SUL VIRUS NESSUNO CI STA CAPENDO UN CAZZO! – DOPO MESI A DISINFETTARE SPESA, MANIGLIE, E SMARTPHONE, IL “NEW YORK TIMES” CI DICE CHE ABBIAMO PERSO SOLO TEMPO: PER GLI SCIENZIATI CI SONO POCHE PROVE CHE LE SUPERFICI CONTAMINATE POSSANO DIFFONDERE IL VIRUS – LA VERA MINACCIA SONO GLI SPAZI CHIUSI AFFOLLATI DOVE LE GOCCIOLINE DI AEROSOL POSSONO RIMANERE SOSPESE NELL’ARIA…

-

Condividi questo articolo

Articolo di “The New York Times”, dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

disinfettare superfici disinfettare superfici

All'aeroporto deserto di Hong Kong, gli addetti alle pulizie spruzzano costantemente carrelli portabagagli, pulsanti dell'ascensore e banchi del check-in con soluzioni antimicrobiche. A New York City, gli operai disinfettano continuamente le superfici di autobus e metropolitane. A Londra, molti pub hanno speso molti soldi per la pulizia intensiva delle superfici da riaprire dopo il blocco - prima di chiudere di nuovo a novembre.

 

In tutto il mondo, i lavoratori insaponano, puliscono e fumigano le superfici con un senso di urgenza: combattere il coronavirus. Ma gli scienziati dicono sempre più spesso che ci sono poche o nessuna prova che le superfici contaminate possano diffondere il virus. In spazi interni affollati come gli aeroporti, dicono, il virus che viene espirato dalle persone infette e che rimane nell'aria è una minaccia molto più grande – scrive il NYT.

sanificazione negozi di abbigliamento roma 2 sanificazione negozi di abbigliamento roma 2

 

Lavarsi le mani con acqua e sapone per 20 secondi - o disinfettante in assenza di sapone - è comunque incoraggiato a fermare la diffusione del virus. Ma la pulizia delle superfici fa poco per attenuare la minaccia del virus all'interno degli ambienti interni, dicono gli esperti, e i funzionari sanitari sono stati esortati a concentrarsi invece sul miglioramento della ventilazione e della filtrazione dell'aria interna.

 

"A mio parere, molto tempo, energia e denaro vengono sprecati per la disinfezione delle superfici e, cosa ancora più importante, distogliendo l'attenzione e le risorse dalla prevenzione della trasmissione aerea", ha detto il Dr. Kevin P. Fennelly, uno specialista delle infezioni respiratorie degli Stati Uniti National Institutes of Health.

tunnel disinfettante tunnel disinfettante

 

Un falso senso di sicurezza

Alcuni esperti suggeriscono che Hong Kong, una città affollata di 7,5 milioni di abitanti e con una lunga storia di epidemie di malattie infettive, sia un caso di studio per il tipo di pulizia della superficie  che dà alla gente comune un falso senso di sicurezza sul coronavirus.

 

L'autorità aeroportuale di Hong Kong ha utilizzato un "canale di disinfezione per la disinfezione dell'intero corpo", simile a una cabina telefonica, per spruzzare il personale dell'aeroporto nelle aree di quarantena. Lo stand - che l'aeroporto dice essere il primo al mondo e che viene usato in prova solo sul suo personale - fa parte di uno sforzo a tutto campo per rendere la struttura un "ambiente sicuro per tutti gli utenti".

 

CORONAVIRUS - COME DISINFETTARE LO SMARTPHONE CORONAVIRUS - COME DISINFETTARE LO SMARTPHONE

Tali congegni possono essere confortanti per il pubblico perché sembrano mostrare che i funzionari locali stanno portando la lotta a Covid-19. Ma Shelly Miller, un esperto di aerosol dell'Università del Colorado Boulder, ha detto che lo stand non ha alcun senso pratico dal punto di vista del controllo delle infezioni.

 

I virus vengono emessi attraverso attività che spruzzano goccioline respiratorie - parlare, respirare, urlare, tossire, cantare e starnutire. E gli spray disinfettanti sono spesso prodotti da sostanze chimiche tossiche che possono influenzare significativamente la qualità dell'aria interna e la salute umana, ha detto il dottor Miller.

"Non riesco a capire perché qualcuno dovrebbe pensare che disinfettare una persona intera ridurrebbe il rischio di trasmettere il virus", ha detto.

venezia, disinfestazione vaporetti per il coronavirus 2 venezia, disinfestazione vaporetti per il coronavirus 2

 

Il teatro dell'igiene

Una serie di disturbi respiratori, tra cui il comune raffreddore e l'influenza, sono causati da germi che possono diffondersi dalle superfici contaminate. Così, quando l'epidemia di coronavirus è emersa lo scorso inverno nella Cina continentale, è sembrato logico supporre che questi cosiddetti fomiti fossero un mezzo primario per la diffusione dell'agente patogeno.

 

disinfestazione aereo disinfestazione aereo

Gli studi hanno presto scoperto che il virus sembrava sopravvivere su alcune superfici, tra cui plastica e acciaio, per un massimo di tre giorni. (Gli studi successivi hanno dimostrato che gran parte di questi sono probabilmente frammenti morti del virus che non sono infettivi).

 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità aveva anche sottolineato che la trasmissione in superficie è un rischio, e aveva detto che la diffusione per via aerea è una preoccupazione solo quando gli operatori sanitari sono impegnati in alcune procedure mediche che producono aerosol.

Ma le prove scientifiche stavano crescendo e il virus può rimanere sospeso per ore in minuscole goccioline d'aria stagnante, infettando le persone durante l'inalazione - in particolare negli spazi interni affollati e scarsamente ventilati.

 

disinfestazione in cina disinfestazione in cina

A luglio, un saggio sulla rivista medica The Lancet ha sostenuto che alcuni scienziati avevano esagerato il rischio di infezione da coronavirus da superfici senza considerare le prove degli studi dei suoi cugini strettamente correlati, tra cui la SARS-CoV, il motore dell'epidemia di SARS del 2002-03.

 

"Questa è una prova estremamente forte che almeno per il virus originale della SARS, la trasmissione dei fomiti era  molto minore", ha detto l'autore del saggio, il microbiologo Emanuel Goldman della Rutgers University, in una e-mail. "Non c'è ragione di aspettarsi che il parente stretto SARS-CoV-2 si comporti in modo significativamente diverso in questo tipo di esperimento", ha aggiunto, riferendosi al nuovo coronavirus.

 

disinfestazione aereo 2 disinfestazione aereo 2

Pochi giorni dopo la pubblicazione del saggio del dottor Goldman, più di 200 scienziati hanno chiesto all'OMS di riconoscere che il coronavirus può diffondersi per via aerea in qualsiasi ambiente interno. Inchinandosi all'enorme pressione pubblica sulla questione, l'agenzia ha riconosciuto che la trasmissione dell'aerosol al chiuso potrebbe portare a epidemie in luoghi interni poco ventilati come ristoranti, locali notturni, uffici e luoghi di culto.

 

A ottobre, il Centers for Disease Control and Prevention, che da maggio ha sostenuto che le superfici non sono "il modo primario di diffusione del virus", diceva che la trasmissione di gocce respiratorie infettive era il "modo principale" attraverso il quale si diffondeva.

 

disinfestazione scuole gran bretagna 1 disinfestazione scuole gran bretagna 1

Ma ormai la paranoia di toccare qualsiasi cosa, dai corrimani ai sacchetti della spesa, era già partita. E l'istinto di strofinare le superfici come precauzione Covid - "teatro dell'igiene", come lo chiama la rivista The Atlantic - era già profondamente radicato.

 

Non toccare

Da Nairobi a Milano a Seoul, gli addetti alle pulizie in tute protettive spruzzano ovunque le aree pubbliche nonostante gli avvertimenti dell'OMS che le sostanze chimiche potevano fare più male che bene.

 

operatori con equipaggiamento protettivo disinfettano la metro a seul operatori con equipaggiamento protettivo disinfettano la metro a seul

Procter & Gamble ha detto che le vendite dei suoi prodotti per la pulizia personale sono cresciute di oltre il 30% nel trimestre che si è concluso a settembre, con una crescita a due cifre in ogni regione del mondo, compreso più del 20% nella grande Cina.

auto disinfettante auto disinfettante pulire smartphone 3 pulire smartphone 3 pulire smartphone 4 pulire smartphone 4 pulire smartphone 1 pulire smartphone 1 pulire schermo tv pulire schermo tv pulire smartphone 2 pulire smartphone 2

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

MATTIA FELTRI RISPONDE ALLA BOLDRINI: ''ECCO PERCHÉ NON HO PUBBLICATO IL SUO ARTICOLO CONTRO MIO PADRE SUL SITO CHE DIRIGO'' - M.PARENTE: ''LA BOLDRINI POTEVA RISPONDERE A VITTORIO FELTRI SU 'LIBERO'. INVECE SCEGLIE IL QUOTIDIANO DEL FIGLIO. GIÀ CHE C'ERA HA GRIDATO ANCHE AL SESSISMO. COME LE FEMMINISTE CHE HANNO LAPIDATO UNA DONNA CHE HA OSATO INSCENARE UNO SKETCH. A DARE FASTIDIO, A QUESTE DONNE SENZA QUALITÀ, È SEMPRE L’ECCELLENZA, TANTO QUELLA MASCHILE, QUANTO QUELLA FEMMINILE''

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

“SERVE IL LOCKDOWN A MILANO, GENOVA, TORINO E NAPOLI” - WALTER RICCIARDI: “LA SEMPLICE RACCOMANDAZIONE A NON MUOVERSI DI CASA RIDUCE DEL 3% L'INCIDENZA DEI CONTAGI, IL LOCKDOWN DEL 25%. SE A QUESTO ACCOPPIAMO LO SMART WORKING, CHE VALE UN ALTRO 13% E IL 15% DETERMINATO DALLA CHIUSURA DELLE SCUOLE SI ARRIVA A QUEL 60% CHE SERVE PER RAFFREDDARE L'EPIDEMIA - IL RINVIO DI RICOVERI E INTERVENTI STA FACENDO AUMENTARE DEL 10 PER CENTO LA MORTALITÀ PER MALATTIE ONCOLOGICHE E CARDIOVASCOLARI”

salute