TROPPO SMART PER ESSERE PROFITTEVOLE - LA PROCURA DI TREVISO INDAGA SULLA BANCAROTTA DI "VELVET MEDIA", L'AZIENDA DI MARKETING DIVENTATA FAMOSA PER AVER ABOLITO GLI ORARI DI LAVORO - LA SOCIETÀ, CREATA DALL'IMPRENDITORE ITALO-SIRIANO BASSEL BAKDOUNES,  HA ACCUMULATO UN DEBITO DI OLTRE 11 MILIONI DI EURO IN MENO DI 10 ANNI DI VITA  - DOPO IL FALLIMENTO, BAKDOUNES AVREBBE CHIUSO TUTTE LE SEDI STRANIERE, MA PER UN SUO  EX COLLABORATORE "QUEGLI UFFICI NON SONO MAI ESISTITI…"

-

Condividi questo articolo


Denis Barea per www.corriere.it

 

bassel bakdounes bassel bakdounes

Nel 2017, quattro anni dopo l’apertura, aveva dichiarato un fatturato di tre milioni di euro, salito esponenzialmente tre anni dopo a oltre sedici. Ma Velvet Media Italia, trasformatasi poi in Media Production, ha anche accumulato oltre 11 milioni di passività in neppure dieci anni di vita. Un gigante del marketing ma con i piedi d’argilla tanto da finire in liquidazione giudiziale nel 2023. Ora su quei conti da profondo rosso indaga la guardia di finanza che nei mesi scorsi ha sentito dipendenti e collaboratori, alcuni di alto profilo, della creatura di Bassel Bakdounes, l’imprenditore 46enne italo siriano che di Velvet Media era stato il fondatore.

velvet media 3 velvet media 3

 

SOLDI SPARITI

Nel mirino dei finanzieri del comando provinciale di Treviso ci sarebbe il buco milionario che l’agenzia si è lasciata dietro. Circa 8 sono i milioni di debito con l’erario (per lo più passati tutti all’Agenzia delle Entrate e non saldati), i crediti vantati dalle banche e quelli nei confronti dei dipendenti, rimasti con il cerino acceso in mano. Il rimanente, più di 2 milioni di euro, sono spariti dalle casse della società. Per gli investigatori sarebbero finiti nelle tasche dei soci. Le indagini si concentrano in particolare su una possibile bancarotta per distrazione, realizzata facendo fatturare i contratti a una nuova società creata ad hoc, la Velvet Group, mentre i costi di produzione - compresi gli stipendi - rimanevano in carico della vecchia Velvet Media, ormai prossima al fallimento.

 

UN PATRIMONIO ESIGUO

velvet media 1 velvet media 1

Secondo il rapporto riepilogativo al 10 maggio di quest’anno la somma vantata dai creditori privilegiati (per lo più dipendenti e altre figure professionali) ammonta a sei milioni e mezzo di euro, cui vanno aggiunti quasi 3 milioni di insinuazioni tardive e circa un milione e mezzo di accertamenti per domande tardive. Oltre un milione invece è dovuto agli altri creditori. In totale Media Production, per arrivare ad una liquidazione ordinata, dovrebbe sborsare 11 milioni e settecentomila euro.

 

velvet media italia 1 velvet media italia 1

 A peggiorare il quadro c’è quanto la società potrebbe realizzare dalla vendita dei beni posseduti. Al netto dei vari leasing il patrimonio è composto da attrezzature - computer, tastiere, mouse - e da un furgone Ducato usato, immatricolato nel 2002. La stima, realizzata da Aste 33, è di soli 4 mila e seicento euro. A questi si sommano i valori dei marchi, per un importo di 66 mila euro. I 3 milioni e 300 mila di crediti che Media Production vanterebbe ancora nei confronti dei propri clienti invece sono solo un miraggio: gli importi risultano dalle scritture contabili ma il dato, si legge nel rapporto riepilogativo, viene ritenuto non attendibile.

bassel bakdounes bassel bakdounes

 

Bassel Bakdounes avrebbe chiuso tutte le sedi straniere, dagli Stati Uniti a Dubai, del suo colosso. «Ma in realtà - dice un importante ex collaboratore - quegli uffici non sono mai esistiti. Media Production era una favola durata dieci anni ma come tutte le favole di vero non c’è nulla».

 

 

 

 

 

ARTICOLI CORRELATI

velvet media italia 5 velvet media italia 5 velvet media 2 velvet media 2 velvet media italia 3 velvet media italia 3 velvet media 4 velvet media 4 velvet media italia 2 velvet media italia 2 velvet media italia 4 velvet media italia 4

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?