LA SOLITA EUROPA SUI MIGRANTI: FA SPALLUCCE E SCARICA LE RESPONSABILITÀ SUI SINGOLI STATI – BRUXELLES RESPINGE LE ACCUSE DEL GOVERNO MELONI DOPO LA STRAGE DI CROTONE: “L’ITALIA È IL PRINCIPALE BENEFICIARIO DEL FONDO ‘ASILO E IMMIGRAZIONE’. E ABBIAMO ALLESTITO UN MECCANISMO DI RIDISTRIBUZIONE DEI MIGRANTI SU BASE VOLONTARIA”. PECCATO CHE FINORA SIANO STATI TRASFERITI SOLTANTO 255 RICHIEDENTI ASILO SUGLI OTTOMILA PREVISTI...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Marco Bresolin per “La Stampa”

 

naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone

«Sì, è il momento di fare qualcosa. Ma noi lo stiamo facendo e non da oggi...». La replica che arriva da una portavoce della Commissione europea alle critiche piovute dall'Italia dopo l'ennesima strage di migranti è netta. L'esecutivo Ue non ci sta a fare da parafulmine sul fallimento delle politiche migratorie. E ricorda due elementi non di poco conto.

 

Il primo è che «l'Italia è il principale beneficiario del fondo Asilo e immigrazione (Amif, ndr)». Il secondo è che «c'è un obbligo giuridico di salvare vite in mare» e che «il compito di coordinare le azioni di ricerca e salvataggio spetta agli Stati membri, non a Frontex».

 

migranti salvati dal naufragio a steccato di cutro, crotone migranti salvati dal naufragio a steccato di cutro, crotone

La Commissione europea sa benissimo quanto sia politicamente sensibile questo tema in Italia e vuole evitare a tutti i costi di infiammare lo scontro con il governo guidato da Giorgia Meloni. Ma al tempo stesso ci tiene a rivendicare quanto fatto finora. E, di conseguenza, a scaricare nel campo delle competenze degli Stati ciò che ancora resta da fare.

 

«La risposta a lungo termine è la riforma del Patto», prosegue la portavoce, lasciando intendere che spetta ai governi mettersi d'accordo sulle nuove regole, cosa che ancora non è avvenuta.

 

giorgia meloni ursula von der leyen 3 giorgia meloni ursula von der leyen 3

[...] l'esecutivo guidato da Ursula von der Leyen è convinto di avere la coscienza apposto: per andare incontro alle esigenze dell'Italia «è stato allestito un meccanismo di ridistribuzione dei migranti su base volontaria, noi abbiamo offerto un supporto operativo». E se a oggi sono stati trasferiti soltanto 255 richiedenti asilo (sugli ottomila previsti), la colpa non andrebbe ricercata a Bruxelles, ma nelle capitali che procedono a rilento.

 

Dal Palazzo Berlaymont sottolineano inoltre che, per aiutare l'Italia, sono state messe in campo le agenzie Ue («Frontex è attiva con 280 persone»), è stato riattivato il gruppo di contatto sulle attività di ricerca e salvataggio ed è stato predisposto un piano ad hoc «per la rotta del Mediterraneo Centrale con 20 azioni concrete».

 

sacerdote davanti alle salme del naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone sacerdote davanti alle salme del naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone

[...] Il Consiglio europeo di febbraio aveva chiesto alla Commissione di predisporre un piano d'azione [...] per la rotta del Mediterraneo orientale, quella che riguarda direttamente la tragedia di domenica. Ma fonti Ue spiegano che è difficile aspettarsi una proposta già entro il vertice di marzo. È una rotta molto battuta, con le navi che partono in direzione di Cipro, Grecia e Italia. Per frenare le partenze bisogna affrontare la questione con la Turchia. E oggi è il momento peggiore per farlo.

 

giorgia meloni ursula von der leyen 1 giorgia meloni ursula von der leyen 1

La Commissione precisa che l'accordo siglato nel 2016 resta valido e «la Turchia deve rispettarlo». Ma il terremoto che ha devastato il Paese rende oggettivamente difficile chiedere a Erdogan uno sforzo supplementare per controllare i propri porti. Non solo: a maggio sono in programma le elezioni e il rischio è di dover rinviare tutto alla fase post-voto. Per questo, all'interno della Commissione c'è chi ritiene irrealizzabile la predisposizione di un piano per la rotta del Mediterraneo orientale in tempo per il prossimo Consiglio europeo. [...]

naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 3 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 3 giorgia meloni ursula von der leyen giorgia meloni ursula von der leyen naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)