UN RECORD DEL CAZZO! PER LA PRIMA VOLTA AL MONDO UN UOMO INGLESE DI 40 ANNI SI E' FRATTURATO IL PENE IN VERTICALE - LE ROTTURE, RISCONTRATE FINORA, SI SONO SEMPRE VERIFICATE DURANTE RAPPORTI SESSUALI PARTICOLARMENTE FOCOSI O MASTURBANDOSI, MA SONO SEMPRE STATE ORIZZONTALI - LE POSIZIONI PIU' A RISCHIO SONO "A PECORINA" O "UOMO IN CIMA": E LE FRATTURE VANNO OPERATE ENTRO LE 24 ORE ALTRIMENTI...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Daily Mail

 

Pene rotto in verticale Pene rotto in verticale

I medici del Regno Unito si sono trovati ad affrontare il primo caso noto al mondo di un uomo a cui il pene si è rotto in verticale. Il membro del quarantenne «si è piegato contro il perineo del suo partner», tra l’ano e i genitali, prima che una lacrima di 3 cm di aprisse alla sua base.

 

I medici non hanno spiegato in che posizione l’uomo si trovasse, anche se le fratture del pene sono più comunemente innescate da posizioni «alla pecorina» o con «l’uomo in cima». Nel pene non ci sono ossa, e le rotture si verificano di solito quando il pene scivola fuori dal partner e si piega improvvisamente, il che può causare un gonfiore doloroso.

 

Pene rotto in verticale 2 Pene rotto in verticale 2

I medici che hanno curato il paziente hanno raccontato il caso sul British Medical Journal, spiegando che, fino ad oggi, tutte le fratture riscontrate erano state orizzontali. Ma in questo caso a dividersi è stata la tunica albuginea, lo strato protettivo attorno al tessuto erettile che pompa il sangue in quest’area.

 

I dottori hanno spiegato che, contrariamente a quanto succede con le fratture orizzontali, in questo caso non si è sentito alcun suono di «scatto» quando si è verificata la rottura.

 

pene del david pene del david

Gli urologi hanno valutato che l'88,5% delle fratture del pene si verifica durante il sesso: uno studio di 20 anni ha scoperto che "la pecorina" e "l'uomo in cima" sono le posizioni più rischiose.  Altre cause di rottura del pene sono la masturbazione, la posizione durante il sonno e il taqaandan - la pratica di piegare forzatamente il pene, che viene eseguita principalmente nei paesi del Medio Oriente.

 

Gli uomini di 40 anni hanno maggiori probabilità di subire una frattura del pene. La British Association of Urological Surgeons consiglia di operare su peni fratturati entro 24 ore per ridurre il rischio di problemi a lungo termine come la disfunzione erettile.

 

masturbazione masturbazione

Una frattura del pene si verifica quando l'appendice è soggetta a un trauma acuto e contundente. Può succedere durante un rapporto sessuale vigoroso o con la masturbazione.

 

Dal 1924, sono stati registrati 1.600 casi in tutto il mondo, circa 16 casi all'anno. I ricercatori hanno notato che nel 50 per cento dei casi si può sentire un raccapricciante scricchiolio. Quattro su cinque vittime di sesso maschile hanno perso l'erezione.

 

dolori al pene dolori al pene

Coloro che sono già stati traumatizzati dalla rottura del loro pene sono spesso lasciati con problemi di disfunzione erettile e una vita di sesso doloroso. Il sangue scorre nei corpi cavernosi che percorrono il pene e lo rendono duro durante l'erezione.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

L’EMERGENZA SANITARIA DEL FUTURO - OLTRE 1,2 MILIONI DI MORTI NEL 2019, A CAUSA DI INFEZIONI ANTIBIOTICO-RESISTENTI, MENTRE ALTRE 5 MILIONI PER CAUSE LEGATE INDIRETTAMENTE - LE INFEZIONI DELLE BASSE VIE RESPIRATORIE SONO QUELLE CHE FANNO PIÙ VITTIME, SEGUITE DA QUELLE DEL SANGUE E DA QUELLE ADDOMINALI – SI STIMAVA CHE ENTRO IL 2050 LE VITTIME POTREBBERO ARRIVARE A 10 MILIONI, CON I NUMERI EMERSI DI RECENTE SI RISCHIA DI ARRIVI MOLTO PRIMA A QUESTO TRISTE TRAGUARDO…