XENOFOBO E FILO-PUTIN: CHI È L’UOMO CHE HA FATTO SVOLTARE L’AUSTRIA A DESTRA – L'ASCESA DI HERBERT KICKL, LEADER DI FPOE, IL PARTITO DI ULTRADESTRA CHE ALLE EUROPEE HA CONQUISTATO IL 25,7% DEI VOTI. ALLE ELEZIONI DI SETTEMBRE PUNTA A DIVENTARE CANCELLIERE – GIÀ GHOST-WRITER DI JOERG HAIDER, DA MINISTRO DELL'INTERNO, NEL 2017, PROPOSE “DI CONCENTRARE I MIGRANTI IN UN SOLO LUOGO”, EVOCANDO I CAMPI DI CONCENTRAMENTO – I RAPPORTI CON LA RUSSIA E LE SUE “MANOVRE” PER CONTROLLARE L'INTELLIGENCE ANTITERRORISMO…

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Tonia Mastrobuoni per “la Repubblica”

 

HERBERT KICKL HERBERT KICKL

«Come può qualcuno che nasconde tanta sporcizia chiamarsi Ariel?». All'inizio degli anni Duemila, Joerg Haider gela l'Austria. Ariel è un famoso detersivo. E il leader dell'ultradestra austriaca Fpoe gioca con l'assonanza con il nome del capo della comunità ebraica di Vienna, Ariel Muzicant. L'insulto antisemita suscita un'ondata di indignazione.

 

Pochi sanno che quella frase è stata scritta dal ghostwriter del leader del Fpoe. Un ex studente di filosofia dall'aria insignificante con una segreta passione per la legione straniera e le confraternite estremiste: Herbert Kickl. In quei turbolenti anni della coabitazione a Vienna tra i popolari della Oevp e la Fpoe, Kickl inventa per Haider un'altra espressione che si imprime nella memoria nazionale.

 

HERBERT KICKL HERBERT KICKL

Quando il presidente francese Jacques Chirac spinge per infliggere le sanzioni europee all'Austria per aver sdoganato l'ultradestra al governo, conia per il presidente francese l'insulto "Napoleone da taschino".

 

Da allora, Kickl ha fatto parecchia strada. E domenica ha festeggiato uno storico sorpasso. Per la prima volta dalla fondazione del partito, negli anni '50, la Fpoe che lui guida da tre anni è arrivata prima conquistando il 25,7% dei voti. E a settembre, può sognare di diventare cancelliere.

 

HERBERT KICKL HERBERT KICKL

Per anni, Kickl è stato un uomo nell'ombra. All'inizio degli anni 2000, quando Haider lascia il partito, lui decide di restare nella Fpoe e di dare una mano a un astro nascente: Heinz-Christian Strache. È Kickl a ispirare la sua radicale svolta islamofoba, a inventarsi slogan come "Daham statt Islam" ("Patria invece di Islam") o "Deutsch anstatt ‘Nichtverstehen'" ("Tedesco invece di ‘Noncapisco'"). […]

 

Nel 2010 aggredisce un cronista sibilando «non saremo mai d'accordo se lei intende attribuire alle Waffen-SS una colpa collettiva». È appena il caso di ricordare che la Fpoe fu cofondata da ex membri delle Ss come Anton Reinthaller.

 

L'eventualità che Kickl possa diventare cancelliere è una prospettiva che spaventa molti, in Austria. Anche perché è già stato al governo come ministro dell'Interno del governo di Sebastian Kurz (Oevp). Neanche 24 ore dopo il giuramento, nel 2017, dice che «bisogna concentrare tutti i richiedenti asilo in un posto».

 

HERBERT KICKL HERBERT KICKL

La frase fa rabbrividire l'Europa, e Kurz comincia a capire di aver commesso un errore. Ma Kickl va avanti come un treno, dichiara «guerra al '68», che «ha minato lo Stato e la famiglia». E la famiglia è per lui rigorosamente eterosessuale. Denuncia la «follia ecologista», minaccia di ignorare il diritto di asilo. Soprattutto, fa accordi con la "Russia unita" di Vladimir Putin e, secondo numerose inchieste giornalistiche, ne diventa la longa manus.

 

Nel 2018, Kickl organizza un blitz della polizia nel Bvt, l'intelligence antiterrorismo, per intimidire il capo dei servizi Peter Gridling. Uno scandalo che assume rilevanza internazionale quando emerge che la polizia ha sequestrato dati classificati e delicatissimi. Tanto che le altre agenzie internazionali interrompono ogni comunicazione con Vienna.

 

il ministro dell'interno austriaco herbert kickl il ministro dell'interno austriaco herbert kickl

Una vicenda che si intreccia con il più grande scandalo finanziario e spionistico degli ultimi anni, quello dell'austriaco Jan Marsalek, ex direttore finanziario di Wirecard e da decenni spia importante di Putin. Scopo del raid organizzato da Kickl era quello di screditare e decapitare l'intelligence e infiltrarla con agenti di Mosca.

 

[…] Quanto agli innumerevoli scandali che lo hanno travolto in questo quarto di secolo, Loew spiega che «è come con Donald Trump: ai suoi elettori non interessano gli scandali, nulla scalfisce la loro rabbia e la loro fiducia in Herbert Kickl».

HERBERT KICKL HERBERT KICKL

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE