TRUMPATE CHE FURONO - NEL 2020 L'AMMINISTRAZIONE TRUMP HA CHIESTO (E OTTENUTO) LE MAIL DELLA CORRISPONDENTE CNN DAL PENTAGONO BARBARA STARR - IL CONSIGLIERE GENERALE DAVID VIGILANTE E' STATO COSTRETTO A MANTENERE L'AZIONE DELL'ALLORA PRESIDENTE USA TOP SECRET FINO A MERCOLEDI' SCORSO - LA GIORNALISTA NON E' STATA OGGETTO DI NESSUNA INDAGINE E BIDEN HA GIA' FATTO SAPERE CHE...

-

Condividi questo articolo


Dagotraduzione dalla Cnn

 

Trump Trump

Mercoledì scorso l’avvocato della Cnn ha rivelato che l'amministrazione Trump ha combattuto sei mesi con la testata giornalistica per ottenere i file di posta elettronica di un giornalista, insistendo che tutto si svolgesse in segreto.

 

L'inseguimento, iniziato nel luglio 2020 con la richiesta a William Bar, allora procuratore generale, di farsi consegnare la posta elettronica ricevuta e inviata in due mesi del 2017 della corrispondente dal Pentagono Barbara Starr, è proseguito anche dopo che un giudice federale ha respinto la richiesta del Dipartimento di Giustizia perché giudicava la richiesta «speculativa» e «non ancorata a nessun fatto».

 

Barbara Starr Barbara Starr

L’operazione è stata molto insolita, anche se non è raro che i media ricevano un mandato di comparizione dal Dipartimento di Giustizia. Ma questa volta Trump ha preteso il silenzio assoluto, tanto da aver costretto il consigliere generale della Cnn David Vigilante al silenzio assoluto sulla richiesta del Dipartimento di Giustizia. Non solo: il procedimento giudiziario è durato mesi e l’amministrazione Trump si è dimostrata riluttante a negoziare.

 

Questa primavera, il Dipartimento di Giustizia ha informato i giornalisti della CNN, del Washington Post e del New York Times che i documenti erano stati sequestrati in diverse indagini. Questo è stato il primo riconoscimento pubblico dei tentativi dell'amministrazione Trump di ottenere comunicazioni dei giornalisti a loro insaputa.

 

David Vigilante David Vigilante

La battaglia giudiziaria della CNN sembra essere la più lunga degli sforzi e ha portato la rete ad accettare di consegnare una serie limitata di registri di posta elettronica dopo aver raggiunto un accordo con il Dipartimento di Giustizia a pochi giorni dall'inizio dell'amministrazione Biden.

 

Il Dipartimento di Giustizia ha presentato argomenti e informazioni riservate a due giudici. In tutto, gli avvocati della rete non sono stati in grado di apprendere nemmeno le informazioni di base sull'inseguimento del Dipartimento di Giustizia in quella che sembra essere un'indagine su una perdita di sicurezza nazionale che mirava a spazzare via decine di migliaia di registri di posta elettronica di Starr dal 2017.

 

jeff bezos cnn jeff bezos cnn

Non è ancora chiaro a quale indagine fosse collegata la richiesta di documenti. I pubblici ministeri stavano cercando record di e-mail da un periodo di tempo in cui Starr riferiva delle opzioni militari statunitensi in Corea del Nord che erano pronte per essere presentate a Trump, nonché storie su Siria e Afghanistan.

 

Un funzionario del Dipartimento di Giustizia aveva precedentemente confermato che Starr non era mai stato oggetto di alcuna indagine. Non c'è mai stata alcuna indicazione che Starr abbia violato alcuna legge.

 

anthony fauci ospite della cnn anthony fauci ospite della cnn

Un giudice federale mercoledì ha svelato parti del caso, liberando Vigilante dall’obbligo di non rivelare i dettagli della battaglia legale per la prima volta. Ulteriori documenti giudiziari sono ancora bloccati vista anche per la CNN.

 

I leader della CNN, del New York Times e del Washington Post hanno in programma un incontro lunedì con l'attuale procuratore generale Merrick Garland, che ha annunciato questo fine settimana che il suo dipartimento non richiederà i record dei giornalisti nelle indagini sulle fughe di notizie.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

OH, CHE BEL CASELLO! - CON IL PASSAGGIO DI ASPI DALLA GALASSIA BENETTON A CDP CON I FONDI ESTERI BLACKSTONE E MACQUARIE, CI SARÀ UNA RIVOLUZIONE SIA IN TERMINI INFRASTRUTTURALI, SIA FINANZIARI: SULLE AUTOSTRADE PIOVERANNO INVESTIMENTI PER 26 MILIARDI MENTRE I FONDI ESTERI VOGLIONO RENDERE LA SOCIETA’ PROFITTEVOLE CON UN RITORNO ATTESO IPOTIZZATO DEL 7-8% -  NEL TEMPO CDP POTREBBE GRADUALMENTE RIDIMENSIONARE LA PARTECIPAZIONE DEL 51% IN FAVORE DI CASSE DI PREVIDENZA E ASSICURAZIONI ITALIANE…

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

UNA PANDEMIA DA INCUBO – IL CORONAVIRUS HA CAMBIATO IL MODO IN CUI DORMIAMO E SOGNIAMO: IL 55% DEGLI ITALIANI HA AVUTO UN PEGGIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEL SONNO – ALCUNI STUDI HANNO RIVELATO CHE DOPO EVENTI TRAUMATICI O STRESSANTI IL CONTENUTO DEI SOGNI TENDE A MODIFICARSI: “LA QUALITÀ EMOZIONALE SI È ORIENTATA VERSO CONTENUTI NEGATIVI, ANCHE IN RELAZIONE A DIFFICOLTÀ SUL POSTO DI LAVORO O IN FAMIGLIA. I DISTURBI DEL SONNO E DEI SOGNI SONO STATI OSSERVATI PIÙ DI FREQUENTE IN…”