VOLARE, OH NO! – A LECCO UN 62ENNE SI È SCHIANTATO ED È MORTO DURANTE IL LANCIO CON LA TUTA ALARE - ALESSANDRO FIORITO, 62 ANNI, ERA UN PARACADUTISTA ESPERTO MA, QUANDO SI È TUFFATO DA UNO STRAPIOMBO DI 400 METRI A LECCO, LA TUTA NON SI È GONFIATA E IL PARACADUTE D'EMERGENZA NON SI È APERTO IN TEMPO - IL "BASE JUMPING" È LO SPORT PIU' PERICOLOSO AL MONDO: A FRONTE DI TREMILA PERSONE CHE PRATICANO QUESTA ATTIVITA' NE SONO MORTE 473 - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Stefano Mancini per “La Stampa”

 

ALESSANDRO FIORITO ALESSANDRO FIORITO

C'è chi non salirebbe su un aereo nemmeno sotto tortura e chi per provare l'ebbrezza del volo è pronto a trasformarsi in un mammifero volante, a rischio della vita. Come è successo ad Alessandro Fiorito, pilota di aerei commerciali e paracadutista esperto, 62 anni, di Gallarate, un'esistenza tra cielo e terra. Ieri si è lanciato con la tuta alare dalla parete del Forcellino, circa 400 metri di dislivello nel territorio di Abbadia Lariana, comune della provincia di Lecco.

 

Mattinata in apparenza perfetta: cielo azzurro, lontano dall'inquinamento che avvolge da giorni la Pianura Padana. Fiorito era un base jumper, la disciplina più estrema, rischiosa e spettacolare del paracadutismo. Ha indossato la tuta alare e si è lanciato nel vuoto, come già aveva fatto molte volte, ma qualcosa non ha funzionato. Un testimone ha assistito all'incidente: ha visto il lancio fuori controllo di Fiorito e ha subito chiamato i soccorsi.

 

MORTI BASE JUMPING MORTI BASE JUMPING

Errore umano o problema con i materiali: la tuta non si è gonfiata e il paracadute di emergenza non si è aperto in tempo, questo risulta da una prima ricostruzione. Sarà un'inchiesta a ripercorrere gli ultimi momenti della vittima, mentre cadeva in avvitamento e si andava a schiantare una manciata di secondi dopo. [...]

 

Secondo le statistiche, il base jumping ha il primato mondiale delle vittime, 473 da quando esiste una contabilità, rispetto ai praticanti, tremila in tutto il mondo e in forte crescita. L'US National Centre for Health ha stimato il rischio in una vittima ogni 60 praticanti. Il sito basejumper.it fa di più: pubblica l'elenco dei caduti dal 1981 a oggi. Il maggior numero di incidenti fatali è in Svizzera (118), seguito da America (82) e Francia (65).

 

base jumper 4 base jumper 4

L'Italia è quarta con 55. I dati a volte non sono omogenei perché includono i base jumper che usano il paracadute tradizionale La voglia di volare affonda le radici nell'antichità, fino al mito di Icaro e al suo folle volo verso il sole. [...]

 

base jumper 3 base jumper 3

Le immagini regalano scariche di adrenalina. Il paracadutismo tradizionale, il deltaplano e il parapendio sono nulla al confronto. Ma il prezzo in vite umane? «È lo sport più figo del momento per quella fascia demografica composta da maschi, altamente impressionabili, tra i 18 e i 35 anni», spiega Richard Webb, ex pilota della Marina, in un articolo uscito sul National Geographic. Uno sport, come scrive l'autore dell'articolo Andrew Bisharat, «bello, primordiale e capace di creare dipendenza». Altro che Icaro.

base jumper 2 base jumper 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...