1- A CADAVERE ANCORA CALDO DI CAL, INFURIA LO SCONTRO TRA LE DUE ANIME DELLA CHIESA (OPUS DEI E CIELLE) SULLA LINEA GENOVA-MILANO E SUL PASSANTE TREMONTI-BANANA - 2- I TENTACOLI DI BERTONE-OPUS DEI SULLA CASSAFORTE DEL SAN RAFFAELE PER REALIZZARE IL MEGAPOLO SANITARIO CATTOLICO CON GEMELLI, BAMBIN GESÙ E CASA DI PADRE PIO - 3- I FEDELISSIMI DI "MI MANDA BERTONE": I “GENOVESI” PROFITI (DIFESO ANCHE DI FRONTE AI GIUDICI), CRUPI E MALACALZA, IL PIVOT BANCARIO LIN-GOTTI TEDESCHI (BANCHIERE EX SANTANDER, ISTITUTO DA SEMPRE VICINO ALL’OPUS E GRANDE AMICO DI GIULIETTO TREMONTI) - 4- OPUS VS. CL! LA DIFESA AMBROSIANA DI COMUNIONE E FATTURAZIONE, LA ''LINEA DEL TONIOLO'' DA DIFENDERE FINO ALL’ARRIVO DEL CIELLINO SCOLA (SCAZZO FORMIGONI-RUTELLI) - 5- MEJO DELLA ''PRAVDA''! IL SILENZIO TOMBALE DELL'''OSSERVATORE ROMANO" E RADIO VATICANA, REGIA DEL BERTONIANO VIAN, SU CAL (“SEMBRA UN FILM DI DAN BROWN") - 6- ANCHE SUL VERSANTE POLITICO BERTONE È ATTIVISSIMO: DOPO AVER AVOCATO A SÉ LA CABINA DI REGIA DEI RAPPORTI CON I PALAZZI ROMANI, TENTANDO DI SOTTRARLA ALLA CEI, STA PROMUOVENDO UN RICOMPATTAMENTO DEI CATTOLICI IN VISTA DEL DOPO-SILVIO -

Condividi questo articolo


Formigoni arancioneFormigoni arancione

1 - OPUS DEI CONTRO COMUNIONE E LIBERAZIONE: SULLA PELLE DEL SAN RAFFAELE LO SCONTRO TRA LE DUE ANIME DELLA CHIESA
Francesco Peloso per "Il Secolo XIX"


Il suicidio di Mario Cal piomba come una doccia gelata sul nuovo Cda del San Raffaele targato Vaticano. Nei sacri palazzi romani si osserva il riserbo dei momenti gravi, quelli in cui ogni parola può produrre un danno. A movimentare la giornata è stato però uno scambio di fuoco fra Francesco Rutelli, uno dei leader del nuovo terzo polo, e il presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.

FRANCESCO RUTELLIFRANCESCO RUTELLI

Rutelli ha chiamato in causa le responsabilità del governatore della Regione nel mancato controllo sull'enorme debito accumulato dalla struttura ospedaliera milanese: «Possibile che nessuno abbia controllato i bilanci del San Raffaele? E' il momento che Formigoni si svegli poiché ha dormito abbastanza. O se non altro ha tenuto gli occhi chiusi».

Parole di fuoco pronunciate in un giorno drammatico, alle quali il leader dell'Api ha aggiunto altre considerazioni pesanti: «Come possibile che si sia arrivati a un miliardo di debiti?», Perché, si è chiesto ancora Rutelli, i fondi destinati al San Raffaele dalla Regione e dai ministeri di Sanità e Ricerca non sono stati «accompagnati da serie verifiche dei bilanci?».

Alle critiche ha fatto seguito una replica altrettanto dura di Formigoni, per il quale «è Rutelli che farebbe meglio a continuare a dormire piuttosto che svegliarsi improvvisamente dal letargo e dire simili castronerie».

«Il povero Rutelli - ha detto ancora - non sa che l'ospedale San Raffaele è un'azienda privata e che la Regione non può e non deve effettuare alcun controllo sui bilanci interni di una simile azienda» ad essere controllata, semmai, è la qualità delle prestazioni servite, per questo «a Rutelli - ha aggiunto Formigoni - conviene continuare a dormire. Buonanotte Cicciobello, da tuo Roberto Formigoni».

ospedale_san_raffaele_milanoospedale_san_raffaele_milano

Scambio di accuse senza fair play, segno che il suicidio di Cal sta surriscaldando una situazione già difficile. In ambienti ecclesiali milanesi si fa notare che Rutelli è «notoriamente vicino alla Prelatura», cioè all'Opus Dei. Un riferimento pungente ma non casuale che rimanda alla presenza, nel nuovo board del San Raffaele, di Ettore Gotti Tedeschi, presidente dello Ior, e proveniente dal Santander spagnolo, istituto da sempre vicino all'Opera fondata da Escrivà de Balaguer. Lo stesso Giuseppe Profiti, nuovo plenipotenziario dell'ospedale fondato da don Verzé, sarebbe in ottimi rapporti con l'Opus.

Ma al di là delle polemiche di giornata, rimane l'idea diffusa nel mondo ecclesiale milanese, di un'alleanza fra la potente Prelatura personale del Papa e la Segreteria di Stato vaticano: «Sembra un film di Dan Brown» è il commento che emerge da ambienti universitari. In tutta la vicenda, dunque, si profilerebbe anche la concorrenza fra una cordata più vicina all'Opus Dei e una realtà universitaria nei grandi atenei cattolici di Milano, più in sintonia con Comunione e liberazione; quest'ultima, però, fra poco potrà contare anche sul nuovo arcivescovo, il cardinale Angelo Scola.

SAN RAFFAELESAN RAFFAELE

Secondo altre fonti, il nuovo Cda del San Raffaele, sarebbe intenzionato a puntare molto sul polo universitario dell'ospedale, in forte sinergia con il Policlinico Gemelli di Roma; sullo sfondo incombe il progetto - temuto dalla Chiesa ambrosiana e dalla Cei - di un mega polo ospedaliero-universitario sull'asse Roma-Milano e forse con altre diramazioni, messo a punto dal Vaticano. Infine ha destato grande sorpresa il fatto che ieri, né la Radio Vaticana né l'Osservatore Romano, abbiano fatto alcun cenno al suicidio di Cal; un gelo letto come una decisa presa di distanza dalla precedente gestione.

2 - UN COLPO ALLA STRATEGIA DI BERTONE: I RUINIANI ALLEATI CON MILANO DIFENDONO LA CASSAFORTE DEL TONIOLO
Andrea Tornielli per "La Stampa"


La notizia del suicidio del braccio destro di don Verzè, piombata come un macigno Oltretevere, getta un'ombra sinistra sulla vicenda del San Raffaele, l'ospedale milanese gravato da un miliardo di debiti che la Santa Sede vuole acquisire. Venerdì scorso, quando è stata formalizzata la nascita del nuovo assetto che lo ha estromesso dalla gestione del San Raffaele, gli uomini del Vaticano non avevano nemmeno incontrato l'ormai ex vicepresidente Mario Cal. Che non ha retto psicologicamente, dopo essere stato indicato per settimane come il responsabile del buco miliardario provocato da anni di spese fuori controllo per dar vita ai mirabolanti progetti di don Verzè.

Don Verze' e Mario CalDon Verze' e Mario Cal

L'operazione San Raffaele vede come protagonista ultimo il cardinale Tarcisio Bertone, 77 anni a dicembre, Segretario di Stato dal 2006, intenzionato a creare un polo sanitario europeo che metta insieme il Policlinico Gemelli e il Bambin Gesù di Roma, il San Raffaele di Milano, la Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo.

L'arrivo nella Segreteria di Stato, come numero due di un Pontefice teologo e totalmente alieno dai giochi del potere politico-economico, ha fatto sì che il cardinale salesiano, nel giro di un quinquennio, estendesse la sua influenza ben al di là della curia romana, dove peraltro il numero dei salesiani in posti di rilievo è cresciuto e dove uomini a lui legati gestiscono le finanze vaticane: l'ultimo in ordine di tempo è l'arcivescovo Domenico Calcagno, appena nominato alla guida dell'amministrazione del patrimonio della Santa Sede, al posto del dimissionario cardinale Nicora il quale sarebbe stato contrario all'operazione San Raffaele.

Berlusconi e Don VerzéBerlusconi e Don Verzé

Decisivi per Bertone sono gli anni genovesi: è nella città ligure che incontra alcuni personaggi destinati poi ad emergere - come Marco Simeon, la cui ascesa in Rai è stata sponsorizzata dal cardinale - e manager che saranno da lui cooptati nei vari enti collegati al Vaticano. Giuseppe Profiti, difeso dalla Santa Sede nel corso delle sue disavventure giudiziarie, diventa presidente del Bambin Gesù di Roma. Mentre Domenico Crupi va a guidare Casa Sollievo della Sofferenza, il grande ospedale garganico fondato da Padre Pio. Sia Profiti che Crupi hanno lavorato al Galliera di Genova, ospedale presieduto dall'arcivescovo della città.

GIULIO TREMONTIGIULIO TREMONTI

L'acquisizione del San Raffaele rientra dunque in questa strategia. Bertone ha inviato a Milano quattro uomini a lui vicini per controllarlo: oltre al già citato Profiti, ci sono l'imprenditore genovese Vittorio Malacalza, il presidente dello Ior, Ettore Gotti Tedeschi, e l'ex ministro della Giustizia Giovanni Maria Flick.

bertone papa bigbertone papa big

I nuovi arrivati, dopo aver chiuso con la gestione di Mario Cal e aver ridotto ad onorifico il ruolo di don Verzè, intendono prendersi il tempo necessario per vagliare i conti del San Raffaele, che non è mai stato un ospedale «cattolico»: soltanto dopo lo Ior - non una qualsiasi merchant bank ma l'Istituto per le Opere di Religione - deciderà se procedere a un aumento di capitale e a cominciare a risanare i disastrati bilanci mettendo sul piatto duecento milioni di euro.

ETTORE GOTTI TEDESCHIETTORE GOTTI TEDESCHI

Dove il progetto bertoniano sembra invece essersi arenato, è con il Policlinico Gemelli. Il Segretario di Stato negli ultimi mesi ha tentato infatti di cambiare gli equilibri interni all'Istituto Toniolo, la «cassaforte» dell'Università Cattolica, per sostituire in fretta il cardinale Dionigi Tettamanzi con l'ex ministro Flick. Ma ora tutto è rimandato a dopo l'arrivo del nuovo arcivescovo, Angelo Scola.

giuseppe profiti papa ratzingergiuseppe profiti papa ratzinger

Anche sul versante più propriamente politico Bertone è attivissimo: dopo aver avocato a sé la cabina di regia dei rapporti con la politica, tentando di sottrarla alla Cei, sta promuovendo un ricompattamento dei cattolici in vista del dopo Berlusconi.

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?