UNA VITA IN CELLA NON BASTERA' A REDIMERLO – IL MISTERIOSO “SHADOW”, L'UOMO CHE NEL DARK WEB GESTIVA UN’ORGANIZZAZIONE DI PEDOFILI ONLINE, È STATO ACCIUFFATO DALLA POLIZIA POSTALE – L’UOMO, ITALIANO DI 50 ANNI, ERA A CAPO DELLA RETE “THE LOVE ZONE” ED È RESPONSABILE DI AVER CARICATO MIGLIAIA DI VIDEO PEDOPORNOGRAFICI IN RETE. MOLTE DELLE VIOLENZE RESE PUBBLICHE SAREBBERO STATE COMMESSE PROPRIO DA LUI…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Valerio Berra per www.fanpage.it

 

pedopornografia 1 pedopornografia 1

Di lui al momento si conoscono solo tre cose. È un uomo, ha circa 50 anni ed ha la cittadinanza italiana. Gli altri dati, soprattutto quelli che potrebbero far capire qualcosa in più sulla sua persona al momento sono stati nascosti dalla Polizia Postale.

 

Per tutto il resto, quello che si conosce di lui è legato al dark web ed è fatto di sigle, nomi in codice e nickname. Si faceva chiamare Shadow e secondo le accuse era al centro di una rete di persone che creavano e si scambiavano materiale pedopornografico.

 

pedopornografia 2 pedopornografia 2

The Love Zone (TLZ) è una rete di pedofili che si muoveva nel dark web, quella parte di internet in cui non si può accedere seguendo protocolli normali. L’unico modo per entrarci è quello di passare utilizzare sistemi come Tor, che permettono di muoversi attraverso le pagine registrate con il protocollo .onion. The Love Zone (TLZ) ora è stata chiusa ma per anni qui veniva accumulato, prodotto e scambiato materiale pornografico a vario titolo.

 

pedopornografia 3 pedopornografia 3

Secondo le indagini della polizia postale, la community di TLZ era strutturata in modo gerarchico. Ognuno aveva il suo incarico e Shadow aveva accumulato alcuni tra gli incarichi più importanti. […]

 

Secondo le informazioni diffuse dalla Polizia Postale, la cattura di Shadow è arrivata dopo una lunga serie di indagini durante un anno sotto copertura svolte dal Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online (C.N.C.P.O.), con una partecipazione anche di Europol e della Polizia del Regno Unito.

pedopornografia pedopornografia

 

Un lavoro ha portato all’identificazione e al fermo dell’uomo. Dai documenti pubblicati dalla Polizia Postale sembra che stiamo parlando di migliaia di file caricati in rete, molti questi arrivano da violenze commesse dallo stesso Shadow.

PEDOPORNOGRAFIA PEDOPORNOGRAFIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

CRACK, ALLA FINE TUTTO CROLLERÀ (GIORGIA COMPRESA) - “MONTE DI PIETÀ”, LABIRINTICA E IMPIETOSA MOSTRA DELLO SVIZZERO CHRISTOPH BUCHEL ALLA FONDAZIONE PRADA DI VENEZIA, È UN PRECIPIZIO NELL’ABISSO DEL DENARO. LÀ DOVE COLLASSA LA NOSTRA PATOLOGICA COMPULSIONE DI ACCUMULARE TUTTO E DI PIÙ, TRA CELEBRITÀ DIVORATE DALLA POLVERE DELL OBLIO E STILISTI RIDOTTI A BARZELLETTA, LÀ, IN UN MONDO-PALUDE CHE HA SUCCHIATO TUTTO, TIZIANO E CANALETTO, “MERDA D’ARTISTA” DI MANZONI E LE TELE-VENDITE DI WANNA MARCHI, CARRI ARMATI E BORSETTE TAROCCATE PRADA, L’IMMAGINE CHIAMATA AD ACCOMPAGNARCI ALL’ULTIMA MINZIONE DELL’UMANITÀ, APPOGGIATA DAVANTI AL BAGNO, SOPRA UNA SCATOLA PRONTA PER ESSERE SPEDITA VIA, È LEI, GIORGIA DEI MIRACOLI CHE SORRIDE INCORNICIATA…

DAGOREPORT - FEDEZ E FABIO MARIA DAMATO OUT: MISSIONE COMPIUTA PER MARINA DI GUARDO! LA MAMMA DI CHIARA FERRAGNI IN QUESTI MESI HA RIPETUTO A CHIUNQUE CHE IL PANDORO-GATE E LE SUE CONSEGUENZE ERANO TUTTA COLPA DI FABIO MARIA DAMATO E DI FEDEZ. LA SIGNORA AGGIUNGEVA SOVENTE, CON IMBARAZZO DEGLI ASTANTI, CHE CHIARA AVREBBE DOVUTO SUBITO DIVORZIARE. E COSÌ SARÀ – D’ALTRONDE, CHIARA HA DATO DA VIVERE A TUTTA LA FAMIGLIA MATRIARCALE: DALL’IMPROVVISATA SCRITTRICE MARINA ALLE SORELLE INFLUENCER DI SECONDA FASCIA. DI COSA VIVREBBERO SE LA STELLA DI FAMIGLIA SMETTESSE DI BRILLARE?

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”