1. PUTIN HA DAVANTI A SÉ DUE INCUBI: L’UCRAINA PUÒ ESSERE IL SUO VIETNAM O IL SUO IRAQ
 2. LO ZAR BOMBAROLO SPERAVA CHE L’INVASIONE FOSSE UNA GUERRA LAMPO, E INVECE I SUOI SOLDATI CI STANNO METTENDO TROPPO TEMPO, E RISCHIANO DI RESTARE NEL PANTANO CON I LORO CARRI ARMATI DELL'EPOCA SOVIETICA. SENZA CONSIDERARE I COSTI, IMPOSSIBILI DA MANTENERE PER UN'ECONOMIA ALLO STREMO COME QUELLA RUSSA, PUNITA DALLE SANZIONI
3. ALCUNI ESPERTI SOSTENGONO CHE SIA UNA STRATEGIA: "MAD VLAD" AVREBBE PUNTATO VOLUTAMENTE SULLA “GUERRA MORBIDA”, PER TRATTARE CON L’ESERCITO UCRAINO. BENE, BRAVO. MA ANCHE UNA VOLTA INSTAURATO UN GOVERNO FANTOCCIO, IL PROBLEMA RIMARRÀ: L'UCRAINA È PIÙ GRANDE DELLA FRANCIA, HA 40 MILIONI DI ABITANTI PRONTI A RESISTERE: COME FARÀ QUEL MATTACCHIONE DEL PRESIDENTE RUSSO A CONTROLLARLA? – VIDEO

Condividi questo articolo


 

UCRAINA, CONVOGLIO RUSSO DISTRUTTO

 

 

carro armato russo distrutto carro armato russo distrutto

Alessandro Rico per “La Verità”

 

«Offensiva in tutte le direzioni». È la nuova direttiva di Mosca, dopo che, sempre secondo la versione del Cremlino, l'attacco all'Ucraina era stato rallentato, vista la «disponibilità ai negoziati» di Kiev. Siamo alla soluzione finale? Di certo, queste sono le ore decisive della guerra.

 

Anche gli americani sembrano convinti che i russi prenderanno presto la capitale, tanto che hanno offerto al presidente, Volodymyr Zelensky, una via di fuga. Per Vladimir Putin, il fattore tempo è dirimente. Se non si sbriga a chiudere la partita, finisce impantanato.

 

VLADIMIR PUTIN VLADIMIR PUTIN

Qualcuno, alludendo all'apparente fermezza della resistenza ucraina, inizia a evocare un rischio Vietnam per lo zar. O, per rimanere alla storia russa, un secondo Afghanistan. Come stanno davvero le cose? La Russia sta per sferrare la zampata definitiva? Oppure sul campo sta succedendo qualcosa di inatteso? Le forze ucraine stanno tenendo botta?

volodymyr zelensky volodymyr zelensky

 

E con l'invio di armamenti da Occidente, il Blitzkrieg si trasformerà in una devastante guerra di logoramento?Germano Dottori, docente di studi strategici alla Luiss, conferma: «Questa operazione è sostenibile solo se dura poco e non ha alti costi». A quanto tempo corrisponda quel «poco», non è facile stabilirlo: parliamo di giorni, se non di ore. Per interpretare gli eventi, abbiamo in mano pochi dati di fatto.

 

battaglia a kharkiv 2 battaglia a kharkiv 2

Primo: finora, l'avanzata degli invasori non è stata fulminante. Secondo: i sistemi d'arma utilizzati dai russi, o almeno quelli che è stato possibile riconoscere nei video diffusi in Rete, sono piuttosto datati.

 

In qualche caso - gli elicotteri - si tratta di veri e propri residuati sovietici. Esemplari risalenti ormai a un paio di generazioni fa. Non sono stati schierati i T14 Armata, i tank più all'avanguardia; e non sono state impiegate le divisioni d'élite dell'esercito.

 

Per quale motivo? Un'ipotesi è che Mosca, ben lungi dalle vette tecnologiche raggiunte dalla Nato, non disponga di molto meglio. I suoi pezzi più blasonati fanno parte del comparto missilistico e aerospaziale.

 

convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 3 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 3

Al contrario, anche per via dell'interruzione degli approvvigionamenti metallurgici e motoristici dall'Ucraina, dei temibili carri armati di ultima generazione, in otto anni, sono stati realizzati soltanto 100 pezzi.

 

Un'altra ipotesi, come osserva lo storico Eugenio Di Rienzo, è che Putin abbia puntato su «una guerra "morbida", se mai sia possibile definire tale una guerra». Il Cremlino starebbe evitando un assalto totale, «per provocare il minor numero possibile di morti», sperando di poter intavolare delle trattative con i militari ucraini.

 

Ai quali, effettivamente, il presidente della Federazione ha fatto appello venerdì. «Trovo significativo che sia circolata la notizia, magari una in sé una bufala, che Zelensky fosse nascosto in un bunker, difeso non dalle truppe, bensì dalle milizie di estrema destra di Pravj Sektor. È come dire: si è aperta una breccia nell'esercito regolare». Anche Vito Comencini, deputato leghista e grande conoscitore del Donbass, riferisce di «diversi soldati ucraini passati dalla parte dei russi».

 

battaglia a kharkiv battaglia a kharkiv

E sottolinea che l'attacco di Mosca non è stato condotto in forze: «Non è vero che ci sono 100.000 uomini sul territorio e i russi si sono sforzati di colpire in modo chirurgico, concentrandosi su obiettivi militari e strategici». Ieri, per la verità, la giornata si era aperta con la notizia di un palazzo a Kiev semidistrutto da un missile di Putin. Mosca, invece, ha smentito: tutta colpa di un proiettile antiaereo ucraino. È arduo distinguere la verità dalla propaganda.

 

ELMETTO DI UN MILITARE FORATO DA UN PROIETTILE A KIEV ELMETTO DI UN MILITARE FORATO DA UN PROIETTILE A KIEV

Quanto all'eroica resistenza della capitale, l'Occidente rilancia, comprensibilmente, la versione incoraggiante di Kiev. Altri osservatori descrivono, al contrario, un Paese in rotta. Secondo Comencini, armare i civili è infatti un segno di disperazione, senza contare che così li si espone a un massacro.

 

GERMANO DOTTORI GERMANO DOTTORI

Un sacrificio per la patria? Oppure qualcuno sta predisponendo degli scudi umani?Non è chiaro, comunque, perché la Russia dovrebbe dosare l'intensità dell'aggressione, se è in grado di rovesciare in un batter d'occhio Zelensky. Spera di salvare l'ultimo brandello di reputazione internazionale, per potersi, un domani, risedere al tavolo con Usa ed Europa?

 

«Di questo, a Putin, non importa nulla», assicura Dottori. «Il punto è che ai russi, che si spari sugli ucraini, non è affatto gradito. La metà delle famiglie russe ha parenti in Ucraina. Io sono sposato con una lettone di etnia russa e posso assicurarle che, sulle chat dei russi in Italia, si legge di tutto e di più contro la guerra».

 

Eugenio Di Rienzo Eugenio Di Rienzo

In effetti, pure dentro la classe dirigente si erano aperte delle crepe sul conflitto: lo zar ha dovuto vincere le resistenze dell'intelligence e persino del suo ministro, Sergej Lavrov. «La Difesa russa», nota Dottori, «a differenza delle autorità di Kiev, non comunica i numeri delle perdite umane inflitte: si limita a trasmettere i dati sui bersagli colpiti e le infrastrutture eliminate, ma tace sulle persone che vengono uccise. Non è un caso». Putin, insomma, ha ben presente che al successo della campagna bellica è legata pure la tenuta della sua leadership.

 

Così, ribadisce il professor Di Rienzo, «più dura lo stillicidio, più per la Russia la situazione diventa difficile». Ed è destinata a rimanere tale. L'Orso può annientare il nemico e installare un governo fantoccio. Poi? «L'Ucraina è uno Stato di 40 milioni d'abitanti; è più grande della Francia; ha meno collegamenti; come la controlli, considerato anche che i Paesi Nato si muoverebbero per attivare focolai di rivolta?». Quand'anche si scongiurasse il Vietnam, ci sarebbe sempre lo spettro dell'Iraq...

convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 2 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 2 volodymyr zelensky volodymyr zelensky convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 1 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 1 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 7 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 7 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 5 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 5 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 4 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 4 soldati ucraini soldati ucraini convoglio russo convoglio russo ATTACCHI RUSSI IN UCRAINA ATTACCHI RUSSI IN UCRAINA mezzi russi mezzi russi carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina 2 carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina 2 carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina carro armato russo rimasto senza benzina in autostrada in ucraina forze speciali cecene forze speciali cecene esplosione gasdotto kharkiv esplosione gasdotto kharkiv battaglia a kharkiv battaglia a kharkiv esplosione gasdotto kharkiv esplosione gasdotto kharkiv palazzo distrutto a kharkiv palazzo distrutto a kharkiv esplosione gasdotto kharkiv 4 esplosione gasdotto kharkiv 4 esplosione gasdotto kharkiv 2 esplosione gasdotto kharkiv 2 russi a kharkiv russi a kharkiv esplosione gasdotto kharkiv 1 esplosione gasdotto kharkiv 1 esplosione gasdotto kharkiv 3 esplosione gasdotto kharkiv 3 magomed tushayev magomed tushayev convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 6 convoglio russo distrutto dalle forze ucraine 6

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


media e tv

MYRTA MERLINO, CHE CARATTERINO: FA INCAZZARE TUTTI QUELLI CHE LAVORANO CON LEI – IL DURISSIMO COMUNICATO SINDACALE CONTRO LA CONDUTTRICE: “HA COMPORTAMENTI INCIVILI E MALEDUCATI; INFLUENZA LA POSSIBILITÀ DI PROLUNGARE CONTRATTI DI PERSONALE SPECIALIZZATO CHE LAVORA PROFESSIONALMENTE NELLA NOSTRA AZIENDA E CONDIZIONA LE TURNAZIONI DEL PERSONALE INTERNO CON MOTIVAZIONI CHE NON POSSONO ESSERE CONSIDERATE NÉ DI TIPO PROFESSIONALE E NÉ DI TIPO ETICO” – CHI HA LAVORATO CON LEI SNOCCIOLA RICORDI VELENOSI, DAL LANCIO DI UNO SGABELLO AGLI ASSISTENTI DI STUDIO “USATI” PER PRENOTARE LA CERETTA – E C’E’ CHI LE SPALMA LA CREMA AI PIEDI…

politica

DAGOREPORT! - NELLA GIUNGLA DEI SONDAGGI, QUELLO CHE È CERTO È CHE IL CARROCCIO NON TIRA AL NORD COME UNA VOLTA E OGGI SALVINI HA IL SUO BACINO DI CONSENSI NEL CENTROSUD, ABBANDONATO DALLA VECCHIA LEGA DI ZAIA E FEDRIGA - L’ATTIVISMO SFRENATO DEL CAPITONE, CHE TANTO IRRITA SIA LA MELONI CHE IL QUIRINALE, È MOTIVATO DALLA SFIDA CHE VEDE CONTRAPPOSTI ATTILIO FONTANA E LETIZIA MORATTI. L’EROE DEL PAPEETE SA BENISSIMO CHE SE PERDE LA LOMBARDIA, E’ FINITO. IN SOCCORSO DI SALVINI, È SPUNTATO IL MINORINO MAJORINO, APICE DEL TAFAZZISMO DEL PD….

business

cronache

sport

cafonal

CAFONALISSIMO NO "PUBLISPEI" NO PARTY! – PER FESTEGGIARE I 50 ANNI DELLA CASA DI PRODUZIONE, FESTONE NEL CAFÉ DI VIA DELLA CONCILIAZIONE A ROMA – CON LINO BANFI, SCORTATO DALLA FIGLIA ROSANNA E DA ELEONORA GIORGI, C'ERA IL TRIO DI TESTE D'ARGENTO CHRISTIAN DE SICA, GIULIO SCARPATI E NINETTO DAVOLI – E POI ARISA CON UN “PAGLIA E FIENO” CHE SI FA A MIAMI DI VERDONIANA MEMORIA E UN INGELATINATO EDOARDO PESCE CON I CALLI SULLE MANI (È TORNATO AL PUB DI SAN LORENZO O FA SOLO BOXE?)

viaggi

salute