PUTIN È MATTO, MA NON FINO A QUESTO PUNTO – ANATOLY CHUBAIS È FINITO IN OSPEDALE PER UN MALORE: POTREBBE ESSERE LA SINDROME DI GUILLAIN-BARRÉ, UN DISTURBO NEUROLOGICO DEL QUALE SOFFRE DA TEMPO, OPPURE, UNA INTOSSICAZIONE (AVVELENAMENTO) – L’ECONOMISTA, PRINCIPALE COLLABORATORE DI ELTSIN PRIMA E DI PUTIN POI, È CONSIDERATO IL PADRINO DI OGNI OLIGARCA RUSSO, E NON È UN OPPOSITORE VERO E PROPRIO. TANTO CHE C’È CHI SOSTIENE CHE LA SUA FUGA DI FINE MARZO SIA STATA AUTORIZZATA DAL CREMLINO

-

Condividi questo articolo


Marco Imarisio e Alberto Pinna per il “Corriere della Sera”

 

vladimir putin anatoly chubais vladimir putin anatoly chubais

L'unica cosa certa è che Anatolij Chubais, ex consigliere di Vladimir Putin, partito dalla Russia un mese dopo l'invasione dell'Ucraina, ha avuto un malore serio, ed è stato persino in rianimazione. «Non è in pericolo di vita» rassicurano dalla clinica privata di Olbia dove è ricoverato.

 

Ma il nome, e le disgrazie capitate a chi in Russia manifesta il proprio dissenso, autorizzano a ipotizzare misteri, sospetti e ombre. Lo scorso marzo, l'economista liberale che fu tra i principali collaboratori di Boris Eltsin, si è precipitosamente trasferito in Italia.

 

anatoly chubais 2 anatoly chubais 2

Vive fra Sardegna e Toscana, dove ha proprietà e interessi. La scorsa settimana era in vacanza in un resort della Costa Smeralda. Un pomeriggio, accusa sintomi strani. «Non mi sento più le gambe e le mani» si lamenta con la moglie.

 

Corsa all'ospedale, diagnosi aperta. Potrebbe essere la sindrome di Guillain-Barré, un disturbo neurologico del quale soffre da tempo, che si è riacutizzato con il Covid contratto nel 2020, e che tra i suoi sintomi principali presenta proprio il blocco delle articolazioni. Oppure, una intossicazione. Nelle strutture pubbliche di Olbia non ci sono reparti di neurologia.

boris eltsin anatoly chubais boris eltsin anatoly chubais

 

Chubais viene mandato alla Mater Olbia, clinica privata della Qatar Foundation. Da Mosca l'agenzia Tass rivela che secondo la moglie di Chubais, «uomini della polizia italiana in tuta bianca hanno ispezionato il resort».

 

Un dettaglio che, dati i precedenti, accredita subito il possibile avvelenamento. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha manifestato «sincero dispiacere» per l'accaduto. Al Mater Olbia Hospital intanto è stata rinforzata la vigilanza esterna.

 

Chubais è senz' altro un uomo che sa molte cose. Ma l'etichetta di eroe dissidente che gli è stata assegnata dopo la sua fuga dalla Russia gli sta molto larga. Nasce nel 1955 in Bielorussia. All'inizio degli anni Novanta fonda un circolo di economisti liberali e diventa il principale collaboratore dell'allora sindaco di San Pietroburgo Anatolij Sobchak, il futuro padrino politico di Vladimir Putin. Non è un caso che l'allarme sulle sue condizioni sia stato lanciato dalla presentatrice Ksenya Sobchak, figlia dell'uomo che ancora oggi l'attuale presidente considera il suo benefattore.

anatoly chubais 3 anatoly chubais 3

 

Più che un oppositore, è sempre stato considerato un membro ad honorem della «banda» di San Pietroburgo che ha preso il potere al Cremlino. Anche per questo, molti sostengono che la sua fuga di fine marzo è stata in realtà autorizzata, l'ultimo favore a un uomo malato.

 

Chubais è anche parte integrante della recente storia russa. Fu lui, mettendosi a capo del Comitato per il patrimonio statale, a preparare il programma delle privatizzazioni che svendette a poche persone le principali aziende pubbliche russe. Per questo viene considerato il padrino, di ogni oligarca.

 

Durante l'era Eltsin è stato due volte vicepremier. Nel 1999, fonda con l'astro nascente Boris Nemtsov l'Unione delle forze di destra, partito di ispirazione liberale. Nel marzo del 2005 subì un attentato, salvandosi grazie alla sua auto blindata.

VLADIMIR PUTIN Anatoly Chubais VLADIMIR PUTIN Anatoly Chubais

 

Poco prima delle elezioni del 2008, forse le più contendibili degli ultimi vent' anni per via della scadenza del secondo mandato presidenziale di Putin, distrusse la carriera politica di Nemstov sciogliendo il loro partito e aderendo a Causa Giusta, una formazione controllata dal Cremlino. Il nuovo presidente Dmitry Medvedev lo nominò capo della Rosnano, l'agenzia statale per lo sviluppo delle nanotecnologie russe.

 

Negli ultimi anni Chubais ha vissuto ai bordi del vero potere, accontentandosi di qualche prebenda. Quando è fuggito verso l'Italia, era assistente del presidente per i rapporti internazionali in materia dello sviluppo sostenibile. Non proprio la prima preoccupazione di Putin.

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

anatoly chubais anatoly chubais anatoly chubais anatoly chubais

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTE LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGOREPORT! - ULTIMI BOATOS DALL’ITALIA FERRAGNIZZATA  -  TRAMONTATO DA TEMPO IL TRASTULLO MATRIMONIALE, QUEL POCO CHE ERA RIMASTO IN PIEDI ERA “THE FERRAGNEZ – LA SERIE” - ANCORA COL PANDORO SULLO STOMACO, L’EX BARBIE DEL WEB NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI DAR VITA ALLA TERZA STAGIONE. IL RAPPER (PER MANCANZA DI VOCE) NON L’AVREBBE PRESA TANTO BENE: DEPRESSO PER LA MALATTIA, INFEROCITO PER I VAFFA E I PERCULAMENTI, DEPRIVATO, AL PARI DELLA MOGLIETTINA, DI SPONSOR E DI CONTRATTI VARI, FATTI DUE CONTI, FEDEZ LE AVREBBE FATTO SCRIVERE DALL’AVVOCATO: BISOGNA FARLA, CI SONO IN BALLO TROPPI SOLDI E IL PIATTO PIANGE. NIENTE! E DOPO IL DANNO, PER FEDEZ ARRIVA LA BEFFA PIU' CRUDELE: SI INSTALLA IN CASA MARINA, LA SUOCERA PIU' SGOMITANTE D'ITALIA..

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…