PUTIN NON FINIRÀ AL GABBIO, ALMENO PER IL MOMENTO – DOPO IL MANDATO DI CATTURA FIRMATO DALLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE DELL’AIA, “MAD VLAD” POTREBBE ESSERE ARRESTATO DA QUALSIASI FORZA DI POLIZIA DI UNO DEI 123 PAESI CHE RICONOSCONO LA GIURISDIZIONE DEL TRIBUNALE. IN COMPENSO POTRÀ ANDARE NEGLI USA, CHE, COME LA RUSSIA, NON HANNO MAI FIRMATO LO STATUTO DI ROMA. BASTA CHE LO ZAR NON LASCI IL SUO PAESE, O VIAGGI SOLO IN BIELORUSSIA E CINA, PER STARE TRANQUILLO (E AI G20 CHI MANDA?) - BIDEN: "MANDATO GIUSTIFICATO"

-

Condividi questo articolo


VLADIMIR PUTIN MARIA LVOVA BELOVA VLADIMIR PUTIN MARIA LVOVA BELOVA

1. UCRAINA: BIDEN, MANDATO D'ARRESTO PER PUTIN GIUSTIFICATO

(ANSA) - Vladimir Putin ha chiaramente commesso dei crimini di guerra: il mandato di arresto della Corte penale internazionale nei suoi confronti è giustificato. Lo afferma il presidente americano Joe Biden.

 

2. «HA DEPORTATO I BAMBINI» L’AIA VUOLE ARRESTARE PUTIN

Estratto dell’articolo di Fiorenza Sarzanini per il “Corriere della Sera”

 

Il mandato di cattura internazionale è stato firmato ieri alle 16 dai giudici della Corte penale dell’Aia. E adesso il presidente Vladimir Putin è ufficialmente ricercato con l’accusa di crimini di guerra «per aver deportato bambini e adolescenti ucraini in Russia». Provvedimento analogo contro Maria Lvova-Belova, la commissaria di Mosca per i diritti dei bambini, che ha curato personalmente i trasferimenti e l’organizzazione dell’accoglienza negli orfanotrofi e presso nuove famiglie.

 

STRUTTURA DI RIEDUCAZIONE PER BAMBINI UCRAINI IN RUSSIA STRUTTURA DI RIEDUCAZIONE PER BAMBINI UCRAINI IN RUSSIA

[…] La conseguenza è immediata, se Putin e la sua fidata collaboratrice dovessero uscire dai confini potrebbero essere arrestati da qualsiasi forza di polizia di uno dei 123 Stati che hanno firmato la convenzione.

 

[…] L’indagine si è concentrata su chi è stato strappato alle famiglie, ma anche sugli orfani che sono stati chiusi nelle strutture russe per essere «educati». La maggior parte proviene dal Donbass. […] Nelle migliaia di pagine raccolte dalla Procura coordinata dal britannico Karim Ahmad Khan e dagli stessi giudici che hanno poi ordinato l’arresto, ci sono anche i documenti trasmessi dal procuratore generale dell’Ucraina, Andrij Kostin. Oltre ai verbali, ai video che mostrano l’arrivo dei bimbi e dei ragazzi in Russia, documentano i rastrellamenti dei soldati e gli ingressi in alcuni edifici ucraini, i successivi viaggi, ci sono le chat intercettate sul canale Telegram. […]

 

LA STRUTTURA DI POTERI E RESPONSABILITA CHE SAREBBERO COINVOLTE NELLA DEPORTAZIONE RIEDUCAZIONE E ADOZIONE DI BAMBINI UCRAINI LA STRUTTURA DI POTERI E RESPONSABILITA CHE SAREBBERO COINVOLTE NELLA DEPORTAZIONE RIEDUCAZIONE E ADOZIONE DI BAMBINI UCRAINI

3. MANDATO DI CATTURA DELL'AIA: COSA ACCADRÀ ORA?

Estratto dell’articolo di Enrico Franceschini per www.repubblica.it

 

[…] La Russia non è membro della Corte Penale Internazionale, dunque non ne riconosce la giurisdizione. Il capo del Cremlino potrebbe essere teoricamente arrestato se si recherà all'estero, in Paesi membri della Cpi. Tuttavia sembra improbabile che il leader russo lasci il suo Paese, ancora più improbabile per visitare capitali occidentali dove rischierebbe l'esecuzione del mandato di arresto. Finché rimane in patria, o si limita a visitare Paesi alleati o amici, come la Bielorussia o la Cina, non corre alcun rischio. Almeno finché è al potere. […]

 

4. SÌ, SAREBBE ORA DI ARRESTARE PUTIN

Estratto dell’articolo di Micol Flammini per “il Foglio”

 

vignetta di osho sui ferragnez e i palloni-spia con vladimir putin e xi jinping vignetta di osho sui ferragnez e i palloni-spia con vladimir putin e xi jinping

Da ieri il popolo russo è rappresentato da un uomo accusato di essere un criminale di guerra. Su Vladimir Putin pende un mandato d’arresto emesso dalla Corte penale internazionale dell’Aia e, se nel 2024 dovesse ricandidarsi alle elezioni presidenziali, come intende fare, e dovesse vincere, cosa ormai al di là delle intenzioni di voto dei suoi concittadini, a Mosca sarà eletto un ricercato internazionale.

 

[…] La Corte penale internazionale ha emesso il mandato d’arresto per Putin e per Maria Lvova-Belova, commissario per i diritti dei bambini della Federazione russa, che il mese scorso ha detto di aver adottato un bambino di Mariupol, e la cosa più rilevante è che ci sono “fondati motivi per ritenere” che Putin abbia “la responsabilità penale individuale per i suddetti crimini”.

 

PUTIN COME VOLDEMORT MEME PUTIN COME VOLDEMORT MEME

La risposta di Mosca è stata rapida: il mandato non ha alcun significato.  L’ex premier Dmitri Medvedev ha suggerito di utilizzare il mandato di arresto come carta igienica […]. Maria Zakharova ha sottolineato che la Russia non fa parte dello Statuto di Roma – ai sensi del quale è stato emesso il mandato – e non collabora con la Corte.

 

[…] Il Cremlino ha risposto come ci si aspettava, ma quello che conta è la spaccatura che nascerà da questo mandato e soprattutto il riconoscimento che Putin non è più un presidente, ma un ricercato e all’Aia hanno le prove dei crimini. […]

 

La Russia non ha ratificato lo Statuto di Roma e all’appello delle firme mancano altri paesi, tra cui gli Stati Uniti e la Cina, ma da questo momento il capo del Cremlino non potrà più recarsi negli altri centoventitré stati che invece ne  riconoscono la giurisdizione  e tra questi ci sono anche paesi amici, come il Venezuela, il Tagikistan o  il Brasile.

 

un bambino guarda un edificio distrutto durante gli attacchi nella periferia di irpin, kiev un bambino guarda un edificio distrutto durante gli attacchi nella periferia di irpin, kiev

[…] Il mandato di arresto è una crepa tra due mondi, un punto a capo che riscrive anche le regole di comportamento dei leader internazionali con il presidente russo. Bisognerà evitare gli errori commessi dopo le guerre nei Balcani, per esempio, ma la dichiarazione della Corte penale rimette a posto le norme dell’ordine internazionale, apre la strada alla giustizia futura, dalla quale si dovrà partire per sanare le ferite ucraine e per ricostruire l’ordine globale.

 

Ma soprattutto, la decisione della Corte restituisce alle colpe il loro nome: se invadi, distruggi, uccidi, deporti sei un criminale di guerra. Sei anche “un macellaio”, ma questo l’ha già detto Joe Biden.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA