LA SECONDA ONDATA E’ PEGGIORE DELLA PRIMA – IN SPAGNA OLTRE 12MILA NUOVI CASI DI COVID, CONTAGI RECORD ANCHE IN FRANCIA (21MILA) E GRAN BRETAGNA – IN ISRAELE, OLTRE 7MILA CASI: SCATTA IL LOCKDOWN RINFORZATO - L'OMS: "RISCHIAMO DUE MILIONI DI MORTI PER LA PANDEMIA SE NON AGIAMO" – GLI ELOGI ALL’ITALIA

-

Condividi questo articolo

Da repubblica.it

covid francia covid francia

I casi di coronavirus nel mondo hanno superato i 32 milioni. Le vittime sono oltre 987mila. Gli scienziati statunitensi ritengono che il virus stia mutando, diventando più contagioso. L'Ue avverte che la pandemia è peggiore ora rispetto al picco di marzo in diversi Paesi.

 

E mentre Rio annulla il Carnevale indefinitivamente, all'aeroporto di Helsinki sono stati arruolati cani da fiuto per rilevare Covid. Continuano le proteste a Marsiglia per il decreto di Parigi di chiudere i bar.

 

CORONAVIRUS SPAGNA CORONAVIRUS SPAGNA

 

Oms, "Rischio due milioni di morti se non agiamo"

L'Oms evoca il rischio che si arrivi a due milioni di morti per la pandemia. "Abbiamo perso un milione di persone in nove mesi e potrebbero volerci altri nove mesi prima di avere il vaccino", ha detto il direttore per le emergenze Michael Ryan rispondendo ad una domanda nel briefing sul coronavirus. "Siamo pronti a fare ciò che è necessario per evitare quella cifra? Il momento di agire è adesso", ha ammonito. "Altrimenti guarderemo a quel numero, e purtroppo ad uno molto più alto"

 

coronavirus catalogna coronavirus catalogna

L'Oms ha anche elogiato l'Italia: "Il primo Paese occidentale ad essere stato pesantemente colpito dal Covid-19. Il governo e la comunità, a tutti i livelli, hanno reagito con forza e hanno ribaltato la traiettoria dell'epidemia con una serie di misure basate sulla scienza", ha scritto l'Oms sul suo profilo Twitter, dove posta un video che racconta la storia dell'esperienza italiana attraverso testimonianze e immagini di repertorio dei mesi scorsi.

 

coronavirus spagna coronavirus spagna

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

CI SCRIVE TRENITALIA E AMMETTE CHE LE ESIGENZE DI MOBILITÀ DEL PERIODO NATALIZIO ''NON POSSONO ESSERE SEMPLICEMENTE RIMODULATE SULLA BASE DELLE ESPERIENZE DEGLI ANNI PASSATI, MA IMPONGONO UNA APPROFONDITA VALUTAZIONE DEL MUTATO CONTESTO''. QUINDI QUEST'ANNO I BIGLIETTI PER I TRENI NATALIZI SARANNO DISPONIBILI ''A PARTIRE DAGLI INIZI DI NOVEMBRE'', CON VARIE SETTIMANE DI RITARDO RISPETTO AL SOLITO. SEMPRE CHE IN QUESTI GIORNI NON SIA IL GOVERNO A SCONVOLGERE I PIANI DI VIAGGIO DEGLI ITALIANI…

salute