LE UNIVERSITÀ SONO FATTE PER STUDIARE, NON PER PREGARE – È ARRIVATA LA DIFFIDA DEL QUESTORE DI TORINO PER BRAHIM BAYA, IL FINTO IMAM CON MANIE DI PROTAGONISMO CHE HA TRASFORMATO IL POLITECNICO DI TORINO IN UNA MOSCHEA – BAYA PASSA AL CONTRATTACCO E PARLA DELL’ITALIA COME DI UNA PAESE “ISLAMOFOBICO”, MA LA VERITÀ È CHE HANNO INIZIATO A FARSI SENTIRE GLI STUDENTI CHE SI SONO ROTTI LE PALLE DI NON POTERSI LAUREARE NELL’AULA MAGNA PER COLPA DI CINQUANTA MANIFESTANTI PRO-GAZA…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Lodovico Poletto per “La Stampa”

 

imam prega nell universita di torino 1 imam prega nell universita di torino 1

Nel venerdì della preghiera islamica, annunciata per le 13 al Politecnico di Torino, il signor Brahim Baya entra in questura quando manca poco a mezzogiorno.

Esattamente una settimana fa aveva tenuto il sermone nell'atrio di Palazzo Nuovo - sede storica delle facoltà umanistiche - occupato dai collettivi pro Palestina. Aveva parlato di jihad «ma non nel senso di guerra santa». Della resistenza palestinese.

Aveva trasformato - dicono - «uno spazio neutro» del tempio del «sapere laico» in luogo di preghiera. Con reazioni durissime (quando il video è stato diffuso, ovvero sei giorni più tardi) da parte del ministro all'istruzione Bernini.

 

Esattamente una settimana dopo, l'uomo che ha guidato quella preghiere che dovrebbe replicare anche al Politecnico, riceve dalle mani del funzionari di polizia una diffida a ripetere quella stessa operazione. Diffidato. Media su un incontro con i giornalisti. Ma la risposta è «No».

Tutto deve avvenire oltre i cancelli del Poli.

 

imam prega nell universita di torino 6 imam prega nell universita di torino 6

Brahim Baya sa che gli spazi di manovra adesso sono angusti. Non è un Imam - ma questo già si sapeva - e spiega: «Ho soltanto guidato una preghiera che mi avevano chiesto gli studenti di fede islamica». La diffida? «È uno scandalo». L'Italia? «È un Paese islamofobo». La laicità dell'università? «Tutti devono poter esprimere il loro credo religioso». Gli domandano perché nel suo primo sermone non abbia parlato degli ostaggi e non abbia preso le distanze dei massacro del 7 marzo da parte di Hamas. Glissa: «Io sono contro ogni violenza sui civili».

imam prega nell universita di torino 2 imam prega nell universita di torino 2

 

Ma basta cambiare la prospettiva per leggere questa giornata in un altro modo. E per capirla bisogna partire dalla richiesta di diffida a ripetere quella preghiera che il Rettore del Poli, Paolo Corgnati, invia in mattinata a Prefettura e questura. Lo fa mentre il cortile davanti all'Aula magna occupata da una cinquantina di persone (non più di venti - secondo gli osservatori - gli studenti del Politecnico che partecipano al picchetto) i gruppi pro Palestina selezionano chi - a loro dire - può entrare.

 

Lo fa perché si è alzata la voce «degli altri». Degli studenti che nulla hanno a che vedere con i collettivi che occupano. Corgnati lo dice chiaro: «C'è una maggioranza che fino a ieri era rimasta in silenzio e che mal sopporta quel che sta accadendo. Ho letto e ascoltato le proteste: tra loro ci sono anche molti studenti stranieri, libanesi e non soltanto». Di qui la scelta di chiedere alle autorità una presa di posizione. Una diffida. E difendere così la laicità dell'Università: «Abbiamo voluto dare a questa vicenda una gestione razionale e istituzionale... ».

imam prega nell universita di torino 5 imam prega nell universita di torino 5

Baya, però, non ci sta. «È uno scandalo quel che è accaduto». Prova spiegare la sua posizione sulla laicità. Parla di libertà religiosa. Insiste: «In tutte le università che si rispettano c'è una stanza del silenzio. A Torino non c'è».

 

Lo dice in un lungo sfogo a favor di telecamere. «Insegna gratis» a chi lo ascolta il significato di jihad.

Eppure oggi è davvero una giornata differente rispetto a quelle che si sono alternate da quando le proteste e le occupazioni hanno avuto inizio. Si sono sentite opinioni fuori dal coro. Di chi vuole studiare. E al Poli di chi pretende di tornare a laurearsi nell'Aula magna occupata.

imam prega nell universita di torino 3 imam prega nell universita di torino 3

 

E per usare ancora le parole di Corgnati: «Queste voci hanno cambiato la narrazione di quel che è accaduto fin qui».

Ma anche lo stesso mondo islamico non è del tutto compatto con Brahim Baya. Per dire: Amyr Jounes, egiziano, presidente del centro «Dar al Iman» non è del tutto d'accordo con le funzioni religiose negli atenei. […]

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”