L'AVVERSIONE AL DDL ZAN SPIEGATA DA MATTIA FELTRI: "PROPRIO NON CAPISCO QUESTA AMBIZIONE DI VIETARE L'ODIO PER LEGGE ("ODIARE NON È UN DIRITTO", DICEVANO GLI STRISCIONI). SAREBBE COME VIETARE PER LEGGE L'INVIDIA O LA VILTÀ, CIOÈ LA NATURA UMANA. E INFATTI VORREI DIRE A CHI IERI - ANCHE LÌ, PARLAMENTARI, GIORNALISTI E INTELLETTUALITÀ VARIA - HA DEFINITO VIGLIACCHI, MISERABILI, INCIVILI, IGNOBILI, ORRIBILI, RETROGRADI E VOMITEVOLI GLI AVVERSARI DEL DDL ZAN, ECCO, VORREI DIRGLI DI TENERSELO STRETTO IL DIRITTO ALL'ODIO…"

-

Condividi questo articolo


Mattia Feltri per "la Stampa"

 

MANIFESTAZIONE A FAVORE DEL DDL ZAN MANIFESTAZIONE A FAVORE DEL DDL ZAN

Sono una brutta persona, lo so, ma lo spettacolo tardo pomeridiano di destra contro sinistra - dopo la tumulazione del ddl Zan contro l'omofobia - mi pare lo spettacolo del trionfo globale, delle bandierine che sono state piantate dove dovevano essere piantate per segnalare a vista d'occhio la distanza dal maledetto avversario.

 

Sono una brutta persona e al primo sì, al secondo pure, ma al terzo, al quarto e al quinto che ha scritto della possibilità rimasta intatta di picchiare, aggredire o insultare gli omosessuali - e parlo di parlamentari, giornalisti e intellettualità varia - non mi posso trattenere. No, picchiare, aggredire e insultare è vietato, pure senza ddl Zan e indipendentemente dalle inclinazioni sessuali del picchiato o dell'aggredito.

 

MANIFESTAZIONE A FAVORE DEL DDL ZAN MANIFESTAZIONE A FAVORE DEL DDL ZAN

Se il picchiato o l'aggredito è tale proprio a causa delle sue inclinazioni sessuali, la punizione è già adesso, pure senza ddl Zan, più severa (mai sentito parlare dei futili e abietti motivi?). Si voleva soltanto introdurre punizioni ancora più severe delle punizioni già più severe: potrà piacere, ma è tutto un altro discorso.

 

Però il punto è un altro: sono una brutta persona e proprio non capisco questa ambizione di vietare l'odio per legge (odiare non è un diritto, dicevano gli striscioni). Sarebbe come vietare per legge l'invidia o la viltà, cioè la natura umana. E infatti vorrei dire a chi ieri - anche lì, parlamentari, giornalisti e intellettualità varia - ha definito vigliacchi, miserabili, incivili, ignobili, orribili, retrogradi e vomitevoli gli avversari del ddl Zan, ecco, vorrei dirgli di tenerselo stretto il diritto all'odio.

 

Condividi questo articolo

politica

COME MAI VITTORIO SGARBI, A "UN GIORNO DA PECORA", HA AFFOSSATO IL SOGNO DI SALIRE AL COLLE DI BERLUSCONI ANNUNCIANDO A DESTRA E A MANCA CHE LA SUA CAMPAGNA DI RECLUTAMENTO E' IN DIFFICOLTÀ? PARE CHE UN ESPONENTE FORZISTA ABBIA SUSSURRATO AL CAV: “MA COME SI FA AD ANDARE A CACCIA DI VOTI CON SGARBI, INVISO ANCHE A SE STESSO?" - L’ARZILLO VECCHIETTO DI ARCORE PARE ABBIA CONVENUTO: “HAI RAGIONE, VITTORIO È UN COJONE, TUTTO FUMO”. MA QUANDO LA CRITICA DEL CAV E' ARRIVATA ALL'ORECCHIO DI SGARBI, AL “CRITICO D’URTO” È PARTITO L’EMBOLO…

"I DUE GAY INCONTRATI DA BERLUSCONI? UNO È DI SINISTRA, L’ALTRO DI DESTRA" - VITTORIO SGARBI A "LA ZANZARA" FORNISCE NUOVI DETTAGLI PER L'IDENTIKIT DELLA COPPIA DI GRANDI ELETTORI ANDATA A CENA CON SILVIO: "UNO È DEPUTATO, L’ALTRO CONSIGLIERE REGIONALE. PRIMA ABBIAMO TELEFONATO, POI LI ABBIAMO INVITATI A CASA DI BERLUSCONI. SONO PRONTI A VOTARLO PER IL QUIRINALE, QUESTI DUE SICURAMENTE LO VOTANO. LI HO STANATI IO. LUI LI HA RICEVUTI CON TUTTI GLI ONORI. È STATO UN INCONTRO MERAVIGLIOSO” - VIDEO