PROCESSO PALAMARA, LA GIUSTIZIA ALLA SBARRA - CI SONO ANCHE GIUSEPPE PIGNATONE, PIERCAMILLO DAVIGO, LUCA LOTTI E COSIMO FERRI TRA I 24 TESTIMONI CHE LA PROCURA DI PERUGIA, GUIDATA DA RAFFAELE CANTONE, INTENDE CHIAMARE IN AULA NELL'AMBITO DEL PROCESSO CHE VEDE IMPUTATI L'EX MAGISTRATO STEFANO ROCCO FAVA E LUCA PALAMARA PER RIVELAZIONE DI SEGRETO D'UFFICIO…

-

Condividi questo articolo


luca palamara foto di bacco (1) luca palamara foto di bacco (1)

(ANSA) - Ci sono anche i nomi dell'ex procuratore di Roma Giuseppe Pignatone, dell'ex consigliere del Csm Piercamillo Davigo, di Luca Lotti e di Cosimo Ferri tra quelli, 24 in tutto, che la Procura di Perugia guidata da Raffaele Cantone, intende chiamare a testimoniare in aula nell'ambito del processo che vede imputati l'ex magistrato romano Stefano Rocco Fava e l'ex consigliere del Csm, Luca Palamara per rivelazione di segreto d'ufficio.

 

giuseppe pignatone giuseppe pignatone

Rinviati a giudizio nell'ottobre scorso il processo nei loro confronti davanti al terzo collegio del Tribunale di Perugia comincerà il 19 gennaio. A citare Pignatone come testimone è anche la difesa di Fava, rappresentata dall'avvocato Luigi Castaldi. Mentre i nomi di Lotti e Ferri compaiono in tutte le liste testi depositate da accusa e difesa. Tra i testimoni citati da Luca Palamara, difeso dagli avvocati Roberto Rampioni e Benedetto Buratti ci sono magistrati in servizio alla procura di Roma e a quella di Napoli, lo stesso Davigo e il consigliere del Csm Sebastiano Ardita.

luca lotti foto di bacco (1) luca lotti foto di bacco (1)

 

Mentre la Procura del capoluogo umbro vuole chiamare in aula anche l'imprenditore Fabrizio Centofanti e l'avvocato siciliano Piero Amara come fa anche la difesa di Stefano Rocco Fava. Parte civile nei confronti di questo ultimo il procuratore aggiunto di Roma, Paolo Ielo, che ha depositato una lista testi composta da 13 nomi.

PAOLO IELO PAOLO IELO cosimo maria ferri cosimo maria ferri

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

"LA 'DIVERSITÀ' GRILLINA HA RETTO POCHI ANNI: LA PRESUNZIONE NON FA MENO DANNI ALLA POLITICA DELL’IMMORALITA’" – MICHELE SERRA: “BEPPE GRILLO È SOTTO INCHIESTA. È PURO CINISMO COMPIACERSI DEL FALLIMENTO DEI TENTATIVI DI MORALIZZAZIONE. MA È PURA STUPIDITÀ NON LEGGERE, NEL DISFACIMENTO STRUTTURALE DEL GRILLISMO, LA MERITATA SCONFITTA DELL'IMPROVVISAZIONE E DELLA PRESUNZIONE" – LA PARABOLA DI GRILLO: "DALLO SHOW BUSINESS ALLA FANGOSA ROUTINE GIUDIZIARIA, COME UN SOTTOSEGRETARIO O ASSESSORE, DI QUELLI CHE PIGLIAVA PER I FONDELLI AI TEMPI D'ORO"

business

SIAMO UOMINI O GENERALI?  - ORA CHE CALTAGIRONE E DEL VECCHIO (VIA BARDIN) SI SONO SFILATI DAL CDA, È TUTTO PRONTO PER LA BATTAGLIA FINALE SUL LEONE DI TRIESTE: MA CHI SARANNO I SOLDATI DEI DUE SCHIERAMENTI? DA UN LATO CI SARÀ LA LISTA DEL CDA, CHE RICANDIDERÀ DI CERTO DONNET (GALATERI È IN FORSE) - DALL’ALTRA PARTE CI SONO I “PATTISTI”: IN PISTA PER LA PRESIDENZA LA PRESIDENTE DI MPS PATRIZIA GRIECO E SERGIO BALBINOT. PER IL POSSIBILE AD SI FANNO I NOMI DI TERZIARIOL, DE GIORGI E DELL’AMMINISTRATORE DELEGATO DI POSTE DEL FANTE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute