PUTIN HA LE ORE CONTATE – IL MINISTRO DEGLI ESTERI SERGEI LAVROV PARLA APERTAMENTE DI NEGOZIATI: “CHI LI RIFIUTA DEVE CAPIRE CHE PIÙ RITARDA QUESTO PROCESSO, PIÙ DIFFICILE SARÀ NEGOZIARE”. CE L’HA FORSE CON "MAD VLAD"? INIZIALMENTE LAVROV ERA  CONTRARIO ALLA GUERRA IN UCRAINA, POI, PIÙ PER PRAGMATISMO CHE PER CONVINZIONE, SI ERA CONVERTITO – LE SANZIONI STANNO FACENDO MALISSIMO ALL’ORSO RUSSO, CHE STA BRANCOLANDO VERSO IL BARATRO…

-

Condividi questo articolo


Francesco Battistini per il “Corriere della Sera”

 

Putin Lavrov Putin Lavrov

Quando McDonald's ha abbandonato la Russia, in giugno, il logo dei nuovi fast food autarchici - due bastoncini e un cerchio, a stilizzare patatine&hamburger - doveva far capire che nulla cambiava. Ma siccome le sanzioni colpiscono duro, e le patate non arrivano più, anche le chips son diventante un bene di lusso: come i salumi e il cotone, i guanti chirurgici e la carta igienica. E lo sport? «Ci faremo le Olimpiadi in casa», disse sprezzante un portavoce del Cremlino, quando il Cio escluse Mosca.

 

Ma ora lo scontento degli atleti è forte: «Dobbiamo pensare a qualcosa - ammette preoccupato lo stesso portavoce -, i nostri sportivi stanno avendo grossi problemi». Perfino i fuochi d'artificio: sabato, Mosca s' è illuminata di botti per il Giorno della Città e Vladimir Putin ha inaugurato una ruota panoramica. Ma un analista politico suo amico, Sergey Markov, gliel'ha detto chiaro: «Le autorità non dovrebbero festeggiare, mentre il popolo è in lutto».

 

E il leader di Giusta Russia, Sergey Mironov, altro fedelissimo, ha ammesso che «i fuochi vanno rinviati al giorno della vittoria sui nazisti: un giorno che è ancora lontano».

Sergei Lavrov e Vladimir Putin Sergei Lavrov e Vladimir Putin

Operazione Fallimentare Speciale. La sorprendente ritirata da Kharkiv non è ancora una vittoria ucraina - un quinto del Paese resta in mano a Putin -, ma Kiev sta dimostrando di saper vincere anche in campo aperto, non solo con manovre d'astuzia.

 

Ed era dalla Seconda guerra mondiale che non si vedeva una disfatta così rapida d'interi reparti russi. «Ci sono stati errori - riconosce Ramzan Kadyrov, il capo ceceno - e se non si cambia strategia, andrò io a spiegarlo ai vertici di Mosca: è una situazione infernale».

 

LA CONTROFFENSIVA UCRAINA - 6-11 SETTEMBRE 2022 LA CONTROFFENSIVA UCRAINA - 6-11 SETTEMBRE 2022

Un inferno che smuove anche il tetragono ministro degli Esteri, Sergey Lavrov: «Noi non rifiutiamo i negoziati - dice -, ma chi rifiuta deve capire che più ritarda questo processo, più difficile sarà negoziare». Pure il presidente francese Emmanuel Macron getta l'amo, proponendo in una telefonata a Putin di «ritirare le armi pesanti dalla centrale di Zaporizhzhia».

 

Lo Zar tace. Duecento giorni di guerra han fatto 5.718 morti, per non dire degli 8.199 feriti e dei 7 milioni di profughi, ma nulla si sa delle perdite militari, soprattutto di quelle russe. Al suo ventesimo conflitto in trent' anni, il Cremlino s' accorge forse d'avere scambiato l'Ucraina per la Siria o la Cecenia: «Pagherà un prezzo molto alto per questo fallimento - prevede Bill Burns, direttore della Cia - non solo è stata smascherata la debolezza dell'esercito: ci saranno danni economici per generazioni».

sergei lavrov elvira nabiullina vladimir putin sergei lavrov elvira nabiullina vladimir putin

 

«Putin ha sbagliato i calcoli», dice il cancelliere tedesco Olaf Scholz: se l'Ue via via rinuncerà al gas russo entro il 2027, riconosce uno studio del ministero dell'Economia russo, non basteranno le pipeline verso Cina e India a rimpiazzare le vendite. E gl'introiti potrebbero ridursi di due terzi, in un Paese che si regge solo su gas e petrolio.

 

«Le sanzioni funzionano», dà per certo una ricerca del governo austriaco: in estate, le esportazioni di grano sono calate del 22%; si trovano sempre meno banche o assicurazioni disposte a operare con Mosca, anche per ragioni d'immagine e di reputazione; gli armatori (che fan viaggiare le merci) han paura a inviare navi nei porti russi; l'aeronautica, la siderurgia, i servizi cominciano a soffrire l'impossibilità di fare manutenzione o d'aggiornarsi Non si vedono crepe politiche, ma economiche sì.

SERGEI LAVROV VLADIMIR PUTIN SERGEI LAVROV VLADIMIR PUTIN

 

E chi può, se ne va: in Turchia e ai Caraibi, sono approdati yacht degli oligarchi per oltre un miliardo di dollari, mentre la classe media tenta di salvare soldi in banche moldave o cambogiane che aggirino l'embargo. È l'isolamento, a dare l'idea della solitudine di Putin: domani perfino l'aereo del Papa, in volo per il Kazakistan, eviterà d'attraversare lo spazio aereo russo. E di mandare, come richiede il protocollo, un telegramma di saluto allo Zar.

kiev abbatte due aerei d'attacco russi su 25 3 kiev abbatte due aerei d'attacco russi su 25 3 antony blinken joe biden vladimir putin sergei lavrov antony blinken joe biden vladimir putin sergei lavrov

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute