SUONALA ANCORA, ANTONY – I RUSSI SFONDANO A KHARKIV, LA RESISTENZA UCRAINA STA PER CEDERE E ANTONY BLINKEN CHE FA? VOLA A KIEV, IMBRACCIA LA CHITARRA E SI ESIBISCE NELLA CANZONE DI NEIL YOUNG “ROCKIN' IN THE FREE WORLD” – DAL PALCO DI UN PUB DELLA CAPITALE UCRAINA, IL SEGRETARIO DI STATO AMERICANO HA DETTO: “SO CHE QUESTO È UN MOMENTO MOLTO, MOLTO DIFFICILE MA DOVETE SAPERE CHE GLI STATI UNITI SONO CON VOI...”

-

Condividi questo articolo


 

ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV

(ANSA) - Il segretario di Stato americano Antony Blinken si è concesso una pausa musicale ieri in Ucraina e durante la sua visita a sorpresa a Kiev ha imbracciato la chitarra e si è esibito in una canzone di Neil Young dedicata al mondo libero. "So che questo è un momento molto, molto difficile", ha detto Blinken dal palco del night club Diktat della capitale.

 

"I vostri soldati, i vostri cittadini, soprattutto nel nord-est a Kharkiv, stanno soffrendo enormemente - ha proseguito -. Ma essi devono sapere, voi dovete sapere, che gli Stati Uniti sono con voi e una gran parte del mondo è con voi". I vostri soldati "stanno combattendo non solo per un'Ucraina libera, ma per il mondo libero. E anche il mondo libero è con voi", ha aggiunto prima di cantare 'Rockin' the free world' insieme a una rock band locale.

ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)