SANITÀ ITALIANA DA RICOVERO – UN MEDICO DI PISA È STATO CONDANNATO A UN MAXI RISARCIMENTO DA 1 MILIONE DI EURO: DIROTTAVA I PAZIENTI IN UNA CLINICA PRIVATA E INTASCAVA I SOLDI DELLE VISITE – IL SUO ERA UN METODO COLLAUDATO: NON FACEVA RISULTARE LE PUR NUMEROSE VISITE E RENDEVA FALSE DICHIARAZIONI PER NASCONDERE IL SUO RICORSO ALLEGRO ALLA LIBERA PROFESSIONE

- -

 

-

Condividi questo articolo


 

Luca Serranò per www.repubblica.it

 

certificato medico 6 certificato medico 6

Dirottava i pazienti in una struttura sanitaria convenzionata, intascando sistematicamente i soldi delle visite. Un “tesoro” accumulato nel giro di pochi anni, e che ora rischia di dover restituire.

 

La corte dei conti della Toscana ha condannato a un maxi risarcimento da 1 milione di euro un ex professore dell’università di Pisa, endocrinologo, accusato di aver provocato un grave danno erariale con un disinvolto ricorso alla libera professione. L’uomo, già sospeso dal servizio, era finito al centro di una inchiesta penale per peculato, in cui si ipotizzava proprio un metodo collaudato per nascondere una florida attività da privato.

 

medico 1 medico 1

Secondo le accuse, nel periodo compreso tra il gennaio 2011 e l’agosto 2016 l’ex professore si sarebbe appropriato di una fortuna non facendo risultare numerosissime visite: «Avrebbe occultato il proprio doloso comportamento — si legge nella sentenza, depositata nei giorni scorsi — tra l’altro rendendo false dichiarazioni in sede di instaurazione dei rapporti lavorativi, dichiarando di non versare in situazioni di incompatibilità».

 

Contestata la violazione degli obblighi di servizio. «Comportano il dovere di richiedere l’autorizzazione per lo svolgimento di attività professionale extra lavorativa — si legge ancora — ovvero di astenersene, nonché di riversare le somme indebitamente percepite».

 

medico di base 3 medico di base 3

In sede penale il docente universitario era stato condannato con l’accusa di peculato, reato poi derubricato in abuso d’ufficio: la Cassazione, però, aveva dichiarato il non doversi procedere a causa della prescrizione. Nei giorni scorsi l’epilogo del processo contabile, e la batosta da un milione di euro: i giudici hanno ordinato il risarcimento a favore dell’erario, individuando come amministrazione danneggiata l’Università di Pisa.

 

Negli ultimi mesi numerosi altri medici toscani sono stati condannati per danno erariale: il caso più clamoroso quello dell’ex responsabile delle Usca di Rosignano Marittimo (Livorno), pizzicato in spiaggia o a giocare a tennis negli orari in cui avrebbe dovuto garantire assistenza ai malati di Covid. L’uomo si sarebbe assentato da lavoro per oltre 104 ore, pur risultando presente sui registri della struttura.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…