QUATTRO POLIZIOTTI, TRE VERSIONI DEI FATTI –  MOLTE COSE NON QUADRANO NEL RACCONTO DEI QUATTRO AGENTI INDAGATI PER IL VOLO DALLA FINESTRA DI HASIB OMEROVIC LO SCORSO 25 LUGLIO A ROMA – PRIMA HANNO DETTO CHE IL ROM SORDOMUTO SI È GETTATO DI SOTTO APPENA LORO SONO ENTRATI IN CASA. POI HANNO SOSTENUTO DI AVERLO IDENTIFICATO PRIMA CHE SI LANCIASSE. INFINE HANNO DICHIARATO CHE LORO ERANO GIÀ ANDATI VIA QUANDO L'UOMO È CADUTO…

-

Condividi questo articolo


Rinaldo Frignani per il “Corriere della Sera - Edizione Roma”

 

il palazzo di Hasib Omerovic il palazzo di Hasib Omerovic

Per la Procura più di qualcosa non quadra nella versione fornita dai quattro poliziotti indagati per la caduta di Hasib Omerovic dalla finestra della sua camera da letto a Primavalle lo scorso 25 luglio. «Abbiamo suonato alla porta dell'appartamento - hanno raccontato gli agenti nella loro relazione di servizio in possesso dei pm di piazzale Clodio -, ci è stato aperto, ma lui come ci ha visto è fuggito nella sua stanza, ha alzato la serranda e si è lanciato di sotto».

 

Hasib Omerovic Hasib Omerovic

È questa, in ordine cronologico, la prima ricostruzione di quanto sarebbe accaduto nello stabile di via Gerolamo Aleandro, ma nei giorni scorsi sulla stampa sono emerse altre due ricostruzioni fatte dagli stessi indagati, tutte da verificare: in una Hasib si sarebbe buttato dopo essere stato identificato, in un'altra dopo che gli agenti erano usciti dall'appartamento. Ancora da stabilire comunque se il gesto del 36enne sia stato fatto per tentare il suicidio da circa otto metri di altezza o per sfuggire ai poliziotti perché spaventato.

 

Hasib Omerovich Hasib Omerovich

In tutti i casi la drammatica conclusione di un'operazione che per gli investigatori era stata organizzata per identificare il 36enne disabile in relazione a presunte molestie a ragazze di Primavalle. Sonita, la sorella della vittima, affetta da gravi disturbi psichici, ha invece raccontato di botte, calci, pugni, foto scattate dagli agenti al fratello, «poi afferrato per i piedi e buttato di sotto». Insomma, una storia completamente diversa.

 

Proprio «voci di quartiere», avrebbero spiegato i poliziotti, sarebbero stati alla base degli accertamenti a casa Omerovic.

porta della stanza di hasib omerovic porta della stanza di hasib omerovic

Come quella - non è chiaro se sia nella relazione degli agenti - contenuta nel post su Facebook scritto da Paola Camacci, madre di una delle giovani che avrebbero subìto le attenzioni di Hasib, con foto e invito a «prendere provvedimenti» contro di lui. La donna sarebbe stata già sentita come il barista Paolo Soldani, l'unico - secondo quanto riferito dai genitori della vittima - a mettere in guardia la famiglia su quello che stava per accadere.

 

la maglietta insanguinata di hasib omerovic la maglietta insanguinata di hasib omerovic

La versione dei poliziotti è tuttora al vaglio della Procura, con l'aggiunto Michele Prestipino e il pm Stefano Luciani, che fin dai primi giorni dopo il 10 agosto, data della presentazione dell'esposto da parte degli Omerovic, hanno avviato accertamenti per ricostruire l'accaduto, passando da un fascicolo modello 45 senza ipotesi di reato a quello per tentato omicidio e falso nei confronti dei poliziotti.

 

scopa spezzata a casa di hasib omerovic scopa spezzata a casa di hasib omerovic

 I pm rimangono in attesa dei risultati delle analisi mediche sulle ferite sul corpo di Hasib, per capire se siano state provocate solo dalla caduta o anche da percosse, e degli esami svolti dalla Scientifica nell'appartamento al primo piano allora occupato con diritto dalla sua famiglia, che ora però vive in macchina alla Garbatella, parcheggiata davanti al Dipartimento al Patrimonio del Comune dove ha chiesto un altro alloggio.

i documenti lasciati sul tavolo a casa di hasib omerovic i documenti lasciati sul tavolo a casa di hasib omerovic polizia caso Hasib Omerovic polizia caso Hasib Omerovic la finestra di casa di Hasib Omerovic la finestra di casa di Hasib Omerovic conferenza stampa per Hasib Omerovic conferenza stampa per Hasib Omerovic i familiari di Hasib Omerovic i familiari di Hasib Omerovic primavalle polizia Hasib Omerovic primavalle polizia Hasib Omerovic finestra di casa Omerovic finestra di casa Omerovic serratura della stanza di hasib omerovic serratura della stanza di hasib omerovic

 

Condividi questo articolo

media e tv

“LE SUE INTERVISTE ILLUMINANO PIÙ LEI CHE L’INTERVISTATO” – LA STILETTATA DI SELVAGGIA LUCARELLI A FRANCESCA FAGNANI: “VUOLE VINCERE, NON CONOSCERE L’INTERVISTATO” – “MI SONO GIUSTIFICATA PIÙ VOLTE PER NON ESSERE ANDATA DA LEI CHE PER NON AVER BATTEZZATO MIO FIGLIO, NON HO BEN CAPITO PERCHÉ! COMINCIO A PENSARE CHE BELVE SIA UNA SPECIE DI LEVA OBBLIGATORIA. SONO OBIETTORE DI COSCIENZA!" - “SE È VISSUTO COME ATTO DI CORAGGIO, È UN PROBLEMA: VUOL DIRE CHE È PERCEPITA COME UN’IMBOSCATA. NON C’È ASCOLTO, MA...

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

business

cronache

GIANDAVIDE DE PAU HA AGITO CON “ESAGERATA VIOLENZA” – IL KILLER DI PRATI HA COLPITO LE DUE PROSTITUTE CINESI CON CINQUANTA COLTELLATE: NELLA FOGA, LE AVREBBE FERITE PIÙ VOLTE NEGLI STESSI PUNTI TANTO DA ALLARGARE I TAGLI E RENDERE COMPLICATO CAPIRE QUALE SIA L’ARMA DEL DELITTO (CHE ANCORA NON È STATA RITROVATA) – IL MISTERO DELL’INCIDENTE: L’UOMO AL VOLANTE DELLA SUA TOYOTA IQ, CHE SI È RIBALTATA VICINO AL POLICLINICO TOR VERGATA, NON ERA LUI. DOVE STAVA CORRENDO? E PERCHÉ SI È ALLONTANATO RIFIUTANDO LE CURE?

sport

cafonal

CAFONALISSIMO SBANCATO! – ALLA GALLERIA DORIA PAMPHILJ SI SONO PRESENTATI I CARICHI DA NOVANTA PER LA PRIMA EDIZIONE DEL PREMIO “BANCOR” (DALLO PSEUDONIMO USATO DA GUIDO CARLI PER I SUOI ARTICOLI SULL’’“ESPRESSO”) – IL RICONOSCIMENTO, ISTITUITO DALL'ASSOCIAZIONE GUIDO CARLI CON IL PATROCINIO DI BANCA IFIS, È ANDATO A SIR MERVYN KING, EX GOVERNATORE DI BANK OF ENGLAND – A MODERARE LUCIA ANNUNZIATA. SONO INTERVENUTI IL GOVERNATORE DI BANKITALIA, IGNAZIO VISCO, E IL PRESIDENTE DELLA CONSOB, PAOLO SAVONA. AVVISTATI ANCHE GLI EX MINISTRI DANIELE FRANCO, TIZIANO TREU E  L’INAFFONDABILE "LAMBERTOW" DINI…

viaggi

salute