QUANDO SI DICE CHE LA “MASCHERINA” TI SOFFOCA! – PANICO SU UN BUS IN GRAN BRETAGNA DOVE UN UOMO È SALITO CON UN SERPENTE ATTORCIGLIATO AL COLLO: IL RETTILE GLI COPRIVA NASO E BOCCA COME UNA MASCHERINA, MA UNA VOLTA SEDUTO LO SCIROCCATO HA CONSENTITO CHE SI SUO AMICO SI AVVILUPPASSE A UNA BARRA DI SOSTEGNO SOTTO LO SGUARDO ALLIBITO DEGLI ALTRI PASSEGGERI…

-

Condividi questo articolo

Salvatore Lavino per "www.viagginews.com"

 

uomo con serpente sul bus 2 uomo con serpente sul bus 2

Grande panico a bordo di un autobus per la presenza di un uomo con al suo seguito un grosso predatore. Questi infatti è salito con avvolto su se stesso un gigantesco serpente. Il fatto è avvenuto a Salford, nei pressi di Manchester, in Inghilterra.

 

Il tutto è stato debitamente documentato da immagini e video realizzati da diversi altri passeggeri. Una testimone in particolare racconta che l’individuo in questione è salito tenendo il pitone avvolto sul viso, quasi come se fosse una mascherina.

 

Poi gli pendeva dal collo, infine lui lo ha fatto giocare consentendogli di attorcigliarsi intorno ad una barra verticale utilizzata per mantenere l’equilibrio. Il tutto è stato visto anche come una chiara violazione delle norme anti Covid, dal momento che l’uomo non indossava la mascherina.

uomo con serpente sul bus 3 uomo con serpente sul bus 3

 

Serpente sul bus, gli altri passeggeri allibiti

Una misura divenuta obbligatoria in tutto il Regno Unito da quando è in atto l’epidemia di Coronavirus. C’è anche chi ha trovato la cosa divertente. Sul web si sprecano i commenti tra chi condanna l’autore dell’episodio e chi invece, per chissà quali motivi, lo acclama.

 

Anche le associazioni animaliste si sono dette contrarie a questa esibizione che vede come protagonista un animale. Per giunta non comune e le cui condizioni di conservazione vanno verificate, dal momento che si tratta di una specie per nulla adatta ad un ambiente domestico.

uomo con serpente sul bus 1 uomo con serpente sul bus 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CORTOMETRAGGIO SPOT SULLA CALABRIA, FIRMATO DA GABRIELE MUCCINO, E’ COSTATO 1,7 MILIONI DI EURO - LA DIFESA DI “LIBERO”: “VIENI FUORI UNA REGIONE PHOTOSHOPPATA. COI CALABRESI IN BRETELLE E COPPOLE A BIGHELLONARE E I VECCHIETTI A GIOCARE A CARTE; SONO CLICHÉ L'ASINELLO NEI CAMPI E LE CLEMENTINE MA PUR SEMPRE DI SPOT SI TRATTA. PER VENDERE UN PRODOTTO BISOGNA UN PO' DEFORMARE LA REALTÀ, A COSTO DI FARNE UNA CARTOLINA: SI VENDE LA CALABRIA CHE VORREMMO, NON QUELLA CHE ABBIAMO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute