SERVE MADONNA PER ESPIARE OGNI PECCATO – UN 55ENNE DI ANCONA DOVRÀ LEGGERE E RECENSIRE UN LIBRO SCRITTO DALLA POPSTAR AMERICANA (“LE MELE DEL SIGNOR PEABODY”) PER EVITARE IL PROCESSO PER DIFFAMAZIONE - L’UOMO AVEVA SCRITTO FASI DIFFAMATORIE SUI SOCIAL NEI CONFRONTI DELL'EX PRESIDENTE DI UNA SOCIETÀ DI CALCIO LOCALE - IL 55ENNE DOVRÀ ANCHE SVOLGERE ATTIVITÀ DI VOLONTARIATO E...

-

Condividi questo articolo


Le mele del signor Peabody Le mele del signor Peabody

(ANSA) - Dovrà leggere e recensire il libro per bambini 'Le mele del signor Peabody' scritto nel 2003 dalla popstar Madonna per vedersi estinguere il reato di diffamazione nei confronti di un ex presidente dell'Anconitana, società di calcio locale, ed evitare così il processo.

 

La lettura del libro, che parla del potere delle parole e della loro capacità di offendere e calunniare, fa parte del percorso di messa alla prova a cui si sottoporrà un tifoso dell'Ancona, un uomo di 55 anni - scrive oggi il Corriere Adriatico - che aveva scritto fasi diffamatorie sui social nei confronti dell'ex dirigente Stefano Marconi.

 

Il 55enne dovrà anche svolgere attività di volontariato presso la Croce Rossa per cinque ore la settimana per tre mesi e fare una donazione simbolica di 500 euro a favore di Marconi, imprenditore alla guida della società dorica nel 2020. Il supporter aveva fatto commenti pesanti sulla sua pagina facebook e su Whatsapp, insinuando dubbi sulla gestione finanziaria.

madonna madonna

 

La messa alla prova, accettata dal Tribunale di Ancona, durerà sei mesi: il 30 settembre l'imputato verrà riconvocato per valutare se il piano della Uepe (Ufficio esecuzione penale esterna) sarà stato rispetto. Tra l'altro dovrà, appunto, presentare una riflessione scritta sul libro, che parla delle calunnie di un bambino nei confronti del maestro, ritenuto, a torto, un ladro di mele.

madonna 2 madonna 2 madonna 3 madonna 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...

INTER-ZHANG: GAME OVER? IL PRESIDENTE NON PUÒ LASCIARE LA CINA E STA COMBATTENDO IL WEEKEND PIÙ DURO DELLA SUA VITA PER NON PERDERE ANCHE L’INTER. BALLA IL PRESTITO DA 375 MILIONI CHE ZHANG DEVE RESTITUIRE A OAKTREE. IL FONDO PIMCO SI ALLONTANA - SE LA TRATTATIVA PER UN NUOVO FINANZIAMENTO NON SI SBLOCCA ENTRO LUNEDÌ, OAKTREE SI PRENDERA’ IL CLUB. UNA SOLUZIONE CHE SAREBBE MOLTO GRADITA AL DG MAROTTA. FORSE IL DIRIGENTE SPORTIVO PIÙ POTENTE D’ITALIA HA GIÀ UN ACQUIRENTE? O FORSE SA CHE...

DAGOREPORT - VANNACCI SARÀ LA CILIEGINA SULLA TORTA O LA PIETRA TOMBALE PER MATTEO SALVINI, CHE TANTO LO HA VOLUTO NELLE LISTE DELLA LEGA, IGNORANDO LE CRITICHE DEI SUOI? - LUCA ZAIA, A CUI IL “CAPITONE” HA MOLLATO UN CALCIONE (“DI NOMI PER IL DOPO ZAIA NE HO DIECI”), POTREBBE VENDICARSI LASCIANDO CHE LA BASE LEGHISTA ESPRIMA IL SUO DISSENSO ALLE EUROPEE (MAGARI SCEGLIENDO FORZA ITALIA) - E COSA ACCADREBBE SE ANCHE FEDRIGA IN FRIULI E FONTANA IN LOMBARDIA FACESSERO LO STESSO? E CHE RIPERCUSSIONI CI SAREBBERO SUL GOVERNO SE SALVINI SI RITROVASSE AZZOPPATO DOPO LE EUROPEE?