UN'ALTRA MAZZATA PER LA SANTADECHE’! VISIBILIA E’ AL COLLASSO: DANIELA SANTANCHÈ DEVE VERSARE, ENTRO DUE SETTIMANE, 4,5 MILIONI DI EURO PER EVITARE IL FALLIMENTO - LA MINISTRA HA “GIRATO” AL TRIBUNALE LA PALAZZINA IN CUI VIVEVA PER RIPIANARE I DEBITI DELL’AZIENDA - LA PROCURA DI MILANO HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER FALSO IN BILANCIO PER DANIELONA E ALTRI 16 EX AMMINISTRATORI, MANAGER E SINDACI, TRA CUI IL COMPAGNO DI SANTANCHÈ DIMITRI KUNZ. L’UDIENZA SI TERRÀ IL PROSSIMO 3 OTTOBRE…

-

Condividi questo articolo


Nicola Borzi per il Fatto Quotidiano - Estratti

 

DANIELA SANTANCHE DANIELA SANTANCHE

Due settimane. È questo il tempo che resta a Daniela Santanchè per decidere il destino di Visibilia Editore, la Spa quotata del disastrato gruppo editoriale e pubblicitario fondato e amministrato dalla ministra del Turismo del governo Meloni e senatrice di Fratelli d’Italia.

 

Entro il 24 o 25 luglio, quando si terrà l’assemblea degli azionisti, Santanchè dovrà approvare o meno l’aumento di capitale dell’azienda o lasciarla finire in decozione. La decisione non sarà indolore: la ministra è chiamata a iniettare in Visibilia Editore 4,5 milioni attraverso la sua società Athena Pubblicità, il nuovo nome di Visibilia Concessionaria Srl. Altri 1,7 milioni sono chiesti agli azionisti di minoranza.

 

daniela santanché daniela santanché

A fissare la data spartiacque è stato l’avvocato Maurizio Irrera, nominato amministratore giudiziario di Visibilia Editore il primo marzo, quando il Tribunale ne ha deciso il commissariamento su richiesta della Procura lombarda. La stessa Procura nei giorni scorsi, dopo indagini nate dagli esposti degli azionisti di minoranza capitanati dal finanziere Giuseppe Zeno, ha chiesto il rinvio a giudizio per falso nei bilanci di Visibilia editore, Visibilia Srl in liquidazione e Visibilia Editrice Srl per Santanchè e altri 16 tra ex amministratori, manager e sindaci. L’udienza preliminare per la ministra e gli altri imputati si terrà il 3 ottobre.

 

(...)

daniela santanché in palestra daniela santanché in palestra

Per Santanchè la richiesta di rifinanziamento da 4,5 milioni è una mazzata. La somma che dovrà sborsare per evitare il fallimento della Editore, gravata dall’inchiesta per falso in bilancio che la vede coinvolta, è infatti 7 volte e mezza maggiore rispetto al 29 febbraio, quando la società era ancora gestita dai vecchi manager. L’ultimo giorno prima del commissariamento, l’azienda aveva presentato un piano di risanamento che prevedeva – fra le altre misure – un aumento di capitale di Visibilia Editrice per un solo milione, deliberato in via programmatica dall’assemblea dei soci del 16 febbraio. Athena si era detta disponibile a sottoscriverlo per 600 mila euro, garantendone 450 mila. Ora la cifra da garantire aumenta di 10 volte.

 

daniela santanche' casa di milano daniela santanche' casa di milano

Di fronte a Santanchè ci sono vere forche caudine. Se l’aumento chiesto da Irrera non scattasse, Visibilia Editore potrebbe finire in liquidazione giudiziale, il “vecchio” fallimento, con rischi legali per gli ex amministratori e manager, ministra compresa, già imputati per falso nei bilanci dal 2016 al 2022. Secondo l’accusa, i conti sarebbero stati manipolati per presentare al mercato rendiconti in buona salute mentre, con le cifre vere, ne sarebbe emersa la pesante crisi.

Se invece l’operazione andasse in porto, la società potrebbe essere tolta dal listino di Borsa.

daniela santanché Dimitri Kunz D’Asburgo daniela santanché Dimitri Kunz D’Asburgo DANIELA SANTANCHE DIMITRI KUNZ DANIELA SANTANCHE DIMITRI KUNZ

(...)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)