"AIUTATEMI A PORRE FINE ALLA MIA VITA IN MODO DIGNITOSO E SENZA ULTERIORI SOFFERENZE" - LA LETTERA DI MARGHERITA BOTTO, TRADUTTRICE PER EINAUDI DI 74ANNI MALATA DI CANCRO, CON CUI HA CHIESTO IL SUICIDIO ASSISTITO IN UNA CLINICA SVIZZERA - LA DONNA È MORTA IERI - BOTTO: "LE CURE MI ESPORREBBERO A ULTERIORI SOFFERENZE SENZA MOLTE PROBABILITÀ DI SUCCESSO..." - I MALATI TERMINALI (CHE SE LO POSSONO PERMETTERE) SONO COSTRETTI AD ANDARE FUORI DALL'ITALIA PER PORRE FINE AL LORO DOLORE - MARCO CAPPATO E PAOLO BOTTO, FRATELLO DI MARGHERITA, SONO INDAGATI PER AIUTO AL SUICIDIO...

-

Condividi questo articolo


SUICIDIO ASSISTITO: CAPPATO E ALTRI INDAGATI IN NUOVO CASO

Margherita Botto Margherita Botto

(ANSA) - Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, Cinzia Fornero, volontaria dell'associazione Soccorso Civile, e a Paolo Botto, fratello della professoressa di 74 anni Margherita, malata oncologica che è morta ieri mattina in Svizzera, sono stati iscritti nel registro degli indagati della procura di Milano per aiuto al suicidio.

 

L'indagine riguarda la morte assistita della docente in una clinica di Zurigo dove è stata accompagnata dal fratello e da Cinzia Fornero. Cappato è il presidente dell'associazione che ha organizzato il viaggio. I tre stamani si sono autodenunciati. 

 

MARGHERITA BOTTO: "AIUTATEMI A PORRE FINE ALLA MIA VITA IN MODO DIGNITOSO E SENZA ULTERIORI SOFFERENZE FISICHE E PSICOLOGICHE"

Estratto dell'articolo di Andrea Siravo per "La Stampa"

 

Margherita Botto Margherita Botto

«Aiutatemi a porre fine alla mia vita in modo dignitoso e senza ulteriori sofferenze fisiche e psicologiche». Parole soppesate e scelte con cura dalla professoressa universitaria Margherita Botto, settantaquattrenne milanese, contenute nella lettera con cui ha chiesto il suicidio assistito a una clinica svizzera. La stessa in cui la traduttrice per Einaudi di grandi autori francesi come Emmanuel Carrère, Alexandre Dumas e Stendhal è morta ieri.

 

Dopo una lunga carriera accademica di ricerca e insegnamento di letteratura e di linguistica francese nelle università di Pavia, Sassari e Bergamo. Alla quale in parallelo dalla fine degli anni Settanta si è dedicata alla traduzione dapprima di saggistica. Agli esordi lavorando sulle opere di Tzvetan Todorov, Roger Chartier e Marc Fumaroli. E quindi alla narrativa con i grandi classici dell'Ottocento fino agli autori contemporanei come Fred Vargas. [...]

Una donna malata di cancro sceglie il suicidio assistito Una donna malata di cancro sceglie il suicidio assistito

 

«L'oncologo - sottolineava la professoressa nella missiva al centro elvetico - mi ha chiaramente spiegato che il protocollo di cura ha lo scopo di ottenere un "contenimento del tumore" (citazione testuale). Quindi non una guarigione». Una prospettiva non contemplata da Botto. «Le mie speranze di poter ritornare ad una qualità della vita non dico soddisfacente, ma almeno accettabile sono molto ridotte o nulle.

 

Il proseguimento del protocollo di cura mi esporrebbe a ulteriori sofferenze per almeno un anno o più, senza molte probabilità di successo. In questa situazione intendo liberamente ed autonomamente porre fine al protocollo di cure, affrontandone consapevolmente le infauste conseguenze». [...]

suicidio assistito 2 suicidio assistito 2 suicidio assistito 3 suicidio assistito 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ANCHE I DRAGHI, OGNI TANTO, COMMETTONO UN ERRORE. SBAGLIÒ NEL 2022 CON LA CIECA CORSA AL COLLE, E SBAGLIA OGGI A DARE FIN TROPPO ADITO, CON LE USCITE PUBBLICHE, ALLE CONTINUE VOCI CHE LO DANNO IN CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA COMMISSIONE EUROPEA - CHIAMATO DA URSULA PER REALIZZARE UN DOSSIER SULLA COMPETITIVITÀ DELL’UNIONE EUROPEA, IL COMPITO DI ILLUSTRARLO TOCCAVA A LEI. “MARIOPIO” INVECE NON HA RESISTITO ALLE SIRENE DEI MEDIA, CHE TANTO LO INCENSANO, ED È SALITO IN CATTEDRA SQUADERNANDO I DIFETTI DELL’UNIONE E LE NECESSARIE RIFORME, OFFRENDOSI COME L'UOMO SALVA-EUROPA - UN GRAVE ERRORE DI OPPORTUNITÀ POLITICA (LO STESSO MACRON NON L’HA PRESA BENE) - IL DESTINO DI DRAGHI È NELLE MANI DI MACRON, SCHOLZ E TUSK. SE DOPO IL 9 GIUGNO...

DAGOREPORT – BENVENUTI ALLA PROVA DEL “NOVE”! DOPO LA COSTOSA OPERAZIONE SUL ''BRAND AMADEUS'' (UN INVESTIMENTO DI 100 MILIONI DI DOLLARI IN 4 ANNI), A DISCOVERY NON VOGLIONO STRAFARE. E RESTERANNO FERMI, IN ATTESA DI VEDERE COSA SUCCEDERA' NELLA RAI DI ROSSI-MELONI - ''CORE BUSINESS' DEL CANALE NOVE: ASCOLTI E PUBBLICITÀ, QUINDI DENTRO LE SMORFIE E I BACETTI DI BARBARELLA D'URSO E FUORI L’INFORMAZIONE (L’IPOTESI MENTANA NON ESISTE) - LA RESPONSABILE DEI CONTENUTI DI DISCOVERY, LAURA CARAFOLI, PROVO' AD AGGANCIARE FIORELLO GIA' DOPO L'ULTIMO SANREMO, MA L'INCONTRO NON ANDO' A BUON FINE (TROPPE BIZZE DA ARTISTA LUNATICO). ED ALLORA È NATA L’IPOTESI AMADEUS, BRAVO ''ARTIGIANO" DI UNA TV INDUSTRIALE... 

DAGOREPORT – L’INSOFFERENZA DI AMADEUS VERSO LA RAI È ESPLOSA DURANTE IL FESTIVAL DI SANREMO 2024, QUANDO IL DG RAI GIAMPAOLO ROSSI, SU PRESSIONE DEI MELONI DI PALAZZO CHIGI, PROIBI' AI RAPPRESENTANTI DELLA PROTESTA ANTI-GOVERNATIVA DEI TRATTORI DI SALIRE SUL PALCO DELL'ARISTON - IL CONDUTTORE AVEVA GIÀ LE PALLE PIENE DI PRESSIONI POLITICHE E RACCOMANDAZIONI PRIVATE (IL PRANZO CON PINO INSEGNO, LE OSPITATE DI HOARA BORSELLI E POVIA SONO SOLO LA PUNTA DELLA CAPPELLA) E SI È LANCIATO SUI DOLLARONI DI DISCOVERY – L’OSPITATA “SEGRETA” DI BENIGNI-MATTARELLA A SANREMO 2023, CONSIDERATA DAI FRATELLINI D’ITALIA UN "COMIZIO" CONTRO IL PREMIERATO DELLA DUCETTA, FU L'INIZIO DELLA ROTTURA AMADEUS-PRESTA…