LA SVIZZERA AL DEFAULT SANITARIO: FINITI I POSTI IN TERAPIA INTENSIVA. E I MEDICI CHIEDONO AI MALATI GRAVI LE VOLONTÀ SULL'INTERRUZIONE DELLE CURE - UNO DEI PRINCIPALI ECONOMISTI DELLA SALUTE E CONSULENTE DI NUMEROSI OSPEDALI SVIZZERI, HA DETTO CHE “COLORO CHE SI DEFINISCONO SCETTICI SULL'ESISTENZA DEL CORONAVIRUS DOVREBBERO PERDERE IL DIRITTO AL POSTO IN TERAPIA INTENSIVA, SE NON CE NE FOSSERO A SUFFICIENZA…”

-

Condividi questo articolo


Monica Perosino per la Stampa

 

covid svizzera covid svizzera

La Svizzera, uscita relativamente indenne dalla prima ondata di infezioni della scorsa primavera, è stata pesantemente colpita dalla seconda, con gli ospedali ormai sull'orlo del collasso.

 

Ieri l'annuncio ufficiale: i posti letto di terapia intensiva sono finiti e i medici invitano tutti, e in particolare le persone più a rischio, a «rendere note le proprie disposizioni anticipate di trattamento sanitario, indicando se desiderano beneficiare di misure che prolungano la vita in caso di malattia grave».

 

covid svizzera covid svizzera

In altre parole, chiedono ai positivi di indicare le proprie volontà sull'interruzione delle cure e sulla rianimazione in caso dell'aggravarsi della malattia. «In questo modo - spiegano i medici - i membri della famiglia, ma anche i team dei reparti di terapia intensiva, saranno sostenuti nel processo decisionale, in modo che il trattamento possa avvenire nel miglior modo possibile e secondo i desideri personali del paziente».

 

La Società svizzera di medicina intensiva, Ssmi, invita la popolazione «a rispettare tutte le misure adottate», e assicura che sta facendo del suo meglio «per far fronte ad un afflusso sempre maggiore di pazienti in condizioni critiche e per continuare a trattare tutti i pazienti gravemente malati in futuro». Il numero di pazienti con Covid-19 in terapia intensiva in tutta la Svizzera è salito da 148 della fine di ottobre a 543 di martedì. Significa che, contando i ricoverati per altre patologie, gli 876 posti disponibili sono pieni.

 

Solo ieri, nel Paese con 8,5 milioni di abitanti, si sono registrati 6.114 nuovi casi, 261 persone in più in terapia intensiva e 84 decessi, portando il totale dall'inizio della pandemia a quasi 280.000 casi confermati e 3.377 decessi.

 

covid svizzera covid svizzera

Anche qui è stato deciso il rinvio di tutti gli interventi e le cure non urgenti, ma la situazione è talmente tesa che martedì Willy Oggier, uno dei principali economisti della salute e consulente di numerosi ospedali svizzeri, ha detto che «coloro che si definiscono scettici sull'esistenza del coronavirus dovrebbero perdere il diritto al posto in terapia intensiva, se non ce ne fossero a sufficienza.

 

Chiunque venga denunciato perché ignora volontariamente le regole della distanza e dell'igiene dovrebbe essere responsabile delle proprie azioni». E mentre la Svezia registra un'impennata di morti (96) e Vladimir Putin ammette che la «situazione in Russia è complessa», è il Belgio ad aver registrato il maggior numero di morti pro capite per Covid-19 al mondo. Secondo i dati riportati dalla Johns Hopkins University, il Paese ha registrato 129 decessi ogni 100.000 persone.

 

Seguono Spagna (89), Argentina (81), Brasile (79,5), Gran Bretagna (79,4), Messico (78), Italia (76,8) e Stati Uniti (76). Sembra migliorare la situazione in Germania con 7.561 nuovi contagi, 1000 in meno, rispetto a mercoledì scorso. Ma nonostante i casi aumentino decisamente meno, questo andamento della diffusione del virus non è ancora considerato una «svolta» dal governo tedesco.

coronavirus svizzera 3 coronavirus svizzera 3

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"

DAGOREPORT - FERMI TUTTI! SECONDO UN SONDAGGIO RISERVATO, LA CANDIDATURA DEL GENERALE VANNACCI POTREBBE VALERE FINO ALL’1,8% DI CONSENSI IN PIÙ PER LA LEGA SALVINIANA. UN DATO CHE PERMETTEREBBE AL CARROCCIO DI RESTARE SOPRA A FORZA ITALIA - A CICCIO TAJANI È PARTITO L’EMBOLO. COSÌ QUEL MERLUZZONE DEL MINISTRO DEGLI ESTERI SI È TRASFORMATO IN PIRANHA: HA MESSO AL MURO LA MELONI, MINACCIANDO IL VOTO DI SFIDUCIA SE LA SEPARAZIONE DELLE CARRIERE DEI MAGISTRATI, LEGGE SIMBOLO DEL BERLUSCONISMO, NON VIENE APPROVATA PRIMA DELLE ELEZIONI EUROPEE...