"AL ZAWAHIRI È MORTO. RIPOSA IN PACE SORELLA" - LA DEDICA SULLA TOMBA DI JENNIFER MATTHEWS, FUNZIONARIA DELLA CIA UCCISA IN AFGHANISTAN NEL 2009 INSIEME A DEI COLLEGHI MENTRE DAVA LA CACCIA AL CAPO TERRORISTA - QUALCUNO HA LASCIATO UN FOGLIO CON L'ARTICOLO CHE ANNUNCIA LA MORTE DI AYMAN AL ZAWAHIRI - MATTHEWS ERA STATA TRADITA DA UN INFORMATORE GIORDANO, CHE GLI AVEVA PROMESSO LA TESTA DEL TERRORISTA, PRIMA DI…

-

Condividi questo articolo


Guido Olimpio per il “Corriere della Sera”

 

l articolo della morte di al zawahiri sulla lapide di jennifer matthews l articolo della morte di al zawahiri sulla lapide di jennifer matthews

Cimitero di Arlington, Washington. Qualcuno ha lasciato una copia dell'articolo che annuncia l'eliminazione di Ayman al Zawahiri sulla tomba di Jennifer Matthews. Una dedica speciale per una funzionaria della Cia uccisa mentre dava la caccia al capo terrorista. A postare la foto del «foglio» su Twitter Kristin Wood, una ex dell'agenzia che aveva lavorato con la vittima, un'immagine accompagnata dal messaggio «riposa in pace, sorella».

 

È il 30 dicembre 2009 nella base Chapman, a Khost, Afghanistan, c'è grande fermento. Un team dell'intelligence guidato da Jennifer aspetta la visita di un informatore, Khalil al Balawi. Giordano, medico, jihadista, è stato convinto a collaborare dai servizi segreti del suo Paese (GID) e infiltrato nei ranghi della militanza che agisce sotto l'ombra di al Qaeda e dei talebani. Si unisce ai mujaheddin islamici nell'area tribale afghano-pachistana, inizia a passare dati importanti che permettono raid di droni.

 

jennifer matthews 3 jennifer matthews 3

Il rapporto, gestito da un ufficiale giordano, cugino del re, e dalla cellula della Matthews cresce perché la talpa promette una preda importante: la testa di Zawahiri. La Cia accelera, Amman frena e predica cautela in quanto quel tipo di danza ha bisogno di passi prudenti. Ma a Langley hanno fretta, il bersaglio è rilevante. Seguono contatti, viene deciso un summit proprio nell'installazione di Khost.

 

le vittime dell attentato di khost in afghanistan nel 2009 le vittime dell attentato di khost in afghanistan nel 2009

Balawi raggiunge la base Chapman in auto, supera agevolmente la barriera, si fidano di lui. Troppo. I controlli non sono adeguati e gli agenti hanno preso un grande rischio nell'incontrarlo all'interno del loro «guscio». Sono talmente sicuri del legame che gli hanno fatto preparare una torta perché è il giorno del suo compleanno. Una sorpresa. Ma la sorpresa maggiore la nasconde l'estremista: scende dalla vettura va incontro al gruppo di agenti usciti all'aperto e disposti a semicerchio, attiva una carica esplosiva.

 

jennifer matthews 1 jennifer matthews 1

Muoiono la Matthews, la sua collega Elizabeth Hanson, l'ufficiale giordano ed altri elementi della «squadra» operativa. Uno dei più gravi rovesci per lo spionaggio statunitense. L'infiltrato era un triplo agente. Prima terrorista, poi al servizio del nemico, quindi di nuovo al lavoro per la guerra santa. Forse ha cambiato idea a seconda dei momenti, perché sotto pressione, ricattato, spinto da mosse di convenienza. Oppure, alla fine, ha accettato di compiere l'attentato come gesto di pentimento per lavare la sua colpa, scelta non rara dei collaborazionisti.

 

Seguiranno polemiche, indagini interne, veleni. Jennifer Matthews, sposata e madre di tre figli, aveva cercato e ottenuto un incarico difficile in «territorio indiano» - alias zona ostile - nonostante avesse passato gran parte della sua carriera come analista. Storie del giorno dopo, tanto più aspre quando sono bruciate delle vite e a casa sono rimasti degli orfani.

Ayman al Zawahiri Ayman al Zawahiri al zawahiri con bin laden al zawahiri con bin laden il momento in cui biden ha autorizzato il raid contro al zawahiri il momento in cui biden ha autorizzato il raid contro al zawahiri raid per uccidere al zawahiri raid per uccidere al zawahiri ricostruzione dell uccisione di al zawahiri ricostruzione dell uccisione di al zawahiri jennifer matthews 2 jennifer matthews 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

CARTA STRACCIATISSIMA – ANCHE GIUGNO È STATO IL SOLITO BAGNO DI SANGUE PER I QUOTIDIANI ITALIANI: SI È DILEGUATO UN ALTRO DIECI PER CENTO DEL MERCATO - “BLITZQUOTIDIANO”: “SE CONTINUA COSÌ, A COLPI DI 100 MILA COPIE PERSE OGNI ANNO, NEL GIRO DI UNA DOZZINA D’ANNI NON CI SARÀ PIÙ UNA COPIA DI CARTA IN CIRCOLAZIONE. CHE FINE FARÀ LA PIÙ O MENO LIBERA MA ABBASTANZA VARIEGATA INFORMAZIONE PROFESSIONALE NELLA NOSTRA CARA ITALIA? RESTERANNO LE VARIE “BESTIE” E I SOCIAL NETWORK, ROBA BUONA PER GLI ZOMBIE DI BEPPE GRILLO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute