LA STRAGE DEI VOLONTARI ISOLA ANCORA DI PIÙ NETANYAHU – L'UCCISIONE DA PARTE DI ISRAELE DI 7 MEMBRI DELLA ONG WORLD CENTRAL KITCHEN, COLPITI DA TRE MISSILI MENTRE CONSEGNAVANO CIBO ALLA POPOLAZIONE DI GAZA, SCATENA LE CONDANNE INTERNAZIONALI, DAGLI USA ALL'ONU – “BIBI”: “È UN TRAGICO INCIDENTE, SONO COSE CHE ACCADONO IN GUERRA” – DIVERSE ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE LASCIANO LA STRISCIA

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Nello Del Gatto per “La Stampa”

 

volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza

Sette i volontari della Ong World Central Kitchen rimasti uccisi da un drone israeliano a Deir el-Balah, nella zona centrale di Gaza. Erano quasi tutti stranieri: tre britannici, un'australiana, un polacco, un cittadino con doppia nazionalità canadese e americana e un palestinese.

 

Secondo la ricostruzione, il convoglio costituito da tre auto con a bordo i volontari dell'organizzazione americana aveva lasciato un deposito dove aveva scortato dei camion che avevano depositato circa 100 tonnellate di cibi e pasti pronti per la popolazione locale. Uscendo, è stato colpito in pieno da tre colpi in rapida successione, nonostante i tetti delle auto sulle quali viaggiavano gli operatori fossero chiaramente contrassegnati dal logo ufficiale della Ong e nonostante il fatto che i movimenti fossero stati, come sempre, coordinati con l'esercito israeliano.

 

volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza

Secondo il quotidiano Haaretz, l'attacco sarebbe avvenuto perché l'unità militare israeliana che controlla quel percorso aveva avvistato, a bordo dei camion che entravano nel deposito, un uomo armato, e ha sospettato che fosse un terrorista. […]

 

«Sfortunatamente – ha detto Netanyahu - ieri c'è stato un tragico incidente in cui le nostre forze hanno colpito accidentalmente persone innocenti nella Striscia di Gaza. Questo accade in guerra. Stiamo indagando a fondo, siamo in contatto con le parti interessate e faremo di tutto per garantire che questo genere di cose non accada di nuovo».

 

I PASSAPORTI DEI DIPENDENTI DI WORLD CENTRAL KITCHEN MORTI A GAZA I PASSAPORTI DEI DIPENDENTI DI WORLD CENTRAL KITCHEN MORTI A GAZA

Condanna per l'accaduto da tutto il mondo. Gli Stati Uniti chiedono una indagine «rapida» sulla morte degli operatori umanitari. Il ministro degli Esteri britannico, David Cameron, annunciando come il suo omologo polacco la convocazione dell'ambasciatore israeliano, si è detto profondamente angosciato chiedendo protezione per gli operatori umanitari. Condanna da parte del Canada.

 

[…]

 

Il capo della politica estera dell'Ue, Josep Borrell, nel condannare l'attacco e chiedendo un'indagine, sottolinea che l'incidente rafforza ulteriormente la necessità di un cessate il fuoco immediato.

 

Su questo, i vari Paesi del consiglio Onu stanno discutendo una bozza di risoluzione che la Francia è intenzionata a presentare, che chiede un cessate il fuoco immediato tra Israele e Hamas a Gaza e il rilascio immediato e incondizionato di tutti gli ostaggi ancora detenuti nella Striscia. La prima lettura scontenta Israele che ha chiesto agli Usa di porre il veto.

 

volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza volontari della ong World Central Kitchen uccisi a gaza

Intanto World Central Kitchen ha fatto sapere che ha sospeso le operazioni nella regione. Decisione presa da altre Ong come Anera, l'organizzazione americana seconda solo all'Unrwa per impegno a Gaza. La seconda nave di aiuti partita da Cipro e che stava arrivando a Gaza con oltre 200 tonnellate di aiuti, è tornata indietro.

 

Secondo Jamie McGoldrick, alto funzionario delle Nazioni Unite per il coordinamento degli aiuti umanitari a Gaza, l'uccisione dei sette volontari Wck «non è un incidente isolato». Sono più di 200 gli operatori umanitari che sono stati uccisi a Gaza dall'inizio della guerra, la quasi totalità appartenenti all'Unrwa.

 

I PASSAPORTI DEI DIPENDENTI DI WORLD CENTRAL KITCHEN MORTI A GAZA I PASSAPORTI DEI DIPENDENTI DI WORLD CENTRAL KITCHEN MORTI A GAZA

Sul fronte colloqui, la delegazione israeliana è rientrata dal Cairo. Nel comunicato dell'ufficio del primo ministro si legge che è stata presentata ad Hamas una nuova proposta e ora si attende dunque la risposta del gruppo di Gaza. «Israele si aspetta che i mediatori agiscano con maggiore forza contro Hamas per far avanzare i negoziati verso un accordo», si legge nel comunicato scritto per il Mossad. […]

WORLD CENTRAL KITCHEN WORLD CENTRAL KITCHEN world central kitchen world central kitchen WORLD CENTRAL KITCHEN WORLD CENTRAL KITCHEN

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)