WELFARE AZIENDALE ALL'ITALIANA? LA GENEROSITA' DEI COLLEGHI – ANDREA LEONI, AUTISTA DI UNA MUNICIPALIZZATA DI SAN DONÀ DI PIAVE, HA PERSO LA MOGLIE CHIARA, 47 ANNI, STRONCATA DA UN TUMORE E SI È RITROVATO A DOVER BADARE DA SOLO AI DUE FIGLI – I COLLEGHI GLI HANNO DONATO 270 ORE DI PERMESSO, 30 GIORNI RETRIBUITI, PER PERMETTERGLI  DI STARE IN FAMIGLIA – LUI HA RACCONTATO: “ALLE 17 È STATO APERTO UN CANALE TELEGRAM E POCHE ORE DOPO ERA GIÀ STATO RAGGIUNTO IL MASSIMO POSSIBILE”

-

Condividi questo articolo


Pierangelo Sapegno per “La Stampa”

 

CHIARA BATACCHI CHIARA BATACCHI

Andrea Leoni è un uomo piegato dal dolore che non può fermarsi a soffrire. Ha due figli, di 11 e 13 anni, a cui pensare, deve portarli a scuola, deve dargli coraggio, deve insegnargli a crescere e a fare tutte quelle cose che si fanno quando la vita va bene. Ma Andrea, che fa l’autista alla Veritas, una municipalizzata di servizi ambientali in Veneto, a San Donà di Piave, è un uomo distrutto: ha perso la moglie, Chiara Batacchi, 47 anni, stroncata da un tumore e da un’agonia che l’ha lasciato senza fiato.

 

Le è stato vicino fino all’ultimo, consumando tutti i suoi giorni di ferie, permessi e congedi possibili. Ha pensato di tornare in azienda per mettersi in aspettativa, senza neanche prendere un euro. È costretto a farlo perché adesso deve pensare solo ai suoi figli. L’hanno fermato i colleghi: ci hanno pensato loro. Gli hanno offerto l’unica cosa di cui aveva bisogno, l’unico regalo che gli serviva: il tempo.

 

ANDREA LEONI E LA MOGLIE CHIARA BATACCHI ANDREA LEONI E LA MOGLIE CHIARA BATACCHI

Gli hanno regalato le loro ferie, 270 ore, all’incirca 30 giorni retribuiti. Ci hanno messo poche ore a far partire la catena di solidarietà. «So che alle 17 è stato aperto un canale Telegram», ha raccontato Leoni, «e alla mattina del giorno dopo, alle 9, era già stato raggiunto il massimo che era possibile ottenere». Forse qualche volta è vero che siamo venuti al mondo per dividere la nostra vita. Anche se ci sono cose che non si possono dividere, come il dolore. Però si possono capire.

 

Si chiama empatia. In soldoni, è la capacità di mettersi nei panni degli altri. Ma è anche qualcosa di più. Secondo lo psicanalista Jeffery Moussaieff Masson «non c’è niente di più importante dell’essenza stessa dell’empatia, e questa, in ultima analisi, altro non è che la capacità di amare».

 

MUNICIPALIZZATA VERITAS MUNICIPALIZZATA VERITAS

Ci sono posti dove è più facile farlo, luoghi dove ci si raduna e ci si conosce, come una chiesa, come le piazze dei paesi, o gli ambienti di lavoro, tutti posti che ci permettono la conoscenza dell’altro e che nel futuro diventeranno sempre più rari. Magari, questo mondo che verrà, piacerà di più a Charles Bukowski che diceva di amare i solitari, i diversi, i fottuti, tutti quelli con l’anima in fiamme.

 

Che sono emarginati dal lavoro. Ma il lavoro è un’altra cosa, è una comunità come quelle della Chiesa, è una religione, è il calvinismo che premia i migliori, è la nostra società di questa parte del mondo, la società borghese che scappò sulla nave dei pellegrini e poi ritornò indietro per salvarci e che forse un domani toccherà a noi salvare anche a costo della nostra vita. C’è il senso del lavoro nel gesto dei colleghi della Veritas di San Donà, il senso del lavoro comune, del collettivo.

 

ANDREA LEONI ANDREA LEONI

Di tutto quello che forse perderemo, in un futuro che potrà vederci sempre più isolati, dentro il nostro guscio supertecnologico. Ma che adesso è ancora il nostro tempo. Andrea Leoni ha raccolto l’empatia dei suoi colleghi, di un mondo che gli ha riconosciuto i diritti del dolore. L’empatia è una cosa difficile, perché può portare al sacrificio, e a volte non è nient’altro che la normalità dell’eroismo. E il suo silenzio. Maria Teresa di Calcutta diceva che quello che conta «non è tanto quello che facciamo, ma l’amore che ci mettiamo nel farlo».

 

Dentro ci sta tutto, la fatica e anche la sconfitta, come nella fotografia in bianco e nero che ha raccontato il Covid, quella di Elena Pagliarini, l’infermiera dell’ospedale Maggiore di Cremona, accasciata sul computer dopo 20 ore che correva da un paziente all’altro fra le barelle ammucchiate nei corridoi del Pronto Soccorso.

 

elena pagliarini elena pagliarini

Francesco Mangiatordi, il medico che l’immortalò in quello scatto, disse che avrebbe voluto abbracciarla quando la vide così, ma ebbe paura di svegliarla e allora fece quella foto. Elena si ammalò di Covid, guarì e fu ricevuta da Mattarella che la nominò Cavaliere. Lei gli disse solo: «Gli unici eroi sono i pazienti».

 

Il maresciallo dei carabinieri Ettore Cannabona, comandante della stazione di Altavilla, Palermo, nel marzo 2019 donò tutto il suo stipendio ai paesani durante il lockdown perché aveva visto le loro facce provate dalla paura e dalla fame. Andò al supermercato e comprò da mangiare per tutti, facendo distribuire il cibo da un’associazione di volontariato.

 

Voleva che non lo sapesse nessuno. Ma il sindaco Pino Virga lo scrisse si facebook: «Grazie Ettore. A nome di tutti. E perdonami per questo post». Come Elena, come i colleghi di Andrea Leoni anche lui non l’aveva fatto per gli applausi. È che ci sono dei modi per vivere. E come diceva Martin Luther King, «sii sempre meglio di quello che sei».

elena pagliarini elena pagliarini ELENA PAGLIARINI - INFERMIERA DI CREMONA ELENA PAGLIARINI - INFERMIERA DI CREMONA MUNICIPALIZZATA VERITAS MUNICIPALIZZATA VERITAS VERITAS MESTRE VERITAS MESTRE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - C'E' UN TOSTO RETROSCENA SULLA DESIGNAZIONE DI CARLO FUORTES AL MAGGIO MUSICALE FIORENTINO. LA CANDIDATURA DELL’EX AD RAI È STATA FORTEMENTE VOLUTA DAL SINDACO DARIO NARDELLA, CON UN PROVVIDENZIALE INTERVENTO DI GIANNI LETTA, SBARAGLIANDO LE FORTI PRESSIONI PER RIMANERE ALLA GUIDA DEL MAGGIO FIORENTINO DELL’EX COMMISSARIO CUTAIA SU SANGIULIANO E SUL PRESIDENTE DELLA REGIONE GIANI - COSÌ, SU SETTE CONSIGLIERI, L’UNICO VOTO CONTRARIO ALLA DESIGNAZIONE DI FUORTES È ARRIVATO DA GENNARO GALDO PER CONTO DEL MINISTERO DELLA CULTURA…

DAGOREPORT – STATI DIS-UNITI D'AMERICA: SIA I DEMOCRATICI CHE I REPUBBLICANI SONO NEL CAOS E NON SANNO COME GESTIRE BIDEN E TRUMP – I DEM CERCANO UN VICE CREDIBILE NEL CASO IN CUI “SLEEPY JOE” DIVENTASSE TROPPO RINCOJONITO, MA MICHELLE OBAMA (CON BARACK AL SEGUITO) SAREBBE TROPPO INGOMBRANTE – I REPUBBLICANI ANTI-TRUMP SPINGONO NIKKI HALEY A CANDIDARSI DA INDIPENDENTE PER FAR PERDERE "THE DONALD". E CHISSA' CHE A QUEL PUNTO, BIDEN NON RESTITUISCA IL FAVORE CHIAMANDOLA A UN RUOLO DI RESPONSABILITÀ...

SALVINI-MELONI. DUELLO IN AUTOSTRADA – IL LEADER DELLA LEGA ANNUNCIA: ‘’STO LAVORANDO A UN'INTERA REVISIONE DEL SISTEMA DELLE CONCESSIONI ENTRO IL 2024" – DAGOREPORT: IL NOCCIOLO DELLA RIFORMA: I PEDAGGI ANDREBBERO DIRETTAMENTE NELLE CASSE DELLO STATO. I CONCESSIONARI SI TRASFORMEREBBERO IN SEMPLICI GESTORI DELLA RETE, PAGATI DALLO STATO PER EROGARE I SERVIZI DI VIABILITÀ E PER EFFETTUARE LA MANUTENZIONE – DIVERSA E CONTRARIA L’IDEA DELLA MELONA: MAXI FUSIONE TRA AUTOSTRADE PER L’ITALIA – OGGI CONTROLLATA DA CDP INSIEME AI FONDI BLACKSTONE E MACQUARIE – E LA FAMIGLIA GAVIO…

FLASH! – QUELLA IMMAGINIFICA TESTA DI FAZIO, INTERVISTANDO (SI FA PER DIRE) LA FRIGNANTE FERRAGNI, SI E’ BEN GUARDATO DAL CITARE DAGOSPIA, CHE HA RIVELATO LA ROTTURA MATRIMONIALE DEI FERRAGNEZ, DA UNA PARTE. DALL’ALTRA, CON LA SCUSA DI MOSTRARE LE COPERTINE DEI SETTIMANALI DEDICATE ALLA FINE DELLA PREMIATA DITTA PANDORO & MALEFICENZA, FABIOSTRAZIO, AGITANDO IL SUO INQUIETANTE DOPPIOMENTO, SI E’ SPARATO UNA TONANTE MARCHETTA IN GLORIA DI “OGGI”, RIVISTA CON CUI COLLABORA… - VIDEO