"LA MADRE MI CHIESE AIUTO PER SUO FIGLIO, NON LO VEDEVA PIÙ PRESENTE" – PARLA DANIELE LEALI, AMICO DI ALBERTO GENOVESE E SOSPETTATO DI AVER DISTRIBUITO DROGA AI PARTY: "SO CHE AMAVA IL SESSO ESTREMO. UNA VOLTA M’HA MOSTRATO UN FILMATO SUL SUO CELLULARE. UNO SCHIFO. GLI HO DETTO DI FERMARSI, MI VENIVA IL VOLTASTOMACO. CERTE COSE DA SANO NON LE PUOI NEANCHE CONCEPIRE. QUANDO TI STRAFAI DI COCAINA E ALCOL NON CI SEI PIÙ CON LA TESTA" – "IL RESOCONTO DEGLI INQUIRENTI È SCONVOLGENTE. ALBERTO DEVE PAGARE, MA NON C’È LA STORIA DI CAPPUCCETTO ROSSO FINITA TRA LE GRINFIE DEL LUPO MANNARO" – "LA SUA DERIVA È INIZIATA QUATTRO ANNI FA QUANDO…"

-

Condividi questo articolo

Giuseppe Fumagalli per “Oggi”

 

ALBERTO GENOVESE DANIELE LEALI ALBERTO GENOVESE DANIELE LEALI

Daniele Leali, amico e socio di Alberto Genovese, milionario della new economy finito in galera per aver drogato e stuprato per 24 ore una ragazza di 18 anni, sembra fatto di gomma. Più gli vai addosso e più ti rimbalza. È allenato.

 

Da due mesi è sotto il tiro incrociato di chi lo indica come il gran cerimoniere di Terrazza Sentimento, incaricato di allietare le feste nell’attico milanese del suo anfitrione, procurandogli droga e ragazze su cui scatenare le sue perversioni. O come un gran furbo che appena ha sentito aria di manette è fuggito a Bali, in Indonesia.

 

alberto genovese alberto genovese

Sono accuse pesanti e Leali le prende di petto. Va in tv, accetta l’uno contro tutti, si fa intervistare, fa imbestialire uomini e, soprattutto, donne, ribatte colpo su colpo tutte le accuse e quando non può ribatterle, prova a schivarle. Accomodato su un divano accanto alla fidanzata Marilisa Loisi, in un loft che sembra uscito da una rivista d’arredamento, consegna anche a Oggi la sua autoassoluzione: «Ho la coscienza pulita», dice.

 

Alcune ragazze l’hanno vista girare porgendo piatti di droga.

«Balle. La droga c’era, ma era di Alberto, era lui che se la procurava ed era lui a un certo punto della serata che la metteva a disposizione di tutti».

 

alberto genovese daniele leali alberto genovese daniele leali

 Ne prendeva anche lei?

«No».

 

Come no?

«Questo è un aspetto delicato e certe cose le dirò ai magistrati».

 

È già stato interrogato dai magistrati?

«Al momento no. I giornali dicono che sono indagato. In realtà non ho ricevuto avvisi di garanzia e anche in tribunale non risulta nulla».

 

 Se le suonano il campanello di casa a cosa pensa: un pacco di Amazon o i Carabinieri?

«Ansie non ne ho. Vengano pure i Carabinieri. So di essere a posto».

 

marilisa loisi marilisa loisi

Era al corrente delle perversioni di Genovese?

«So che amava il sesso estremo».

 

È vero che inviava agli amici i video delle sue “imprese”?

«Di certo non li inviava a me. Una volta m’ha mostrato un filmato sul suo cellulare. Uno schifo. Gli ho detto di fermarsi, mi veniva il voltastomaco. Vuole che racconti?».

 

Sorvoliamo.

«Meglio. Anche perché a monte di tutto c’è la droga. Certe cose da sano non le puoi neanche concepire. Quando ti strafai di cocaina e alcol non ci sei più con la testa».

 

Non poteva dirgli di cambiare abitudini?

alberto genovese alberto genovese

«Non so quante volte l’ho fatto. “Scusa fratello, hai ragione”, mi rispondeva. Ai primi di ottobre m’aveva avvicinato la madre. Mi chiese aiuto per suo figlio, non lo vedeva più presente. Allargai le braccia. “Se non riesce lei che è la mamma…”, risposi».

 

Ha letto gli atti con la ricostruzione dello stupro?

«Lettura orripilante. Al di là di ogni immaginazione».

 

Lei forse avrebbe potuto immaginare, non crede?

«Come potevo? La ragazza era finita in ospedale, la Procura aveva aperto un’inchiesta, la casa era sotto sequestro e abbiamo pensato che Alberto si fosse spinto un po’ troppo in là. Ma tutti, vittima compresa, abbiamo scoperto quel che era successo dopo che i Pm sono riusciti a vedere i filmati».

alberto genovese alberto genovese

 

Prima dell’arresto di Alberto lei se n’è andato a Bali. Fuga?

«No, un’altra leggenda. Sono partito per incontrare un italiano che sta a Shanghai, mio socio in un resort a Boracay, nelle Filippine. Volevamo aprire anche a Bali, ma visto il polverone, abbiamo deciso di lasciar perdere. In ogni caso non mi sembra d’aver avuto l’atteggiamento del fuggitivo. Ho risposto a chi mi chiamava, ho fatto collegamenti tv e il 19 dicembre sono tornato. In frontiera mi hanno bloccato: “Abbiamo una notifica per lei”. Dopo due ore mi hanno detto che potevo andare perché non c’era nulla».

 

alberto genovese alberto genovese

Dagli atti risulta che Alberto abbia cercato di cancellare i video. Nel mese intercorso tra la festa e l’arresto, non le diceva di essere preoccupato?

«No e non lo dava nemmeno a vedere. Il giorno del suo arresto doveva fare un trapianto di capelli, poi voleva sparire dalla circolazione per non farsi vedere con bende e cerotti sulla testa. Gli avevo proposto di venire con me e Marilisa a Bali. Ma lui preferiva Zanzibar. L’avevo accompagnato in questura per rinnovare il passaporto e quel passaggio deve aver fatto pensare a un piano di fuga. Subito dopo è scattato l’arresto. Del resto, se davvero sono successe certe cose...».

Alberto Genovese Alberto Genovese

 

Perché “se”? È tutto filmato, dubbi non ce ne sono.

«Il resoconto degli inquirenti è sconvolgente. Non condivido la ricostruzione dei media. Vogliono far passare la storia di Cappuccetto Rosso finita tra le grinfie del lupo mannaro».

 

Non è così?

«Spero solo che i Pm vadano a vedere chi sono le vittime o presunte tali».

alberto genovese sarah borruso alberto genovese sarah borruso

 

Presunte mica tanto. Il medico legale che ha visitato la ragazza seviziata da Genovese dice di non aver mai visto nulla di simile.

«Ribadisco il concetto. Alberto deve pagare. Però, se l’inchiesta non si ferma tra le quattro mura della stanza da letto e qualcuno ha voglia di guardarsi attorno ci sono tante cose interessanti da scoprire sulla vita milanese. Potrebbero essere utili a prevenire altre storie come questa».

 

Se è per questo l’inchiesta s’è già allargata e a denunciare Genovese si sono aggiunte altre cinque ragazze.

«Appunto. Quando c’era da andare con Alberto su un jet o in un beach club a bere champagne andava bene, adesso è diventato un mostro. Fino a ieri condividevano le sue perversioni, vivevano in casa sua, usavano la sua carta di credito e oggi, di colpo, si accorgono di aver subito violenza e di aver diritto a un risarcimento».

alberto genovese alberto genovese

 

Vedremo... Secondo lei come può un uomo che dalla vita ha avuto tutto, finire bruciato in un fuoco fatuo di orge e droga?

«Materia per psicologi. La deriva è iniziata quattro anni fa quando ha smesso di lavorare. Voleva riscattare il suo passato, i 25 anni che lui diceva persi, segregato davanti a un computer. Voleva prendersi una rivincita, godersi la vita. Avvicinarsi alla droga e alle donne, avendo a disposizione tanto tempo e danaro in quantità illimitata, è stato per lui letale».

alberto genovese alberto genovese

 

Chi è per lei Genovese? Un socio o un amico?

«Tutti e due. Ci siamo conosciuti sei anni fa quando lui è entrato in società nel Tipic, il mio locale di Formentera. Sentivo una gran fiducia da parte sua, ma io lavoravo estate e inverno e non abbiamo mai avuto il tempo per frequentarci. Col Covid tutte le mie attività si sono fermate, abbiamo cominciato a vederci più spesso ed è nata un’amicizia».

alberto genovese alberto genovese

 

Feste su feste.

«No facevamo anche progetti. Lui metteva soldi e idee, io le capacità manageriali. Mi sentivo in un percorso importante. Dovevamo aprire una catena di locali in giro per il mondo, partire con un resort alle Baleari... si è fermato tutto. Sono a casa con Marilisa, mia compagna da dodici anni. Non faccio niente e aspetto tempi migliori».

sarah borruso sarah borruso ALBERTO GENOVESE ALBERTO GENOVESE ALBERTO GENOVESE ALBERTO GENOVESE alberto genovese alberto genovese alberto genovese alberto genovese ALBERTO GENOVESE ALBERTO GENOVESE alberto genovese alberto genovese alberto genovese alberto genovese marilisa loisi marilisa loisi

 

Condividi questo articolo

media e tv

IL CINEMA DEI GIUSTI – GOLDEN GLOBES, UNA DIRETTA DI TRE ORE SU ZOOM CHE SEMBRAVA DI ESSERE NON IN AMERICA, MA NEL SALOTTO DI LILLIBOTOX GRUBER CON MASSIMO GIANNINI FONATO E ANDREA SCANZI LAMPADATO APPICCATI ALLA PARETE DI CASA - JODIE FOSTER SI È PRESENTATA ASSIEME ALLA MOGLIE E AL CANE IN PIGIAMA E A PIEDI SCALZI, COME SE STESSERO GUARDANDO “CHI L’HA VISTO?” - MIGLIOR CANZONE A LAURA PAUSINI COME FOSSIMO A SANREMO - SEAN PENN SEMBRAVA PIÙ UN FICO D’INDIA CHE IL VECCHIO CIPOLLA - PER FORTUNA CHE BILL MURRAY SI È PRESENTATO IN CAMICIA HAWAIIANA E MARTINI IN MANO – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute