GLI ULTIMI, DISPERATI GIORNI DI KURT COBAIN – IL 3 MARZO 1994 IL LEADER DEI NIRVANA TENTO’ IL SUICIDIO IN UNA CAMERA D’ALBERGO A ROMA: VENNE TROVATO ESANIME DA COURTNEY LOVE, LA MOGLIE CHE LO AVEVA INIZIATO ALL’EROINA. IL MUSICISTA 27ENNE AVEVA INGERITO FRA LE 50 E LE 60 PILLOLE DI UN POTENTE TRANQUILLANTE - I MEDICI RIUSCIRONO A SALVARLO, MA UN MESE DOPO COBAIN SI SPARO’ UN COLPO DI PISTOLA IN TESTA NELLA SUA CASA DI SEATTLE – IL CONCERTO DI MODENA, DOVE DOVETTE APPOGGIARSI PER REGGERSI IN PIEDI - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Franco Giubilei per www.lastampa.it

 

kurt cobain kurt cobain

Tirava una brutta aria fin dall’inizio sul tour italiano dei Nirvana del ’94: il concerto di debutto a Modena il 21 febbraio era percorso da ondate oscure e violente originate dal palco dove Kurt Cobain, visibilmente a pezzi, doveva appoggiarsi agli amplificatori per reggersi in piedi. Portava un golfino verde che sembrava appeso alle spalle per quanto era esile, un fantasma doloroso e dolente in preda com’era a droghe e farmaci, a sedare il terribile mal di stomaco.

 

Quella sera al Palasport un’atmosfera cupa ne annunciava la morte imminente, se qualcuno fosse stato abbastanza attento da leggerne i segni: nei movimenti, nel suono, nella disperazione urlata nel microfono. I ragazzi del pubblico, annebbiati dall’alcol bevuto in gran quantità prima dello show, apparivano in buona sintonia con lo sfascio generale. Pura Generazione X.

 

Nel giro di una decina di giorni Kurt Cobain andò a picco: sbarcato a Roma il 3 marzo con moglie e figlia – Courtney Love, che lo aveva iniziato all’eroina, e la piccola Frances Bean, tre anni - il leader dei Nirvana si sistemò nella camera 541 dell’Excelsior dove Courney, la mattina dopo, lo trovò esanime, il naso sanguinante e un biglietto fra le dita. Overdose da Roipnol, un tranquillante potentissimo buttato giù a manciate, pare fra le 50 e le 60 pasticche.

kurt cobain kurt cobain

 

I medici dell’Umberto I, dove viene portato in ambulanza, lo ripescano dal coma mentre la Cnn interrompe i programmi per annunciarne il suicidio. Si rimette in piedi e torna in America, ma l'8 aprile viene trovato cadavere in casa a Seattle da un elettricista che doveva montargli un sistema d’allarme. Si era sparato alla testa col suo fucile.

 

Col suicidio di Cobain morivano i Nirvana e tramontava il grunge, breve ma intenso fremito punk che aveva attraversato con successo l’America e il resto del mondo, trasformando un artista introverso come lui nella rockstar che non riusciva a sopportare di essere. I 27 anni che aveva al momento della morte lo elevarono all’Olimpo dei martiri del rock’n’roll falciati alla stessa età da droghe, alcol e stravizi: Brian Jones nel ’69, Janis Joplin e Jimi Hendrix l’anno dopo, Jim Morrison nel ’71. Anche Amy Winehouse avrebbe raggiunto il gruppo lasciando questo mondo nel 2011 e rafforzando la leggenda nera del rock che trascina in una danza mortale i suoi giovani eroi, fino ad annientarli. […]

kurt cobain kurt cobain

 

In quell’ultima tournée tutto si ruppe, fino al ricovero di Cobain a Roma, dove l’aveva seguito la moglie Courtney Love. Riacciuffato in extremis dall’overdose, uscì dal coma e fece ritorno a Seattle, ma l’appuntamento era solo rimandato di pochi giorni. Il 5 aprile i fan dei Nirvana si ritrovarono a piangere l’ultima vittima della maledizione del 27.

kurt cobain courtney love frances cobain kurt cobain courtney love frances cobain

kurt cobain kurt cobain kurt cobain 1 kurt cobain 1 chitarra di kurt cobain 2 chitarra di kurt cobain 2 kurt cobain kurt cobain kurt cobain kurt cobain kurt cobain 1 kurt cobain 1 kurt cobain 2 kurt cobain 2

courtney love kurt cobain courtney love kurt cobain

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – JOE BIDEN VUOLE CHE GIORGIA MELONI METTA ALL’ORDINE DEL GIORNO DEL G7 L’USO DEI BENI RUSSI CONGELATI. PER CONVINCERE LA DUCETTA HA SPEDITO A ROMA LA SUA FEDELISSIMA, GINA RAIMONDO, SEGRETARIO AL COMMERCIO – GLI AMERICANI PRETENDONO DALL’EUROPA UN'ASSUNZIONE DI RESPONSABILITÀ DOPO TUTTI I MILIARDI CHE WASHINGTON HA POMPATO A ZELENSKY. MA METTERE MANO AI BENI RUSSI È UN ENORME RISCHIO PER L’UNIONE EUROPEA: POTREBBE SPINGERE ALTRI PAESI (CINA E INDIA SU TUTTI) A RIPENSARE AI LORO INVESTIMENTI NEL VECCHIO CONTINENTE…

DAGOREPORT – PARTITI ITALIANI, PERACOTTARI D'EUROPA - L’ASTENSIONE “COLLETTIVA” SUL PATTO DI STABILITÀ È STATA DETTATA SOLO DALLA PAURA DI PERDERE CONSENSI IL 9 GIUGNO - SE LA MELONA, DOPO IL VOTO, PUNTA A IMPUGNARE UN PATTO CHE E' UN CAPPIO AL COLLO DEL SUO GOVERNO, IL PD DOVEVA COPRIRSI DAL VOTO CONTRARIO DEI 5STELLE – LA DUCETTA CONTINUA IL SUO GIOCO DELLE TRE CARTE PER CONQUISTARE UN POSTO AL SOLE A BRUXELLES. MA TRA I CONSERVATORI EUROPEI STA MONTANDO LA FRONDA PER IL CAMALEONTISMO DI "IO SO' GIORGIA", VEDI LA MANCATA DESIGNAZIONE DI UN CANDIDATO ECR ALLA COMMISSIONE (TANTO PER TENERSI LE MANINE LIBERE) – L’INCAZZATURA DI DOMBROVSKIS CON GENTILONI PER L'ASTENSIONE DEL PD (DITEGLI CHE ELLY VOLEVA VOTARE CONTRO IL PATTO)…

DAGOREPORT – GIUSEPPE CONTE VUOLE LA DIREZIONE DEL TG3 PER IL “SUO” GIUSEPPE CARBONI. IL DG RAI ROSSI NICCHIA, E PEPPINIELLO MINACCIA VENDETTA IN VIGILANZA: VI FAREMO VEDERE I SORCI VERDI – NEL PARTITO MONTA LA PROTESTA CONTRO LA SATRAPIA DEL FU AVVOCATO DEL POPOLO, CHE HA INFARCITO LE LISTE PER LE EUROPEE DI AMICHETTI - LA PRECISAZIONE DEL M5S: "RETROSCENA TOTALMENTE PRIVO DI FONDAMENTO. IN UN MOMENTO IN CUI IL SERVIZIO PUBBLICO SALE AGLI ONORI DELLE CRONACHE PER EPISODI DI CENSURA INACCETTABILI, IL MOVIMENTO 5 STELLE È IMPEGNATO NELLA PROMOZIONE DEGLI STATI GENERALI DELLA RAI..."