VARIANTE PERUGINA - LA CITTÀ È DESERTA E IN ZONA ROSSA, MENTRE SI REGISTRA IL RECORD DI RICOVERI E POSTI OCCUPATI IN TERAPIA INTENSIVA - GLI OSPEDALI NON VISITANO PIÙ I NUOVI PAZIENTI, SONO STATE MONTATE LE TENDE MILITARI MA MANCA IL PERSONALE - SI CONTANO 10 DIVERSI FOCOLAI. LA GOVERNATRICE TESEI CHIEDE PIÙ VACCINI E GLI ANTICOPRI MONOCLONALI...

- -

 

-

Condividi questo articolo


Fulvio Fiano per il "Corriere della Sera"

 

zona rossa a perugia zona rossa a perugia

Dall'inizio di corso Vannucci, guardando verso la Fontana Maggiore seicento metri più in là, si riescono a contare i pedoni, talmente sono pochi: otto in questo pomeriggio di saracinesche abbassate e rumori inesistenti in quello che sarebbe il cuore della città.

 

perugia deserta dopo la zona rossa perugia deserta dopo la zona rossa

Perugia e gran parte della provincia di Terni sono un caso che preoccupa non solo l'Umbria. La terza ondata, quella sollevata dalle varianti inglese e brasiliana del Covid, ha fatto saltare per aria le aspettative di ripresa mentre l'Italia tornava in zona gialla.

 

Ieri si è registrato il record sia per ricoveri (513), sia per posti occupati in terapia intensiva (79), mai così alti da inizio pandemia. E, cosa ancora più preoccupante, su un numero di contagi (poco oltre settemila), che non si avvicina neppure al picco della prima ondata, quando erano quasi il doppio.

 

la governatrice tesei la governatrice tesei

Il timore che i casi reali siano molti di più è un tema delle polemiche esplose ieri in un consiglio straordinario in Regione: «Il tracciamento è saltato, per i risultati di un tampone ci vogliono 10 giorni, avete detto che l'Umbria si distingueva in meglio dal resto d'Italia e invece è vero il contrario», attacca il capogruppo del Pd, Tommaso Bori. Ma le critiche alla giunta leghista guidata da Donatella Tesei arrivano anche dagli alleati di Fratelli d'Italia: «È l'ora della responsabilità».

perugia deserta perugia deserta

 

Da due giorni gli ospedali hanno sospeso tutte le visite a nuovi pazienti, in quello di Perugia si contano 10 cluster diversi. Le tende militari montate nel parcheggio del Santa Maria della Misericordia con una donazione di Bankitalia sono senza personale: 24 le assunzioni a fronte delle 2.700 in Toscana.

 

La spinta verso le privatizzazioni del modello Lombardia, annunciata nel programma della governatrice, è arrivata per i sindacati nel momento peggiore: «Servono al più presto 50 mila vaccini in più rispetto al piano, anticorpi monoclonali e un fondo ristori da 10 milioni», invoca ora Tesei.

 

perugia diventata zona rossa perugia diventata zona rossa

«Il tempo impiegato a identificare le due varianti, rende impossibile risalire alla loro origine - dice Fabrizio Stracci, responsabile del dipartimento di igiene e prevenzione dell'Università di Perugia, che per primo ha isolato le mutazioni del virus -. Preoccupa di più la variante brasiliana: i primi casi rilevati vengono da un paese di campagna e questo fa pensare che fosse in circolazione già da tempo».

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute