AL QAEDA PERDE UN ALTRO PEZZO? - L’EREDE DI BIN LADEN E IDEOLOGO DELLA “GUERRA SANTA”, AYMAN AL ZAWAHIRI, SAREBBE MORTO A CAUSA DI UNA CRISI D'ASMA IN AFGHANISTAN - LA MANCANZA DI CONFERME UFFICIALI POTREBBE ESSERE LEGATA ALLA NECESSITÀ DI NOMINARE UN SUCCESSORE. MECCANISMO CHE PUÒ RICHIEDERE TEMPO IN UNA FASE DOVE LA GERARCHIA È STATA DECIMATA DAI RAID STATUNITENSI E AFGHANI…

-

Condividi questo articolo

Guido Olimpio per il “Corriere della Sera”

 

OSAMA BIN LADEN E AYMAN AL ZAWAHIRI OSAMA BIN LADEN E AYMAN AL ZAWAHIRI

Dal Pakistan rilanciano una notizia già circolata. Ayman al Zawahiri, leader di Al Qaeda, sarebbe spirato a causa di una crisi d' asma nei pressi di Ghazni, in Afghanistan. Una crisi respiratoria che non è stato possibile curare in modo adeguato.

 

Il sito Arab News - che cita come fonti una persona vicina alla fazione e ambienti dell' intelligence - sostiene che un nucleo ristretto di militanti avrebbe celebrato il funerale evitando però di dare qualsiasi annuncio. Le prime informazioni erano state diffuse una decina di giorni fa ed erano state attribuite alla fazione qaedista in Siria, Hurras al Din. I militanti del gruppo hanno perso i contatti con il capo storico da un paio di mesi, silenzio accompagnato da voci non buone sulla sorte del medico egiziano diventato uno degli architetti della guerra santa in chiave internazionalista.

 

ATTACCO ALLE TORRI GEMELLE ATTACCO ALLE TORRI GEMELLE

La mancanza di conferme o comunicazioni ufficiali potrebbe essere legata alla necessità di nominare un successore. Meccanismo che può richiedere tempo in una fase dove la gerarchia è stata decimata dai raid statunitensi e afghani. A questo proposito si cita un' altra fine misteriosa, quella di Abdullah Abdullah freddato in una via di Teheran il 7 agosto ma la cui morte è stata svelata solo una settimana fa.

 

Un agguato attribuito ad un' azione congiunta Mossad-Cia, anche se non mancano gli interrogativi su chi lo abbia tradito, sulla dinamica dell' attacco e su cosa stesse facendo in Iran. In giro c' è ancora Seif al Adel, uno dei dirigenti della vecchia generazione, pare ospitato dagli iraniani, anche se non è chiaro quale sia il suo margine di manovra operativo.

 

ABU AL ZARQAWI ABU AL ZARQAWI

Le rivelazioni mettono fine al giallo sulla sorte di Al Zawahiri? Non completamente. La storia del decesso è plausibile, coincide con alcuni indizi e lo strano ultimo messaggio, diffuso via web, di Zawahiri con riferimenti a fatti molto datati. Inoltre erano note le sue precarie condizioni di salute.

 

ABU AYYUB AL MASRI ABU AYYUB AL MASRI

Qualche esperto, però, non esclude sorprese. Dubbi inevitabili in una realtà avvolta dalla nebbia della clandestinità, prudenze legate a comportamenti operativi. Forse il numero uno potrebbe essere stato costretto a immergersi da altre motivazioni. Perché costretto dai talebani, suoi protettori, oggi impegnati nel negoziato con gli Usa e dunque interessati ad un profilo basso. Oppure si è nascosto per ragioni di sicurezza, temendo di far la fine di molti mujaheddin. È comunque opinione comune che il movimento proseguirà sulla linea che concede ampia autonomia ai fronti locali, dal Sahel allo Yemen.

AL ZAWAHIRI AL ZAWAHIRI

 

Condividi questo articolo

media e tv

SLURP! LILLI-BOTOX IN SOCCORSO DI CONTE: “È  GENTILE, EDUCATO E AFFABILE". POI LE SI ALLUNGA IL NASINO: "NON CHIEDE MAI LE DOMANDE PRIMA" (INFATTI LA DOMANDA SU DRAGHI, CON SGRADEVOLE BATTUTA A SEGUIRE, ERA STRA-PREPARATA) - DA PINOCCHIA A CROCEROSSINA: "LA TOSSE? AVEVA LE CORDE VOCALI IRRITATE, CERTO NON METTEREBBE A RISCHIO LA SALUTE DI ALTRI" - INFINE SI SCIOGLIE COME UN LECCA-LECCA: "L’HO TROVATO MOLTO DETERMINATO, UN PO’ STANCO, MA È NORMALE PER UN UOMO CHE HA MESSO AL CENTRO DELLA SUA VITA IL LAVORO” (SLURP. SLURP!)

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute