SDENG! – A ROMA UNO SPACCIATORE IN BICICLETTA È FINITO DRITTO CONTRO UN PALO MENTRE ERA INSEGUITO DALLA POLIZIA – IL PUSHER CERCAVA DI SEMINARE UNA VOLANTE, ALLA MAGLIANA, MA SI È DISTRATTO GETTANDO A TERRA ALCUNE DOSI DI DROGA – NELL’IMPATTO CON UN CARTELLO STRADALE HA RIPORTATO FERITE AL VOLTO. ORA È AI DOMICILIARI

-

Condividi questo articolo


Fabrizio Peronaci per www.corriere.it

 

polizia magliana polizia magliana

Di ladri d’auto distratti, borseggiatori impacciati e rapinatori maldestri - capaci di indossare vestiti invernali in piena estate, con il risultato di rendersi più riconoscibili, farsi riprendere in primo piano dalla telecamera di una villa o tergiversare troppo attorno a un cruscotto, interrotti dall’arrivo del proprietario della macchina - sono piene le cronache. Ma lo spacciatore in bicicletta che finisce dritto contro un palo, con uno sbang! sentito da molti, durante l’inseguimento della polizia, non si era mai visto. Una scena comica, al netto delle conseguenze serie (specie per l’infortunato).

 

DROGA SPACCIO DROGA SPACCIO

È successo alla Magliana, a poche decine di metri dal punto in cui il «collezionista di ossa» fece trovare uno scheletro nel 2007, in una piazza iconica: quella dedicata a Fabrizio de André, affollata da mattina a sera da pensionati giocatori di carte, casalinghe con la busta della spesa, giovani disoccupati e non pochi malavitosi. Alla scena, così, hanno assistito in tanti. I poliziotti dell’XI Distretto San Paolo, durante un giro di perlustrazione del quartiere, avevano appena incrociato un personaggio a loro noto, in sella a una bicicletta.

 

volante polizia volante polizia

«Diamogli una controllata, accelera!» La volante si è accostata e lui, pedalando a più non posso, ha tentato di svignarsela. Uno sguardo di scatto all’indietro, per misurare la distanza dalla pattuglia, e un altro davanti. Solo che a un certo momento il fuggiasco, 53 anni, spacciatore abituale, ha avuto un’ulteriore esigenza: liberarsi di alcune bustine di droga, gettandole dalla tasca dei pantaloni sul lato marciapiede. Distrazione fatale.

 

Lo scontro contro uno dei pali della segnaletica di piazza De Andrè è stato violentissimo: una “tranvata“ talmente forte da insanguinargli la faccia, farlo barcollare completamente rintronato e cadere a terra, con il risultato di trovarsi addosso i poliziotti che lo stavano inseguendo. L’uomo è stato medicato e sottoposto a fermo. Il giudice gli ha concesso gli arresti domiciliari. Non pochi, nel passaparola immediatamente partito nel quartiere, ridevano sotto i baffi.

spaccio droga spaccio droga spaccio droga spaccio droga polizia polizia

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)