IL VIRUS NON VA IN VACANZA – SIAMO DENTRO LA QUARTA ONDATA, MA SENZA SALVAGENTE: I CONTAGI AUMENTANO, I RICOVERI PURE E, NONOSTANTE GLI OTTIMISTI SI AFFRETTINO A DIRE CHE I SINTOMI SONO LIEVI, IN 10 GIORNI SI RISCHIA DI AVERE UN MILIONE DI POSITIVI A CASA E I SERVIZI ESSENZIALI NUOVAMENTE IN TILT – LE QUARTE DOSI PER I PIÙ FRAGILI SONO FERME AL PALO E L'ANTIVIRALE PAXLOVID VIENE SOMMINISTRATO CON IL CONTAGOCCE: L’ITALIA NE HA ACQUISTATE 600MILA CONFEZIONI, MA…

-

Condividi questo articolo


Paolo Russo per “la Stampa”

 

tampone fai da te 6 tampone fai da te 6

Dentro la quarta ondata ma senza salvagente. Perché mentre i contagi crescono e i ricoveri pure (più che raddoppiati quelli pediatrici, anche se i numeri restano limitati), le vaccinazioni dei più fragili restano ferme al palo, gli antivirali continuano a essere prescritti con il contagocce e, come ogni estate, gli ospedali stanno per svuotarsi di medici e infermieri in ferie. Ma il virus non va in vacanza. E la situazione rischia di peggiorare in autunno, quando le scuole si troveranno senza un piano di areazione delle aule, mentre l'influenza si preannuncia più aggressiva a vedere quel che sta combinando nel Sud del mondo, dove essendo inverno è già sbarcata.

 

DONNE IN SPIAGGIA CON LA MASCHERINA DONNE IN SPIAGGIA CON LA MASCHERINA

Ma torniamo all'oggi. Che siamo nel bel mezzo di una quarta ondata lo confermano i casi di ieri: altri 53.905, 22 mila in più rispetto a quelli di mercoledì della scorsa settimana. E aumentano gli italiani in isolamento domiciliare, arrivati a quota 619 mila, 50 mila in più in sole 48 ore. Il che vuol dire che di questo passo in una decina di giorni saremo con oltre un milione di persone in quarantena, con il rischio di mandare nuovamente in tilt i servizi essenziali. Come dimostrano già le difficoltà incontrare dalle scuole a mettere insieme le commissioni d'esame.

 

tamponi 2 tamponi 2

«Crescono i contagi ma i sintomi restano lievi», è andato ripetendo in questi giorni il partito degli ottimisti. Ma negli ultimi 10 giorni i letti occupati nei reparti ordinari sono 829 in più, quelli nelle terapie intensive 33, per un incremento percentuale rispettivamente del 19,7 e del 17%. Numeri destinati a salire nei prossimi giorni, quando nelle corsie inizierà a farsi sentire l'effetto ferie, che di solito dimezza il personale, rendendo inutilizzabile un letto su tre dei già pochi disponibili, secondo un'indagine dell'Ats, l'agenzia sanitaria milanese.

 

Potremmo evitare che fragili e over 80 finiscano in ospedale somminisrando loro la quarta dose. Ma l'ha ricevuta solo il 20% di loro e nessuno sembra curarsene più di tanto, visto che le somministrazioni procedono al ritmo ultralento di circa duemila al giorno su una platea di oltre sei milioni ancora da immunizzare. Va appena meglio con i bambini tra i 5 e gli 11 anni, dove il 60% resta comunque senza vaccino. E così le vacanze con i nonni e gli abbracci post festività rischiano di diventare una nuova spinta ai contagi intra-familiari.

 

bambino al mare con mascherina bambino al mare con mascherina

Un altro salvagente lo avremmo pure ed è l'antivirale Paxlovid, quello che con una manciata di pillole, prescrivibili anche dai medici di famiglia e acquistabili in farmacia, alza una barriera efficace all'85% contro il rischio di forme gravi di malattia. Ma anche questa ciambella è sgonfia. Secondo il rapporto dell'Aifa, l'Agenzia italiana del farmaco, nell'ultimo mese infatti solo 2.210 contagiati con patologie o età che li espongono a rischio ricovero hanno potuto ritirare le pillole in farmacia, a fronte di circa 30 mila infezioni al giorno e delle 600 mila confezioni acquistate dall'Italia che rischiano tra l'altro di scadere e andare al macero.

tamponi tamponi

 

«La procedura attivata forse è ancora troppo complicata perché i medici di famiglia devono attenersi a un piano terapeutico. E poi non mi risulta che siano stati formati all'uso del farmaco, che ha molte interazioni negative con altre terapie», afferma Guido Rasi, ex numero uno dell'Ema e consulente dell'ex commissario Figliuolo. «Certo è che con questo numero di contagi mi sarei aspettato mille prescrizioni al giorno e non poco più di duemila in un mese», è la sua amara conclusione.

paxlovid pillola pfizer paxlovid pillola pfizer

 

Intanto in Australia, così come in Sudamerica, il virus influenzale «si sta espandendo in modo estremamente accelerato e in anticipo rispetto al normale andamento», sottolinea il virologo Fabrizio Pregliasco, che è anche direttore dell'Osservatorio influenza. «Questi dati dovrebbero preallertarci per non farci trovare impreparati», dice. Ma intanto il governo ha deciso di non investire un euro nel piano di areazione delle aule scolastiche, «perché non è provato scientificamente che serva a contenere i contagi», è la spiegazione fornita a insegnanti e Regioni.

 

tamponi rapidi tamponi rapidi

Mentre imprese, lavoratori e governo si apprestano ad aggiornare il protocollo per la sicurezza sul lavoro, allentando un altro po' le misure. A cominciare dall'uso delle mascherine, che dal 1° luglio potrebbero rimanere obbligatorie solo per i lavoratori a contatto diretto con il pubblico. Sempre che contagi e ricoveri non facciano cambiare idea a tutti. 

paxlovid molnupiravir paxlovid molnupiravir paxlovid paxlovid

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

SKATE YOUR LIFE! ''CHI FA SKATE NON MANIFESTA, MA SI MANIFESTA'' - DAGO IRROMPE AL “WORLD STREET SKATEBOARDING” DI ROMA CON LA SUA LECTIOSULLA CULTURA SKATE: "RAGAZZI CHE HANNO TROVATO IN UN MOVIMENTO CHE TI STACCA DALLA TERRA IL LORO LEGAME. UN "PARADISO PEDESTRE" DI COLPI D'ANCA, GINOCCHIA ROTTE, TESTE SPACCATE, FUORI DAL QUALE IL TEMPO, LA SOCIETÀ, IL DESTINO, POSSONO TENDERE I LORO LEGITTIMI AGGUATI E LA VITA RITIRARE LE SUE PROMESSE" – DOMENICA GRAN SBALLO FINALE CON DAGO DJ - FOTO + VIDEO

viaggi

salute