SRI LANKA SBILENCA - I CITTADINI CINGALESI PROTESTANO DA OLTRE 60 GIORNI PER LA CRISI ECONOMICA CHE HA COLPITO IL PAESE E CHIEDONO LE DIMISSIONI DEL PRESIDENTE - TRA LE CAUSE PRINCIPALI LE SCELTE DI POLITICA AGRICOLA, CHE HA VIETATO L'USO DI TUTTI I FERTILIZZANTI CHIMICI, PORTANDO A UNA PERDITA DEL 60% DEI RACCOLTI, E LA MANCANZA DI CARBURANTE ED ELETTRICITÀ - I MANIFESTANTI HANNO PRESO DI MIRA I POLITICI VICINI ALLA FAMIGLIA RAJAPAKSA, INCENDIANDO LE LORO CASE E ORGANIZZANDO CHECKPOINT VICINO ALL'AEROPORTO PER…

-

Condividi questo articolo


Davide Arcuri per “il Messaggero”

 

proteste in sri lanka 5 proteste in sri lanka 5

«La nostra è una rivoluzione culturale, non si può fermare». Dal 9 aprile i cancelli d'ingresso della Segreteria Presidenziale dello Sri Lanka sono occupati da centinaia di manifestanti. La richiesta è una sola: le dimissioni del presidente Gotabaya Rajapaksa.

 

Ad innescare la protesta una delle più gravi crisi economiche nella storia del Paese: «Un chilo di riso costava 100 rupie - circa 30 centesimi di euro - ora ne costa 500». Tra le cause principali la politica agricola 100% biologica che ha portato all'abolizione, da un giorno all'altro, di tutti i fertilizzanti chimici senza dare tempo agli agricoltori di adattarsi alla novità e senza fornirgli un'adeguata formazione.

 

proteste in sri lanka 1 proteste in sri lanka 1

Il risultato è stato una perdita media dei raccolti di oltre il 60% e la successiva recessione. In tutto lo Sri Lanka manca il carburante, nei pochi distributori rimasti aperti le persone aspettano in coda anche tre giorni per un pieno di gasolio. Le interruzioni di corrente elettrica sono continue durante la giornata e possono durare fino a cinque ore. Il gas propano per cucinare è esaurito, mentre alcuni medicinali essenziali iniziano a scarseggiare.

 

LE TENDE

proteste in sri lanka 4 proteste in sri lanka 4

Centinaia di tende affollano il grande parco Galle Face sotto i grattacieli simbolo della finanza srilankese. Fernando vive qui da 50 giorni: «Venite, vi mostro la mia tenda». Il Gota Go Gama è un vero e proprio villaggio organizzato con una biblioteca, un cinema e addirittura una scuola: una protesta artistica fatta di canti, balli, pittura ed eventi culturali. «Hanno venduto il nostro Paese e i nostri diritti - spiega Fernando - Tutto questo non è accettabile in uno stato libero e democratico».

proteste in sri lanka 6 proteste in sri lanka 6

 

Al centro delle contestazioni non c'è solo il presidente Gotabaya ma tutta la famiglia Rajapaksa, magnati srilankesi colpevoli, secondo i manifestanti, di aver pensato per anni solo ai propri interessi e aver portato il Paese al default attraverso una corruzione dilagante. A farne le spese per primo è stato Mahinda Rajapaksa, fratello del presidente ed ex primo ministro, costretto alle dimissioni dopo gli scontri del 9 maggio scorso che sono costati la vita a otto persone.

proteste in sri lanka 3 proteste in sri lanka 3

 

«Stavamo portando avanti la nostra protesta pacifica - racconta Charlie - quando un gruppo di simpatizzanti per il governo è arrivato armato di bastoni e coltelli». Il volto di questa giovane ragazza è ancora terrorizzato mentre ci mostra il braccio ingessato e le ferite da taglio. «Hanno iniziato a dare fuoco alle nostre tende e a colpire le persone senza ritegno». Al termine degli scontri si conteranno otto morti e oltre 240 feriti. Nessun arresto, nessun fermato.

manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 2 manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 2

 

LA RABBIA

La rabbia dei contestatori esplode in tutto il Paese. Vengono prese di mira le case di ministri e politici vicini alla famiglia Rajapaksa, oltre 40 verranno date alle fiamme. Vicino all'aeroporto vengono organizzati checkpoint dei dimostranti: vogliono assicurarsi che nessun politico si dia alla fuga. A fine giornata il premier Mahinda Rajapaksa sarà costretto a dimettersi, servirà l'intervento delle forze speciali per salvarlo dal linciaggio.

 

manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 3 manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 3

 Pochi giorni dopo, il 20 maggio, in concomitanza con il pagamento di una rata del debito pubblico, viene ufficializzato il default finanziario dello Sri Lanka: è la prima volta nella sua storia dall'indipendenza. Le trattative con il Fondo Monetario Internazionale per ridiscutere gli accordi sul debito sono alle prime battute, mentre nel paese reale l'inflazione ha già raggiunto picchi del 30% e il valore della rupia rispetto al dollaro si è dimezzato nel giro di tre mesi. Le persone esasperate continuano la loro protesta ad oltranza: sabato scorso la polizia è dovuta intervenire con il gas lacrimogeno per scongiurare il tentativo dei manifestanti di occupare la Banca centrale dello Sri Lanka.

proteste in sri lanka 9 proteste in sri lanka 9 proteste sri lanka proteste sri lanka ESAMI RIMANDATI IN SRI LANKA PER MANCANZA DI CARTA ESAMI RIMANDATI IN SRI LANKA PER MANCANZA DI CARTA PROTESTE IN SRI LANKA PER LA CRISI ECONOMICA PROTESTE IN SRI LANKA PER LA CRISI ECONOMICA PROTESTE IN SRI LANKA PER LA CRISI ECONOMICA PROTESTE IN SRI LANKA PER LA CRISI ECONOMICA mahinda rajapaksa xi jinping mahinda rajapaksa xi jinping proteste in sri lanka 8 proteste in sri lanka 8 mahinda e gotabaya rajapaksa mahinda e gotabaya rajapaksa manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 1 manifestanti cingalesi incendiano le case dei politici 1 proteste contro mahinda rajapaska proteste contro mahinda rajapaska proteste sri lanka 1 proteste sri lanka 1 proteste in sri lanka 2 proteste in sri lanka 2 proteste in sri lanka 7 proteste in sri lanka 7

 

Condividi questo articolo

media e tv

“PERCHÉ I VECCHI HANNO DIRITTO DI VOTO?" – L'INFLUENCER GIULIA TORELLI, 200MILA FOLLOWER SU INSTAGRAM, S'È LANCIATA IN UNA DELIRANTE RIFLESSIONE SULLA VITTORIA DELLA MELONI: "I VECCHI HANNO GIÀ ESERCITATO NELLA LORO LUNGHISSIMA VITA: BASTA VOTARE. NON SANNO NIENTE, NON SANNO NEMMENO LORO COSTA STANNO FACENDO. SONO  COMPLETAMENTE RINCOGLIONITI" – E SELVAGGIA LUCARELLI LA AZZANNA: “QUESTA E' LA SINISTRA MILANESE (GIULIA TORELLI, AMATA DA MODA E RIVISTE PATINATE, PROFESSIONE ‘RIORDINO ARMADI’)” – VIDEO

politica

business

cronache

sport

cafonal

“FACILE SOGNARE” CON L'ARTE: A MILANO LO "SPAZIO INCONTRO" PER I BAMBINI IN DIFFICOLTÀ (TRA CUI I FIGLI DELLE FAMIGLIE UCRAINE). ALLA SERATA DI PRESENTAZIONE AVVISTATE TRA SPRITZ E SORRISONI BARBARIE D’URSO, MARTINA COLOMBARI, LA REDIVIVA NATASHA STEFANENKO, VICTORIA CABELLO CHE RECENTEMENTE HA CONFESSATO DI VOLER LIMONARE PIER SILVIO BERLUSCONI E SYRIA IN VERSIONE DJ - L'INIZIATIVA PROMOSSA DA F"ACILE RISTRUTTURARE" IN COLLABORAZIONE CON LA ONLUS DI ANNA FOGLIETTA… - FOTO

viaggi

salute