GLI USA HANNO AVVERTITO LA RUSSIA 15 GIORNI PRIMA DELLA STRAGE AL CROCUS CITY HALL DI MOSCA, MA PUTIN HA IGNORATO L’ALERT – IL "WASHINGTON POST": GLI STATI UNITI AVEVANO FATTO SAPERE CHE LO STATO ISLAMICO STAVA PREPARANDO IN RUSSIA UN ATTACCO CONTRO UN GRAN NUMERO DI CIVILI – PER I SERVIZI SEGRETI DI MOSCA GLI AVVERTIMENTI ERANO TROPPO GENERICI – SONO STATE ADOTTATE MISURE ADEGUATE PER LA PREVENZIONE DELL’ATTACCO? I I FILMATI DEL MASSACRO MOSTRANO CHE GLI UOMINI ARMATI NON AFFRONTANO RESISTENZE SIGNIFICATIVE

-

Condividi questo articolo


vladimir putin commemorazione per la strage della crocus city hall di mosca vladimir putin commemorazione per la strage della crocus city hall di mosca

Estratti da open.online

 

Più di due settimane prima della strage di Mosca gli Stati Uniti avevano avvertito la Russia che il Crocus City Hall di Krasnogorsk era il potenziale obiettivo di un attacco terroristico. A dirlo al Washington Post sono alcuni funzionari statunitensi. Washington aveva fatto sapere che lo Stato Islamico stava preparando nel paese di Vladimir Putin un attacco contro un gran numero di civili.

 

E questo contraddice le affermazioni di Mosca secondo cui gli alert statunitensi erano troppo generici per permettere di fermare un attacco. L’indicazione della sala da concerto come potenziale obiettivo apre così una serie di questioni sull’incapacità delle autorità russe di prevenire l’attacco al Crocus City Hall, dove hanno perso la vita secondo stime ancora provvisorie più di 140 persone.

attentato alla crocus city hall di mosca 2 attentato alla crocus city hall di mosca 2

 

 

 

L’Isis e l’Isis-K

L’Isis-K, ramo dello Stato Islamico, ha rivendicato l’attentato più mortale avvenuto in Russia negli ultimi 20 anni. Putin ha cercato di attribuirne la colpa all’Ucraina in più occasione per trovare maggiore consenso nell’Operazione Speciale. Lo Zar ha anche respinto gli avvertimenti degli Stati Uniti arrivati prima dell’attacco del 22 marzo, definendoli un ricatto e un tentativo di destabilizzare la società russa. I funzionari statunitensi hanno spiegato che le informazioni si trovavano all’interno di conversazioni di intelligence.

l auto degli attentatori del crocus city hall di mosca ripresi vicino a mosca l auto degli attentatori del crocus city hall di mosca ripresi vicino a mosca

 

L’Nsc aveva in precedenza riconosciuto che gli Usa avevano trasmesso informazioni su un possibile attacco ma senza dire che il Crocus City Hall fosse l’obiettivo. Sergei Naryshkin, capo dei servizi segreti della Russia, ha detto ai giornalisti a Mosca che le informazioni condivise dagli Stati Uniti erano «troppo generiche e non ci hanno permesso di identificare completamente coloro che hanno commesso questo terribile crimine», secondo Interfax.

 

 

 

Nessuna resistenza significativa

attacco alla crocus city hall di mosca attacco alla crocus city hall di mosca

Naryshkin ha anche detto che la Russia ha adottato le misure adeguate per la prevenzione dell’attacco. Ma i filmati del massacro mostrano che gli uomini armati non affrontano resistenze significative. I media russi hanno detto che le unità specializzate della polizia sono arrivate un’ora dopo l’inizio della sparatoria e hanno atteso 30 minuti prima di entrare nell’edificio.

 

I terroristi erano già scappati. Washington condivide abitualmente informazioni sugli attacchi terroristici con gli altri paesi, secondo la dottrina del “duty to warn” (dovere di avvertire). Le informazioni condivise indicavano un potenziale pericolo per gli americani in Russia. Gli Usa hanno condiviso le informazioni con la Russia il giorno prima dell’avvertimento pubblico ai cittadini americani della situazione di pericolo.

 

L’Iran

putin biden putin biden

Non solo. Gli Usa hanno avvertito anche l’Iran dei rischi di un attentato. Un alert che risale a gennaio parla della pianificazione da parte dello Stato Islamico di attacchi nel paese. L’intelligence Usa ha avvertito in particolare dell’attentato in preparazione a Kerman. Si tratta della commemorazione di Soleimani, ucciso dagli Usa in Iraq nel 2020. Il Wall Street Journal ha riportato per primo la storia dell’avvertimento degli Stati Uniti all’Iran. Ci sono anche indicazioni che il governo russo ha preso sul serio l’avvertimento Usa, che includeva anche informazioni sull’idea di attaccare una sinagoga. L’Fsb ha annunciato di aver sventato un attacco di Isis-K proprio a una sinagoga.

 

Mirzoev Dalerjon Barotovich uno dei presunti terroristi della strage della corcus city hall l 3 Mirzoev Dalerjon Barotovich uno dei presunti terroristi della strage della corcus city hall l 3 i presunti terroristi della strage della crocus city hall di mosca 6 i presunti terroristi della strage della crocus city hall di mosca 6

(...)

MOSCA CIECA - POSTER BY MACONDO MOSCA CIECA - POSTER BY MACONDO attentato alla crocus city hall di mosca attentato alla crocus city hall di mosca soldati russi staccano l orecchio a rachabalizoda saidakrami e lo costringono a mangiarlo 6 soldati russi staccano l orecchio a rachabalizoda saidakrami e lo costringono a mangiarlo 6

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - SULLA SCENA POLITICA, FITTA DI SCAPPATI DI CASA, MANCAVANO SOLO LORO: FASCINA E GALLIANI - L’ANTICO “CONDOR” DEL CAVALIERE È DIVENTATO LO CHAPERON POLITICO DELLA “VEDOVA INCONSOLABILE”, CON IL CONTORNO DEI SECOLARI AMICI DELLA BUONANIMA DI SILVIO, CONFALONIERI E DELL’UTRI - IN OGNI USCITA PUBBLICA, I DUE SONO INSEPARABILI. DEL RESTO, SI CONOSCONO, E BENE. LA SCALATA DELLA “MARIA GODETTI” CALABRO-NAPOLETANA ALL’INTERNO DELL’INNER CIRCLE BERLUSCONIANO AVVENNE GRAZIE A GALLIANI, ALL’EPOCA BOSS DEL MILAN - ORA È CHIARO CHE A TAJANI HA SEMPRE FREGATO POCO DI COSA COMBINA IL DUPLEX FASCINA-GALLIANI. FINO ALLO SCORSA SETTIMANA ALLORCHÉ È ESPLOSA FORZA ITALIA AL COMUNE DI MILANO, DIETRO LA QUALE CI SAREBBERO LE UNGHIE DELLA FASCINA, CHE HA MANTENUTO UN OTTIMO RAPPORTO CON MARINA, VEDI IL DUELLO CONTINUO CON IL FRATELLO PIER SILVIO CHE VUOLE FAR SLOGGIARE LA “VEDOVA INCONSOLABILE” DALLA COSTOSISSIMA MAGIONE DI ARCORE - VIDEO

FLASH! - A TORINO, PER IL DOPO PALENZONA ALLA PRESIDENZA DI CRT, SI STANNO SONDANDO LE ISTITUZIONI SUL NOME DI MICHELE VIETTI, MAGISTRATO EX-CSM, OGGI DISOCCUPATO. UN NOME CHE È GRADITO AL SINDACO DI TORINO, STEFANO LORUSSO, CHE NON HA MAI SOPPORTATO LA PRESENZA E SOPRATTUTTO LA DISUBBIDIENZA DI PALENZONA - A DAR VOCE ALLA CANDIDATURA DI VIETTI C'È LA DI LUI CONSORTE, CATERINA BIMA, CHE RICOPRE IL RUOLO DI VICE PRESIDENTE DI CRT ED È STATA TRA GLI OPPOSITORI DELLA GESTIONE PALENZONA...

DAGOREPORT - CONTINUA L’IMBROGLIO-SCHLEIN: ELLY RINCULA SUL NOME NEL SIMBOLO DANDO LA COLPA A BONACCINI (SIC!) E SI RIMANGIA ''CAPOLISTA OVUNQUE": LO SARA' SOLO AL CENTRO E NELLE ISOLE - ALLA DIREZIONE NAZIONALE DEL PD DI IERI LA SVALVOLATA MULTIGENDER HA PERSO LA MAGGIORANZA DEL PARTITO. I VENTI DI RIVOLTA INVESTONO TUTTE LE VARIE ANIME DEL PD - ELLY SI È RIMBOCCATA LA LAPIDE QUANDO HA DETTO: O IL MIO NOME NEL SIMBOLO O MI METTETE CAPOLISTA IN TUTTE LE CIRCOSCRIZIONI. DI TALE PROPOSTA, LA ZARINA DEL PD NE AVEVA PARLATO SOLO CON BONACCINI. IL PRESIDENTE DEL PD HA ACCONSENTITO IN CAMBIO DELLA CANDIDATURA NEL SUD DEL RAS DELLE PREFERENZE, RAFFAELE “LELLO” TOPO, FIGLIO DELL’AUTISTA DI GAVA, CHE OVVIAMENTE FA PARTE DELLA SUA CORRENTE (AH! I CACICCHI…) - ALLA FINE VICINO A SCHLEIN RESTANO SOLO IN DUE, IL MULTI-TRASFORMISTA ZINGAR-ELLY E FRANCESCO BOCCIA, IL VERO ARTEFICE DEL SISTEMA PUGLIA, GARANTE DI DECARO ED EMILIANO - ANCHE SE ALLE EUROPEE IL PD GALLEGGERA' AL 20%, SINESTR-ELLY DOVRA' FARE LE VALIGIE...

DAGOREPORT: 100 SCALFARI MENO UNO - NON È SOLTANTO TELE-MELONI A CENSURARE GLI SCRITTORI: C'E' ANCHE IL GRUPPO GEDI – IL LIBRO SUL CENTENARIO DI SCALFARI CURATO DA SIMONE VIOLA, NIPOTE DI EUGENIO, IN EDICOLA INSIEME A ‘’REPUBBLICA’’, SQUADERNA CENTO INTERVENTI DI ALTRETTANTI TESTIMONIAL, TRANNE QUELLO INNOCUO E DEL TUTTO PERSONALE DI GIOVANNI VALENTINI, EX DIRETTORE DELL’ESPRESSO - LE SUE CRITICHE, MANIFESTATE SUL "FATTO QUOTIDIANO" SULL’OPERAZIONE “STAMPUBBLICA” E POI NEL SUO LIBRO SULLA PRESA DI POSSESSO DEL GIORNALE DA PARTE DI ELKANN, GLI VALGONO L’OSTRACISMO E LA DAMNATIO MEMORIAE – IL TESTO CENSURATO…