrettante donne.

 

Anche in seguito alle critiche del movimento #MeToo negli ultimi anni ha faticato a lavorare e recentemente ha dichiarato d'avere problemi economici.

 

Per lui la fama mondiale era arrivata nel 2004 con Million Dollar Baby (vincitore di ben quattro statuette) e con Crash-Contatto fisico (uscito nello stesso anno, a cui nel 2006 sono andati tre premi Oscar).

 

2 - PAUL DAI SUCCESSI AI TRIBUNALI DAL 2013 È IN CAUSA PER STUPRO

Maria Volpe per il “Corriere della Sera”

Paul Haggis 4 Paul Haggis 4

 

Era molto orgoglioso Paul Haggis per il suo Oscar vinto nel 2006 per la miglior sceneggiatura del film Crash - Contatto fisico . Per quello stesso film aveva ricevuto la candidatura all'Oscar come miglior regista e ha vinto il David di Donatello per il miglior film straniero. In quel momento la sua vita e la sua carriera erano all'apice. Ma il suo talento di artista, nascondeva un lato oscuro.

 

Lo sceneggiatore di The last kiss , remake del celebre Ultimo bacio di Gabriele Muccino - ieri fermato a Ostuni con l'accusa di stupro - sta ancora affrontando una causa civile negli Usa, per le accuse della sua (ex) addetta stampa Haleigh Breest, che aveva dichiarato di essere stata stuprata dal regista nel 2013. Nove anni fa, Haggis aveva dunque già subìto un'accusa di stupro.

 

crash contatto fisico crash contatto fisico

Non solo, dal 2018 altre quattro donne si sono fatte avanti affermando di essere state vittime di molestie e aggressioni sessuali da parte del regista. Haggis ha negato tutte le accuse, sostenendo che il rapporto con l'addetta stampa era stato consensuale e ha tentato di citare in causa a sua volta Haleigh Breest (la mozione è stata respinta dal giudice) per diffamazione. Il regista aveva chiesto al giudice di velocizzare la causa civile, poiché, vicino alla bancarotta non poteva coprire le spese legali di circa due milioni di dollari. Da tempo nessuno gli offre più lavoro negli Usa per queste accuse di violenza.

 

E chissà forse aveva deciso di andare ad Ostuni per trovare nuove opportunità professionali. Da domani a domenica si tiene l'«Allora Fest», la prima edizione del Festival Internazionale di Cinema, Arte e Musica, con tantissimi personaggi noti: Jeremy Irons, Edward Norton, Oliver Stone, Matt Dillon, Marisa Tomei, Raoul Bova e molti altri. Nei prossimi giorni Haggis avrebbe dovuto essere protagonista di diversi incontri con i suoi colleghi. Il regista peraltro era stato di recente nel Salento perché aveva curato il cortometraggio per Mesagne, candidata Capitale alla cultura 2024.

 

million dollar baby” million dollar baby”

Del resto Paul Haggis è sempre stato un artista di grande talento. Nato a London in Ontario il 10 marzo del 1953, a soli 22 anni, con la laurea in cinematografia in tasca, si è trasferito a Los Angeles per tentare la fortuna. Comincia con la tv, fino alla svolta nel 2004 con la sceneggiatura di Million Dollar Baby , diretto da Clint Eastwood. Poi scrive e dirige Crash - Contatto Fisico ; poi Casino Royale e Nella valle di Elah. In quel momento la sua carriera è in continua ascesa, tanto quanto ora è in totale discesa .

 

crash contatto fisico. crash contatto fisico.

Alti e bassi anche nella vita privata: dal 1977 al 1997 è stato sposato con Diane Christine Gettas da cui ha avuto tre figli: Alissa Sullivan, Lauren Kilvington e Katy Elizabeth. Divorziato dalla prima moglie, nel 1997 si è risposato con l'attrice Deborah Rennard, da cui ha avuto un altro figlio: James. Nel 2012 ha divorziato anche dalla sua seconda moglie. Ora pare sia single, anche se ogni tanto gli attribuiscono qualche flirt, come quello con Desirée Popper, brasiliana classe 1988, modella, ex tronista di Uomini e Donne di Maria De Filippi. Nel 2009 dopo 35 anni di appartenenza a Scientology, Haggis ha lasciato l'organizzazione sia per motivi personali, sia per le posizioni di Scientology sulle unioni gay.

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…