VACANZE ROMANE CON "ABUSO" - UN QUARANTENNE IN MODALITA' ROMANO PORCONE SI TRASFORMA IN AFFITTACAMERE PER OSPITARE TRE TURISTI TEDESCHI, POI LI NARCOTIZZA E INFINE LI VIOLENTA - I GIOVANI SONO STATI STORDITI CON COCKTAIL CORRETTI CON DELLE SOSTANZE NARCOTIZZANTI E MOLESTATI SESSUALMENTE, MENTRE DORMIVANO, CON "CAREZZE INOPPORTUNE"…

-

Condividi questo articolo

Adelaide Pierucci per ''Il Messaggero''

 

cocktail narcotico cocktail narcotico

La scelta del couchsurfing era arrivata dopo l' ostello. Con un divano letto, messo a disposizione tramite l' applicazione online da chi ha voglia di ricevere ospiti, speravano di risparmiare in tre almeno un centinaio di euro a notte.

 

Per tre studenti tedeschi in visita a Roma, due appena diciottenni e un terzo non ancora maggiorenne, invece, l' accoglienza offerta da un quarantenne romano si è rivelata un incubo: i tre ragazzi sono stati storditi con cocktail corretti da sostanze narcotizzanti e molestati sessualmente mentre dormivano.

 

Palpeggiamenti e carezze inopportune, riservate la prima, e per fortuna ultima notte, in cui hanno alloggiato in casa del molestatore, in un elegante appartamento in zona piazza Re di Roma. Per l' uomo è scattato l' arresto per violenza sessuale aggravata sia dall' età delle vittime, in particolare il minorenne, sia per l' inganno dell' aperitivo corretto da benzodiazepine.

 

cocktail narcotico cocktail narcotico

LA GITA AL MARE Gli abusi mercoledì sera. Il padrone di casa aveva ricevuto con allegria i tre ragazzi. «Oggi giornata al mare. Vi accompagnerò io, il mare di Roma è stupendo», li ha allettati con il bagno e la tintarella a Ostia. La sera, un nuovo invito. «Cenerete qui», li invita sfoderando subito una spaghettata. «Siamo romani, ci teniamo alla cortesia». Durante la cena poi versa a più riprese alcolici nei bicchieri dei tre giovani. Loro non avvertono subito il senso di stordimento. Ma poi piombano a dormire nei rispettivi letti.

 

Uno di loro si sveglierà con le mani del quarantenne addosso. Un altro racconterà di aver sognato di essere stato abusato. «Avevo la sensazione di dormire - ha spiegato ai carabinieri - ma nello stesso tempo mi sembrava di vivere un incubo reale. Non avevo nessuna forza di reagire». I tre giovani a quel punto hanno preso zaini e valigie e sono scappati, per chiedere aiuto in strada.

 

Il primo intervento è stato dei carabinieri di piazza Dante. Non è stato difficile per i militari risalire all' abitazione del presunto maniaco: i tre avevano annotato l' indirizzo sui loro smartphone. Anche se l' uomo, evidentemente in via preventiva per allontanare da sè sospetti, si era registrato al Couchsurfing, il servizio online di scambio di ospitalità, con generalità false, in particolare con un diverso cognome.

abusi su tre giovani a roma cocktail narcotico abusi su tre giovani a roma cocktail narcotico

 

L' AMMISSIONE Il pm di turno antiviolenza, Daniela Cento, subito informata, ha disposto il fermo del quarantenne che già oggi dovrebbe essere sottoposto all' interrogatorio di garanzia. «Non era mia intenzione abusare di nessuno - avrebbe detto - Ma è vero che ho versato dei farmaci ansiolitici nei loro cocktail. Ho usato un flacone di Tranquirit», uno psicofarmaco ansiolitico, regolatore del sistema neurovegetativo, sedativo, miorilassante e anticonvulsivo.

 

Un medicinale forte che aveva indotto i ragazzi in uno stato soporifero. Il flacone è stato recuperato in un cassonetto dove l' uomo l' aveva gettato dopo la fuga degli ospiti. Non è la prima volta che turisti stranieri vengono agganciati in città e narcotizzati per essere abusati o rapinati. Anni fa un turista americano era rimasto ucciso da un birra corretta con una dose massiccia di tranquillanti. A organizzare la trappola in questo caso dei rapinatori stranieri. Mentre un orafo romano ha collezionato due condanne per aver più volte agganciato in chat gay ragazzi poi storditi da benzodiazepine per essere violentati nella sua abitazione.

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute