SONO ARRIVATI I TITOLI DI CODA NEL PROCESSO PER IL FALLIMENTO DI “MOVIEMAX MEDIA GROUP”: CORRADO COEN HA PATTEGGIATO 3 ANNI, CHE SI ANDRANNO A SOMMARE CON LA PRECEDENTE CONDANNA PER AGGIOTAGGIO – COEN È STATO COINVOLTO IN PASSATO IN UNA SERIE DI INDAGINI, TRA CUI QUELLE PER IL FALLIMENTO DI BANCA MB, PER LA BANCAROTTA E MANIPOLAZIONE DEL MERCATO - ASSOLTO L'EX AD ED EX PRESIDENTE DEL GRUPPO, GUGLIELMO MARCHETTI...

-

Condividi questo articolo


Moviemax Moviemax

(ANSA) - Per il fallimento di Moviemax Media Group, gruppo italiano che operava nel mondo del cinema, della televisione e della distribuzione di home video, ossia Dvd, il finanziere Corrado Coen ha patteggiato 3 anni di reclusione in continuazione con la precedente condanna per aggiotaggio. Ad accogliere la richiesta di patteggiamento che Coen e altri tre coimputati hanno concordato con il pm Bruna Albertini è stato, nei giorni scorsi, il gup Alberto Carboni che ha mandato assolte altre 4 persone, giudicate con rito abbreviato.

 

Tra queste Guglielmo Marchetti, ex presidente ed ex amministratore delegato della società che controllava Moviemax Italia, casa di distribuzione e produzione cinematografica di film come Donnie Darko di Richard Kelly e Alpha Dog di Nick Cassevetes. Con l'accusa di bancarotta per il crac del gruppo, dichiarato dal Tribunale fallimentare di Milano nel gennaio 2015, hanno pure patteggiato a due anni di reclusione, pena sospesa, l'allora vicepresidente Daniela Dagnino e gli ex consiglieri Guido Conti ed Elvio Cesare Gasperini.

 

tribunale milano tribunale milano

Coen, coinvolto in passato in una serie di indagini della Procura milanese, tra cui quelle per il fallimento di Banca Mb (per i suoi legami con Norman 95), per la bancarotta e manipolazione del mercato in relazione a una serie di società nel settore immobiliare, nel turismo e nella gestione degli alberghi di lusso, e per aggiotaggio nel caso della stessa Moviemax, è stato anche arrestato un paio di volte, esclusa l'esecuzione di una pena definitiva.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."