RIPRENDETE I LIBRI DI GEOGRAFIA: LA NUOVA ZELANDA VUOLE CAMBIARE NOME! - IL PARTITO MAORI HA LANCIATO UNA PETIZIONE ONLINE PER TRASFORMARLO IN "AOTEAROA", COME VIENE CHIAMATO IN LINGUA MAORI - "'NUOVA ZELANDA' E' UN NOME OLANDESE. ANCHE GLI OLANDESI HANNO CAMBIATO NOME: DA OLANDA A PAESI BASSI!" - "I TANGATA WHENUA SONO STUFI A MORTE CHE I NOSTRI NOMI ANCESTRALI VENGANO DILANIATI, IMBASTARDITI E IGNORATI"

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dal Guardian

 

Maori Nuova Zelanda Maori Nuova Zelanda

Il partito Maori ha lanciato una petizione online per cambiare il nome ufficiale della Nuova Zelanda in Aotearoa, come si chiama il paese in lingua maori, il Te Reo Maori.

 

«È passato molto tempo da quando il Te Reo Maori è stato riportato al suo legittimo posto come prima lingua ufficiale di questo paese» hanno detto i leader di Te Pati Maori, Rawiri Waititi e Debbie Ngarewa-Packer in una dichiarazione quando hanno lanciato la petizione. «Siamo un paese polinesiano, siamo Aotearoa».

 

Maori Nuova Zelanda 2 Maori Nuova Zelanda 2

«Aotearoa è un nome che unificherà il nostro paese invece di dividerlo», ha detto Waititi. «Altri stanno cercando di usarlo come uno strumento di divisione, ma questo è uno strumento inclusivo, in cui i nostri antenati hanno acconsentito a vivere tutti insieme in questa whenua [terra]».

 

«La Nuova Zelanda è un nome olandese. Anche gli olandesi hanno cambiato nome: da Olanda a Paesi Bassi, per l'amor di Dio!».  La petizione chiede inoltre al governo di «identificare e ripristinare ufficialmente i nomi originali Te Reo Maori per tutte le città, i paesi e i luoghi nazionali» nei prossimi cinque anni, completando il processo entro il 2026.

 

Maori Nuova Zelanda 3 Maori Nuova Zelanda 3

«I Tangata whenua sono stufi a morte che i nostri nomi ancestrali vengano dilaniati, imbastarditi e ignorati. È il 21° secolo, questo deve cambiare», si legge nella petizione.

 

Te Pati Maori ha affermato che i governi e «l'imposizione di un'agenda coloniale nel sistema educativo» hanno portato a una diffusa perdita di lingua tra i Maori, con una fluidità che è scesa dal 90% al 20% negli ultimi 90 anni.

 

«È dovere della Corona fare tutto il possibile per ripristinare lo status della nostra lingua. Ciò significa che deve essere accessibile nei luoghi più ovvi; sui nostri televisori, sulle nostre stazioni radio, sui segnali stradali, sulle mappe e sulla pubblicità ufficiali e nel nostro sistema educativo». scrivono.

 

Maori Nuova Zelanda 4 Maori Nuova Zelanda 4

Nel corso del tempo, i neozelandesi, tra cui funzionari statali, leader politici e aziende, hanno utilizzato sempre di più il nome Aotearoa invece di Nuova Zelanda, ma il cambiamento non è stato ufficializzato.

 

Il primo ministro Jacinda Ardern ha detto l'anno scorso che un cambio di nome ufficiale «non era stato esplorato. «Sento sempre più spesso l'uso di Aotearoa in modo intercambiabile con la Nuova Zelanda e questa è una cosa positiva», ha detto.

 

Maori Nuova Zelanda 5 Maori Nuova Zelanda 5

«Che lo cambiamo o meno in legge, non penso che cambi il fatto che i neozelandesi facciano sempre più riferimento ad Aotearoa, e penso che sia una transizione che è stata accolta con favore».

 

Il lancio della petizione arriva 49 anni dopo la petizione che riportò la lingua maori all’ufficialità.

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

DOVE VAI IN VACANZA? A GRADO! – LO STORICO DELL'ARTE LUIGI FICACCI: "PROPRIO DOVE L’ADRIATICO SI CONCLUDE IN UNA LAGUNA SI POSSONO RINTRACCIARE I CARATTERI DELLA PIÙ ELEVATA CIVILTÀ BIZANTINA, IN UN AVORIO CONSERVATO AL BRITISH MUSEUM. E’ MOLTO PROBABILE CHE NEL VII SECOLO, QUELLA TAVOLETTA VENISSE ESEGUITA E INSERITA IN UNA CATTEDRA VESCOVILE EBURNEA, DEDICATA ALL’APOSTOLO PIETRO – E POI LA CATTEDRALE DI SANT'EUFEMIA, LA BELLISSIMA CHIESA DI SANTA MARIA DELLE GRAZIE, IL CAMPO DEI PATRIARCHI, UN ORGANISMO URBANO CHE…" - VIDEO

salute

NON SIETE UOMINI DI MONDO SE NON CONOSCETE L'ADDERALL - LA VERSIONE FARMACEUTICA DELLA METANFETAMINA È IL FARMACO PIÙ DIFFUSO NEGLI STATI UNITI PER IL TRATTAMENTO DEL DISTURBO DEL DEFICIT D'ATTENZIONE. MA VIENE USATO COME "DOPING" PER MIGLIORARE LE PROPRIE PRESTAZIONI COGNITIVE, TANT'E' CHE MOLTI LO PRENDONO AL POSTO DELLA COCAINA - AGISCE A LIVELLO DEL SISTEMA NERVOSO CENTRALE, DOVE FACILITA IL RILASCIO DI SEROTONINA E DOPAMINA, NEUROTRASMETTITORI CON UN RUOLO IMPORTANTE IN FUNZIONI QUALI REATTIVITÀ, ATTENZIONE E CONCENTRAZIONE - CHI LO USA? PROFESSIONISTI, SPORTIVI, ANALISTI FINAZIARI, UOMINI D'AFFARI…