IN RUSSIA PUTIN NON VUOLE VINCERE: VUOLE STRAVINCERE – NEL PAESE NON SANNO PIÙ CHE INVENTARSI PER COMPRARE L’ELETTORATO: DALLE LOTTERIE AI PRANZI AI CONCERTI GRATIS PER ARRIVARE FINO AI REGALI CHE VANNO DAGLI IPHONE AI PRODOTTI DELLA DYSON – “MAD VLAD” NON VUOLE PERDERE CONSENSO MA, ANCHE SECONDO I SONDAGGI INDIPENDENTI, LE PREFERENZE SONO INTORNO ALL’80% - I TRE RIVALI AMMESSI ALLE ELEZIONI FANNO PARTE DELL’OPPOSIZIONI SISTEMICA, APPENDICE DEL CREMLINO E…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Rosalba Castelletti per “la Repubblica”

 

PUTIN TRA I SUOI SOSTENITORI PUTIN TRA I SUOI SOSTENITORI

Su ogni portone di Mosca sono comparsi due volantini: l’indirizzo del seggio elettorale e, per ogni evenienza, una mappa. Accompagnati da un’annotazione: «Si può votare per tre giorni». Insieme al voto elettronico previsto in 29 regioni, è la novità di queste presidenziali russe, già collaudata alle precedenti elezioni locali col pretesto del Covid: i seggi si aprono oggi e si chiuderanno soltanto domenica sera, uno dei tanti espedienti per promuovere l’affluenza. È questa l’unica incognita di una votazione dall’esito scontato: la conferma di Vladimir Putin per un quinto mandato in assenza di veri avversari e nel bel mezzo dell’offensiva in Ucraina.

putin fans putin fans

 

Secondo diverse fonti, per non sminuire la legittimità del voto, l’obiettivo dell’amministrazione presidenziale è un dato superiore al 67,5% di sei anni fa. Si ricorre a qualsiasi mezzo. Ieri è sceso in campo persino Putin invitando i russi in un video-appello a non «deviare dal cammino» e a votare per esprimere «una posizione civile e patriottica » e «confermare l’unità e la determinazione nell’andare avanti ».

vladimir putin vladimir putin

 

Come sempre, le regioni fanno a gara per attirare i cittadini ai seggi offrendo pranzi gratis o biglietti per i concerti e organizzando lotterie a premi che vanno da un’auto a beni oramai introvabili come l’ultimo iPhone o gli acconcia-capelli della Dyson. Un investimento che si somma alle consuete pressioni su funzionari del partito al potere Russia Unita, dipendenti statali e impiegati delle aziende private fedeli al governo.

putin fan putin fan

[…]

 

Sui consensi di Putin non ci sono dubbi: anche secondo i sondaggi indipendenti, sono intorno all’80%. Per non correre rischi la Commissione elettorale ha escluso le uniche due candidature pacifiste: la giornalista Ekaterina Duntsova e il cauto liberale Boris Nadezhdin. Ammesso soltanto tre rivali, minimo storico dal 2008. Sono tutti esponenti dei partiti della cosiddetta “opposizione sistemica”, appendice del Cremlino: il comunista Nikolaj Kharitonov; il nazionalista Leonid Slutskij, Partito liberaldemocratico; il quarantenne Vladislav Davankov, Gente Nuova. Mere comparse. […]

vladimir putin vladimir putin vladimir putin vladimir putin

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?