"AVEVA LA CASSETTA DELLA POSTA PIENA DI RECLAMI E BOLLETTINI CHE NON RIUSCIVA A PAGARE. TEMEVA CHE LE PORTASSERO VIA LA CASA" - IL CORPO SENZA VITA DELLA 46ENNE CARLA CINTELLI È STATO TROVATO NELLA SUA CASA A SIGNA, COMUNE DELL'HINTERLAND DI FIRENZE: E' STATO FERMATO IL FRATELLO, TROVATO NASCOSTO IN UN CAPANNO VICINO A CASA - LA DONNA, CHE VIVEVA DA SOLA E NON LAVORAVA, CHIEDEVA SPESSO AIUTO AL FRATELLO, MA LA SITUAZIONE NEGLI ULTIMI MESI ERA PRECIPITATA...

-

Condividi questo articolo


Marco Gasperetti per il “Corriere della Sera”

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

 

Da quando erano morti i genitori con i quali aveva vissuto da sempre, Carla Cintelli, 46 anni, non era più la stessa. Riservata sino all'inverosimile, si era ancor più arroccata nel suo mondo. Viveva da sola, non aveva amici, diffidava di tutto e tutti, anche dei vicini che la conoscevano da 40 anni. E negli ultimi tempi usciva poco, non lavorava, i soldi dell'eredità erano finiti e non riusciva ad andare avanti economicamente.

 

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

L'hanno trovata senza vita al terzo piano del suo piccolo appartamento in un condominio di Signa, comune dell'hinterland di Firenze, uno stabile a due passi dalla stazione. E di quella morte adesso è sospettato il fratello interrogato per ore dai carabinieri del reparto operativo di Firenze.

«Aveva la cassetta della posta piena di reclami e bollettini che non riusciva a pagare. Temeva che le portassero via la casa», rivela un vicino.

 

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

Chiedeva spesso aiuto al fratello Marco, un elettricista cinquantenne sposato con un figlio adolescente, ma le discussioni sembra fossero continue e insanabili e la situazione negli ultimi mesi era precipitata. L'ultimo litigio, violento e fatale, è accaduto probabilmente venerdì quando il fratello ha deciso di andarci a parlare. Stavolta non era preoccupato soltanto per le continue richieste di pagamento delle utenze della casa dove viveva Carla che erano a lui intestate. Secondo alcune indiscrezioni l'uomo avrebbe ricevuto un avviso di pignoramento del suo stipendio per far fronte ai debiti della sorella.

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

 

«Vado da Carla, ci starò qualche giorno, poi ci sentiamo al telefono», aveva detto alla moglie prima di uscire di casa. Ma quella telefonata non l'ha mai fatta e la donna, preoccupata dell'assenza del marito che non rispondeva al cellulare, prima ha avvertito alcuni parenti che hanno cercato inutilmente l'elettricista e poi martedì si è presentata alla caserma dei carabinieri preoccupatissima per denunciare la scomparsa del marito.

 

Troppo tardi. Era già tutto accaduto nel piccolo appartamento di via don Minzoni 18. Quando i militari sono entrati nella casa hanno trovato la donna morta, probabilmente strangolata dal fratello. Il corpo di Carla era riverso sul pavimento della camera da letto, sembra che avesse dei segni sul corpo come se ci fosse stata una colluttazione, ma il particolare non è stato confermato ufficialmente dagli investigatori. Sul pavimento ancora ricevute non pagate e avvisi di pagamento.

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

 

Le ricerche del fratello sono proseguite sino a quando l'elettricista è stato trovato in un capanno vicino a casa. Era immobile, seminascosto, sembrava sotto choc, non ha pronunciato neppure una parola. È stato fermato e interrogato per ore: è sospettato di omicidio volontario. L'uomo pare soffrisse di depressione e in passato aveva manifestato propositi suicidi. Con la sorella i rapporti erano tesi da sempre e si erano aggravati dopo la morte dei genitori.

omicidio Carla Cintelli omicidio Carla Cintelli

 

Ad alcuni conoscenti aveva confessato di essere molto preoccupato per la sorella che prima o poi lo avrebbe mandato in rovina. Le indagini proseguono. Gli indizi, raccolti dai carabinieri della compagnia di Signa insieme alla Sezione investigazioni scientifiche del reparto operativo di Firenze, sono schiaccianti ma servono prove certe su dinamica e movente.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - "BENVENUTI A PAMPLONA, TURISTI DEL CAZZO"! - CRONACHE DALLA FOLLE FESTA DI SAN FERMIN, DOVE ALLE 8 DI MATTINA MIGLIAIA DI PERSONE SCAPPANO PER QUASI UN CHILOMETRO SPERANDO DI NON FARSI INCORNARE DAI TORI: NON TUTTE CI SONO RIUSCITE, DAL 1910 IL BILANCIO DELLE VITTIME E' DI 16 PERSONE - L'ARRIVO DEI BESTIONI NELL'ARENA GREMITA DI GENTE UBRIACA CHE CANTA I RICCHI E POVERI. LE NOTTI A LUCI ROSSE DEI TURISTI AMERICANI. LA FINALE DEGLI EUROPEI IGNORATA COMPLETAMENTE ("GLI SPAGNOLI? DEI FIGLI DI PUTTANA") - VIDEO

DAGOREPORT - LA DISAVVENTURA CHE VIDE GIANNI AGNELLI E IL PLAYBOY GIGI RIZZI FINIRE PER TRE GIORNI IN UNA GALERA FRANCESE - UNA BOMBASTICA STORIA RACCONTATA DA UN EX DIRIGENTE FIAT CHE, VA AMMESSO, NON È SOSTENUTA DA UN DOCUMENTO O INDISCREZIONI GOSSIP - IL FATTACCIO AVVENNE NEL1969 A CAP FERRAT: LA TRUPPA SBRONZA E SU DI GIRI CAPITANATA DA GIGI RIZZI, RINFORZATA DALLA PRESENZA CHIC DELL’AVVOCATO, MISE SOTTOSOPRA UN NIGHT CLUB. CI VOLLE L'INTERVENTO DELLA POLIZIA PER FRENARE LA BABILONIA DEGLI "ITALIENS” - RIZZI E AGNELLI FURONO BECCATI IN POSSESSO DI DOSI DI COCAINA E FINIRONO IN GATTABUIA...

DAGOREPORT – ANCHE ROBERTA METSOLA VA IN PRESSING SU GIORGIA MELONI: LA PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, RIELETTA CON UNA MAGGIORANZA RECORD DI 562 VOTI, COMPRESI QUELLI DI ECR, OGGI TELEFONERÀ ALLA DUCETTA PER CONVINCERLA A SMETTERLA DI NICCHIARE E APPOGGIARE APERTAMENTE URSULA VON DER LEYEN – LA DUCETTA È CONSAPEVOLE DELL’IMPORTANZA DI NON AUTOESCLUDERSI, MA È TERRORIZZATA DI PERDERE ECR, DALLA REAZIONE DI SALVINI PRONTO A URLARE ALL’INCIUCIO CON I SOCIALISTI E DALLO ZOCCOLO POST-FASCIO DEL SUO ELETTORATO, DA SEMPRE EURO-SCETTICO – BIDEN O TRUMP? CHIUNQUE VINCA, PER L’UE È FINITA LA PACCHIA DELLA SICUREZZA MILITARE PAGATA DAGLI USA...

DAGOREPORT – LA RESA DEI CONTI TRA BIDEN E OBAMA ARRIVERÀ A FINE LUGLIO, QUANDO SI TIRERANNO LE SOMME SULLA PENURIA DI DONAZIONI: ANCHE UN EVENTUALE SUCCESSO IN POLITICA INTERNAZIONALE (LA TREGUA A GAZA) RISCHIA DI NON ESSERE RISOLUTIVO PER “SLEEPY JOE” – I SONDAGGI CONTINUANO A FOTOGRAFARE UN TESTA A TESTA CON TRUMP: L’ATTENTATO AL TYCOON NON HA SMOSSO TROPPI CONSENSI. ORMAI L’AMERICA, SEMPRE PIÙ POLARIZZATA, RAGIONA SU ALTRI SCHEMI - IN UN PAESE CON 330 MILIONI DI ABITANTI E 450 MILIONI DI ARMI PUO' SUCCEDERE DI TUTTO…

FLASH! - STRANE COPPIELETTERA43 SI È OCCUPATA DELL’OSCURA STORIA AMBIENTATA A CATANIA NEL MONDO DELLA FILIERA DI FORNITURA DELLA RETE - INCHIESTA CHE HA PORTATO AI DOMICILIARI DOMENICO LOMBARDO, COGNATO DI SALVATORE TURRISI, NUMERO 1 DI SIELTE, SOCIETÀ CHE SI OCCUPA DI IMPIANTI TELEFONICI - SORPRESA: CHI SPUNTA, COME UN CONIGLIO DAL CILINDRO, PER DIFENDERE L’IMMAGINE DELL’AZIENDA (E DI TURRISI)? L’INARRESTABILE PIERRE E LOBBISTA FRANCESCA IMMACOLATA CHAOUQUI, CHE DA TEMPO SEGUE SIELTE…